Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Delta fa saltare in aria l’infortunio britannico: quanto è grave?

Da 22 a 256: Delta esplode Incidenti britannici: 3 cifre mostrano quanto sia davvero grave la situazione

Nel Regno Unito il numero di contagi è in aumento da settimane. I valori ora sono tornati al livello di gennaio. Ma la situazione è così grave come all’inizio dell’anno? FOCUS Online gestisce l’esame e spiega cosa significa per la Germania.

Virologi ed epidemiologi hanno tenuto la Gran Bretagna con grande rispetto per settimane. Dopo che il numero di infezioni è diminuito in modo significativo dall’inizio dell’anno, attualmente è di nuovo in aumento. Generato da una variabile delta. Accoppiato con passaggi di apertura e semplificazione delle procedure attuali.

Ma la situazione sull’isola è davvero così grave? Il numero di infezioni sta aumentando rapidamente lì, ma questo non si applica al numero di pazienti in terapia intensiva o al numero di decessi. FOCUS Online mostra come i numeri delle infezioni influenzano lo stato dell’epidemia nel paese e mostra se la Germania minaccia lo stesso sviluppo.

1. Nuove infezioni

Da metà maggio, la Gran Bretagna ha registrato più persone infette quasi ogni giorno rispetto al giorno prima. Le autorità britanniche hanno dichiarato che il valore di mercoledì era di 32.548. Circa una settimana fa, il 29 giugno, c’erano ancora 22.525 nuove infezioni. Il 15 maggio il valore era solo 2212. Il Ministero della Salute ha recentemente assegnato all’infezione di sette giorni un valore di 256,2 – il 15 maggio, le autorità lo hanno assegnato a 22,1. Il tasso di infezione nel Regno Unito è aumentato di oltre dieci volte in sole otto settimane.

Un fattore in particolare è responsabile dell’aumento dei contagi: il tipo delta del coronavirus. B.1.617 è più contagioso del tipo selvatico di Sars-CoV-2. Inoltre, secondo i risultati di ricerche precedenti, la prima dose del vaccino non protegge sufficientemente dall’infezione.

READ  Nuova infezione Corona: RKI indica un valore R elevato - il numero di casi è in aumento, soprattutto tra i giovani

Tra l’altro, gli scienziati britannici ne avevano uno sulla rivista di settore “il bisturi” Uno studio pubblicato con 250 partecipanti volontari quantifica l’alto rischio di infezione dopo la prima e la seconda vaccinazione. Conclusione: dopo la prima vaccinazione, la protezione anticorpale contro le varianti virali come delta non è più sufficiente. Tuttavia, la Gran Bretagna ha perseguito una strategia di vaccinazione in cui vengono somministrati per primi quanti più vaccini primari possibili. Le seconde vaccinazioni sono state rimandate il più indietro possibile. Questo approccio può ora vendicarsi.

Vuoi una comprensione più profonda?

Ben informato sulla crisi con la nostra guida Corona: gli esperti spiegano cosa stai facendo COVID-19 bisogno di sapere.

2. Pazienti Covid in ospedale

Quindi, mentre il numero di nuove infezioni nel Regno Unito sta aumentando in modo esponenziale, il numero di pazienti ospedalizzati sta aumentando in misura molto minore. Secondo gli attuali dati del Ministero della Salute, i pazienti Covid attualmente ricoverati in ospedale sono 2.140. Per fare un confronto: il 15 maggio erano 964.

Quindi l’aumento è ovvio, ma non è affatto alto come quello di una nuova infezione. Secondo la situazione attuale, 369 pazienti dipendono dalla ventilazione: il 15 maggio c’erano 121 pazienti.

Per valutare cosa significhi questo aumento del numero di malati di corona negli ospedali, è utile guardare ai mesi di gennaio e dicembre. Circa 30.000 persone sono state infettate qui ogni giorno di recente. Tuttavia, a gennaio con 37.756 pazienti, sono stati ricoverati più di quindici volte, a dicembre con 19.117 pazienti quasi dieci volte il numero attuale.

READ  7 circuiti superiori a 35 critici - queste regole ora si applicano nelle città

Il numero di pazienti sottoposti a respirazione a gennaio ha superato il valore di luglio di 4.032 pazienti di oltre dieci volte e il valore di dicembre è stato tre volte superiore con 1362 pazienti.

3. Fatalità

C’è un terzo numero che mostra quanto gravemente il Regno Unito sia attualmente colpito dalla pandemia: il numero di decessi giornalieri. Il 6 luglio era 37. Il 18 gennaio il valore era 459 e il 25 gennaio era fino a 1220.

Il confronto mette in proporzione il numero di infortuni

Un confronto di questi quattro valori mostra che il numero di nuove infezioni ogni giorno consente solo dati limitati sugli effetti del processo di infezione. Lo ha confermato anche lo scienziato infettivo Christoph Spinner in un’intervista a FOCUS Online. Altri parametri devono essere presi in considerazione. Ad esempio, quante persone si ammalano gravemente o addirittura hanno cicli fatali.

Per la Gran Bretagna questo significa concretamente: sì, il numero dei contagi è di nuovo in aumento, così come il numero dei decessi e dei ricoveri. Tuttavia, quest’ultimo è a un livello molto più basso rispetto agli ultimi mesi con lo stesso livello di nove infortuni.

Il Regno Unito vuole tornare alla normalità da metà luglio

Resta in dubbio se ciò giustifichi i passi di apertura che il primo ministro Boris Johnson ha annunciato a metà mese. Dal 19 luglio, la Gran Bretagna dovrebbe tornare alla normalità. Significa: regole di distanza e requisiti della maschera Autunno. I locali notturni e le discoteche possono riaprire e non ci sono più restrizioni pubbliche per gli eventi.

Lo scienziato dell’infezione Christoph Spinner avverte: “In Gran Bretagna, non sono state vaccinate o infettate abbastanza persone per ottenere l’immunità di gregge”. Inoltre, la diffusione di nuove varianti assicura che il virus si diffonda più facilmente. Riesce a capire il dibattito sulle aperture. Ma: “Non dovremmo gettare a mare tutte le responsabilità”, spiega in una chat FOCUS online.

READ  Anomalie a livello nazionale: la Baviera ossessionata da Corona e da un Corona perdente - Politica interna

La Germania è minacciata dallo stesso sviluppo?

Gli esperti temono che anche la Germania possa affrontare un simile aumento dei contagi. Questo era già il caso l’anno scorso, ad esempio quando la Gran Bretagna è stata colpita da una seconda grave ondata di infezione dovuta alla variante alfa. Poco dopo, B.1.1.7 si è diffuso anche in Germania, causando anche qui un nuovo aumento delle infezioni.

La variante delta è principalmente responsabile dell’evento attuale nel Regno Unito. Questo si sta diffondendo sempre di più anche in questo Paese. Qualche settimana fa la loro quota era solo una piccola percentuale, ma ora è dominante in Germania. Con una quota del 59%, il Robert Koch Institute ha spiegato mercoledì sera nella sua ultima valutazione delle varianti del virus.

Per non vedere un altro aumento dei numeri e per seguire ancora l’esempio della Gran Bretagna, la Germania “consiglia bene” di effettuare le aperture con cautela e solo gradualmente. E lo scienziato del contagio Christoph Spinner avverte di non rinunciare a tutte le misure in una volta, come pianifica Boris Johnson.

Guarda nel video: L’aria del deserto annega la Spagna – Il record di calore in Europa potrebbe calare