Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Distruggi la foresta nel carrello

Distruggi la foresta nel carrello

Che si tratti di margarina, cioccolato, bistecca, pane, panna o detersivo, questi prodotti di uso quotidiano contribuiscono alla massiccia distruzione delle foreste e di altri ecosistemi. Perché è prodotto con materie prime agricole importate dall’Unione Europea e dalla Germania e viene convertito in seminativi e pascoli verdi in altre parti del mondo. I rivenditori e i produttori possono impedirlo con catene di approvvigionamento trasparenti e sostenibili. Tuttavia, uno studio randomizzato condotto dal WWF tra 27 aziende tedesche ha mostrato che c’era la necessità di raggiungere gli obiettivi e che c’erano gravi debolezze nell’attuazione. Il WWF Deforestation Scorecard mostra: Gli impegni volontari non fermano i volantini. Pertanto, la legge dell’UE per fermare la deforestazione globale deve garantire che le materie prime ei prodotti che hanno il potenziale per distruggere la natura possano essere reinseriti in campo da tutti i partecipanti al mercato. Altrimenti, la natura sana in Sud America, Asia e Africa continuerà a essere trasformata per il nostro consumo interno”, spiega Maja Catherine Richer, esperta del WWF per le materie prime agricole sostenibili.

Per la prima volta, la WWF Deforestation Scorecard esamina sostanze pericolose come olio di palma, semi di soia, cacao e prodotti a base di carne bovina, in parallelo e in base al fatto che le aziende tedesche abbiano integrato la protezione contro la distruzione delle foreste nelle loro catene di approvvigionamento. Le materie prime esaminate sono tra i principali fattori di deforestazione e degrado e trasformazione di ecosistemi come savane, praterie e zone umide. Quindici aziende su 27, ovvero il 56 percento, hanno risposto che solo Lidl è stata in grado di impegnarsi completamente per catene di approvvigionamento libere dalla deforestazione, che proteggono anche altri ecosistemi critici dalla deviazione e influiscono su tutte le materie prime e le catene di approvvigionamento. Altre tre società – Beiersdorf, Kaufland e Metro – si sono impegnate a favore della deforestazione e di catene di approvvigionamento senza diversione, ma non guardano a tutte le loro materie prime e alle loro intere catene di approvvigionamento.

READ  Porsche 968 Turbo S: 650.000 euro per il 4 cilindri

Nel complesso, c’è ancora margine di miglioramento: anche le aziende con i migliori risultati – Lidl, Beiersdorf, PHW Group, Aldi Nord, Aldi Süd e Kaufland – ottengono solo un punteggio compreso tra il 67 e il 61 percento nella valutazione complessiva. È chiaro che le aziende tedesche hanno da recuperare. Tra le aziende leader a livello mondiale, gli impegni volontari, la deforestazione e le segnalazioni senza diversione sono già più prevalenti”, ha affermato il giudice Richer.

Il confronto delle materie prime mostra che le aziende sono principalmente interessate all’acquisto di olio di palma: a seguito di anni di campagne di conservazione della natura, ora è considerato un problema anche dal pubblico. Le aziende si affidano alla certificazione: 13 aziende riferiscono che oltre il 75% della loro fornitura di olio di palma è certificato. Nel caso della soia e del cacao, invece, una sola azienda ha una filiera tracciabile, in modo da poter identificare chiaramente l’origine della materia prima. La tracciabilità è bassa anche per i prodotti a base di carne bovina come carne, sottoprodotti dell’alimentazione animale o gelatina: solo due aziende su dieci che hanno segnalato questi prodotti si sono prefissate l’obiettivo di voler risalire ai prodotti fino all’allevamento.

Le aziende hanno ottenuto risultati migliori per quanto riguarda il tema della due diligence sui diritti umani e la sua attuazione, la cui partecipazione è stata presa in considerazione anche nell’analisi. I principi guida delle Nazioni Unite su imprese, diritti umani e obblighi di segnalazione riconosciuti a livello internazionale ai sensi della legge tedesca sulla catena di approvvigionamento, che si applicheranno a partire dal 2023, dovrebbero contribuire a questo.

READ  T come Tesla?: Il segreto rivelato: Elon Musk spiega cosa rappresenta veramente il logo di Tesla | newsletter

Alle aziende tedesche coinvolte nell’industria della carne e dei mangimi, nella vendita al dettaglio e nella produzione di alimenti, nei beni di consumo e nelle industrie chimiche e alle farmacie che usano o vendono comunemente materie prime pericolose è stata richiesta una scheda di valutazione della deforestazione del WWF. Il 44% delle aziende non ha risposto alla richiesta del WWF. Questi includono, ad esempio, produttori di prodotti a base di carne come Meica e Herta e produttori di mangimi per animali come Agravis o Deutsche Tiernahrung Cremer. Maja Catherine Richer afferma: “Tra questo gruppo tranquillo, possono esserci individui impegnati, ma la maggior parte di loro spera di liberarsi della negatività e della mancanza di trasparenza. Per raggiungere queste aziende, la pressione della società civile è importante, ma non è sufficiente in stesso. Pertanto, dobbiamo Il governo federale dovrebbe lavorare per migliorare l’attuale disegno di legge dell’UE per fermare la deforestazione globale. Oltre alla tracciabilità delle materie prime sul campo, i requisiti legali devono includere controlli rigorosi e sanzioni rigorose. Inoltre, l’attuale disegno di legge prevede non copre tutti gli ecosistemi in pericolo A causa degli effetti dello sfollamento, le nuove aree coltivate possono diffondersi e distruggere ecosistemi diversi dalle foreste, ma per fermare la biodiversità e la crisi climatica è necessaria una legislazione forte e completa”.

sfondo:
L’Unione Europea è responsabile del 16% della deforestazione tropicale in relazione al commercio mondiale e, all’interno dell’Unione Europea, la Germania è considerata un “primo candidato” e quindi ha una responsabilità speciale. La Germania è anche la seconda europea per quanto riguarda le importazioni europee di soia. Con la perdita delle foreste e di altri ecosistemi, non solo l’habitat degli esseri umani e degli animali sta scomparendo, ma anche la biodiversità e le crisi climatiche vengono ulteriormente alimentate. Le foreste sono punti caldi della biodiversità e, come altri ecosistemi, immagazzinano enormi quantità di carbonio che vengono rilasciate quando vengono distrutte. Secondo un’analisi di Global Forest Watch, oltre il 10 per cento delle emissioni globali di gas serra sono dovute alla sola distruzione delle foreste tropicali.

READ  Rassegna stampa/azienda