Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Disastro del ghiacciaio in Italia: il numero dei dispersi scende a cinque

Stato: 05.07.2022 17:00

A due giorni dalla rottura del ghiacciaio delle Dolomiti, il numero dei dispersi è sceso da 13 a cinque. Bene anche un tedesco ricercato per un’auto non reclamata.

Il numero dei dispersi è sceso da 13 a cinque nel secondo giorno di uno scivolone glaciale nelle Dolomiti italiane. Lo rende noto la provincia autonoma di Trento, dove si trova il monte Marmalata, dove domenica si è staccato il ghiacciaio. Le autorità sono state in grado di recuperare otto persone. Inizialmente temevano di poter essere tra gli scalatori scomparsi sepolti. Inoltre, il numero di feriti nelle cliniche è sceso a sette quando un paziente è stato dimesso.

A causa del rischio di ulteriori valanghe e dell’ininterrotto svolgimento dei soccorsi, l’area intorno alla montagna è stata finora chiusa, come annunciato dalla provincia trentina. Nella ricerca, i soccorritori hanno utilizzato principalmente droni perché il terreno non era stabile e la ricerca a terra era ancora pericolosa.

Una ricerca difficile

Durante i sorvoli già completati, gli assistenti hanno detto di aver trovato dei vestiti sul luogo dell’incidente sulla Marmolada, la montagna più alta delle Dolomiti. Tuttavia, non è chiaro se si tratti degli abiti delle vittime, ha detto un membro dell’unità elicotteri della provincia trentina, citato dall’agenzia di stampa Ansa. Secondo l’Ansa, gli aiutanti hanno trovato anche “resti dei dispersi” durante la ricerca. Mauricio Dellantonio, capo del Soccorso alpino, ha detto ai giornalisti che c’erano resti umani molto piccoli che non potevano essere classificati. “Queste sono cose molto dolorose”, ha aggiunto.

Valanghe, detriti e valanghe sono esplose domenica pomeriggio da un ghiacciaio delle Dolomiti. Ha ucciso almeno sette alpinisti. Otto persone, tra cui un uomo e una donna tedeschi, sono rimaste ferite. Si ritiene che altri cinque siano scomparsi.

Il proprietario dell’auto tedesca ha deciso

Le autorità hanno ora identificato il proprietario del veicolo, che ha targa tedesca. Lo ha confermato la polizia all’agenzia di stampa Dpa. La sua macchina è stata parcheggiata in un parcheggio utilizzato da molti alpinisti sulla strada per Marmalada Peak. Dopo l’incidente di domenica pomeriggio, nessuno è stato il primo a tornare sull’auto targata bavarese. Quindi le autorità non hanno escluso che i prigionieri possano essere tra le vittime. Secondo la polizia, non è così. La persona ha superato la fase di pericolo.

Nel frattempo, i medici hanno continuato a curare due tedeschi feriti dalla caduta del ghiacciaio in due cliniche della provincia di Belluno. Non ci sono nuove informazioni sulla loro condizione. “Sei ancora in terapia intensiva”, ha detto un portavoce dell’ospedale.

La ricerca può richiedere settimane

Il soccorso alpino si è impegnato a utilizzare 15 esperti e cani per la ricerca delle vittime di valanghe da mercoledì o giovedì. Tuttavia, le condizioni meteorologiche sono state determinanti per lo spiegamento dei servizi di soccorso a terra. Lunedì le autorità hanno sospeso le operazioni di ricerca e soccorso a causa della tempesta.

Si teme che la ricerca sotto il ghiaccio e le rocce richieda settimane. La valanga ora si è calmata ed è diventata molto più dura. Si può scavare solo con attrezzatura tecnica, che nella situazione attuale, non può essere portata sul sito, ha detto Dellantonio, responsabile del Soccorso alpino.

Relativo alla crisi climatica

Gli esperti stanno indagando sulla causa della rottura del ghiacciaio Effetti del cambiamento climatico. Primo Ministro italiano Mario Draghi E il capo dello Stato, Sergio Mattarella, condivide questa valutazione. Nel corso degli anni, il ghiaccio del ghiacciaio delle Alpi si è sciolto a causa delle alte temperature. La zona di Marmalade era insolitamente calda nei giorni precedenti l’incidente.

READ  Colonia Dignitad - L'Italia libera esponente di spicco della politica

Gli esperti hanno spiegato che lo scorso inverno c’era insolitamente poca neve, motivo per cui il caldo estivo ora è più intenso sui ghiacciai delle Alpi italiane. Il Consiglio nazionale delle ricerche stima che il ghiacciaio Marmalade sarà completamente scomparso in 25-30 anni se le attuali condizioni climatiche continueranno.

La marmellata si trova nelle Alpi italiane in Trentino, al confine con il Veneto, a nord-est di San Pellegrino.