Aprile 11, 2021

Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Da Venezia al Lago di Como, le gemme turistiche italiane faticano a galleggiare

Per più di un anno dall’epidemia, Venezia è stata una città fantasma. Deserte sono anche Portobino, colorato parco giochi per jet-set sulla spiaggia ligure, e Varenna sulle rive del Lago di Como.

Il coronavirus ha avuto un forte impatto sul turismo in Italia, la quinta destinazione più grande del mondo: una terza ondata è ora in corso, senza una fine apparente in vista.

L’Italia ha visto un calo del numero di turisti lo scorso anno, con solo 25,5 milioni di visitatori stranieri che hanno trascorso almeno una notte nella penisola, un calo di oltre 65 milioni nel 2019, oltre il 60%.

Ha registrato ricavi per 17,45 miliardi di euro (20,6 miliardi di dollari), in calo di 26,85 miliardi di euro rispetto all’anno precedente, secondo i nuovi dati della Banca d’Italia.

“La situazione è davvero drammatica e bisogna fare di tutto per rilanciare un settore molto importante per il nostro Paese”, ha detto Carlo Changalli, presidente della Camera di commercio italiana.

La società di ricerca Demoscopica afferma che quasi 100.000 aziende del settore turistico italiano sono a rischio di bancarotta, con 440.000 posti di lavoro che probabilmente andranno persi.

– “No George Clooney” –

“Il 2020 sarà un disastro per noi”, ha detto Marina Denti, titolare di un negozio di pelletteria a Varenna, un bellissimo villaggio di pescatori sul Lago di Como.

I clienti d’oltremare, in particolare gli americani con grandi spese, non hanno visto le sue entrate diminuire dell’80% lo scorso anno.

“Anche George Clooney non tornerà mai più con questa epidemia”, ha detto, riferendosi al proprietario di casa più famoso della zona, il proprietario di una prospera villa sull’altra sponda del lago, a Lucio.

READ  Bulgaria vs Italia: l'Italia lavora in Bulgaria

Prima che il corona virus si diffondesse in tutto il paese e oltre, il turismo rappresentava quasi il 14% del PIL per l’Italia, la terza economia della zona euro.

Il crollo di questo importante motore economico ha precipitato il paese nella peggiore recessione dalla seconda guerra mondiale lo scorso anno, con alberghi e ristoranti chiusi per mesi.

Per cercare di rimettere in sesto le cose, le Ferrovie italiane stanno offrendo il primo collegamento ferroviario ad alta velocità “Covid free” tra Roma e Milano in Europa, a partire dai primi di aprile.

Tutto il personale ed i passeggeri saranno controllati prima dell’imbarco.

Alitalia ha lanciato lo scorso anno un’iniziativa simile su alcuni voli nazionali e internazionali.

I sindaci di Venezia e Firenze, culla dell’arte e della storia, intanto hanno unito le forze in cerca di aiuti d’urgenza da parte del governo, sostenendo che l’Italia non verrà ripristinata se queste due città non torneranno a piedi.

– Visione oscura –

“Venezia, che ha perso i turisti, è diventata una città morta come Pompei.

In tutta Italia, i pernottamenti dei turisti stranieri sono diminuiti del 54% a 184,1 milioni entro il 2020 e le prospettive per il 2021 rimangono fosche.

“Il turismo internazionale in Italia non dovrebbe tornare ai livelli pre-epidemici prima del 2023”, ha avvertito Giorgio Balmucci, direttore dell’Istituto nazionale del turismo.

Portobino, meta ambita da celebrità e milionari di tutto il mondo, non è nemmeno esclusa. I suoi negozi Rolex e Christian Dior sono molto vuoti, in attesa dell’arrivo di una ricca clientela straniera.

“Entro il 2020, abbiamo avuto l’anno peggiore in un decennio”, ha sospirato Emanuela Catanio, proprietaria di un’enoteca al porto, sulla mancanza di clienti americani e inglesi.

READ  In the Cave of Sirs - una linea di terra riporta l'Italia al Medioevo | Europa

Tuttavia, alcuni rari turisti stranieri hanno goduto della straordinaria tranquillità.

Rainer Libert da Heidelberg, Germania, è venuto a Milano, dove lui e la sua famiglia hanno ammirato la vista dal tetto del gotico Dio della città.

“È così bello essere qui quando non ci sono molte persone in giro”, ha detto. “Questa è la scelta migliore che possiamo fare in termini di circostanze”.

Pochi giorni dopo l’arrivo di Libert, Dio è stato nuovamente chiuso per i controlli del virus corona, poiché le sfide che i siti turistici italiani hanno affrontato hanno colpito nel segno.

bh-ams / ar / lth