Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Da martedì in Italia entra in vigore la regola 2G nei luoghi di lavoro

D.Gli è praticamente vietato lavorare per chi non è stato vaccinato oltre i 50 anni, che entrerà in vigore martedì, ed è stato aggiornato il dibattito sul Generale in Italia. Vaccinazione obbligatoria Come carburante. Dall’8 gennaio dovrebbero essere vaccinati tutti coloro che hanno raggiunto l’età di 50 anni o coloro che l’hanno raggiunta entro la fine dell’obbligo generale di immunizzazione correlata all’età il 15 giugno. Inoltre, dal 15 febbraio, la norma 2G si applica alle persone di età superiore ai 50 anni che possono recarsi al lavoro solo se guarite o vaccinate; Il test negativo non basta più.

Dal 1 febbraio gli over 50 che non hanno la copertura vaccinale completa – con due o tre dosi, a seconda della data di somministrazione della prima dose di vaccino – saranno multati di 100 euro. Coloro che rientrano in questa fascia di età saranno multati se si recano al lavoro senza un Super Green Pass (prova secondo la regola 2G) da questo martedì, piuttosto che la sanzione generale per non vaccinare oltre i 50 anni. I dipendenti rischiano una multa da 600 a 1.500 euro per la prima violazione e sono sospesi dal lavoro senza retribuzione né oneri sociali. Tuttavia, i licenziamenti non sono pronunciati per il superamento del requisito del vaccino. I datori di lavoro che non rispettano il loro dovere normativo dovrebbero aspettarsi una multa da 400 a 1000 euro. In caso di recidiva, entrambe le parti rischiano il doppio delle sanzioni.

Mezzo milione di non vaccinati espulsi dal lavoro?

È discutibile se l’introduzione della vaccinazione obbligatoria legata all’età abbia portato al risultato desiderato. Circa 650.000 persone di età superiore ai 50 anni sono state vaccinate da quando il vaccino obbligatorio è stato introdotto cinque settimane fa. A questa età 1,5 milioni di persone non sono vaccinate. Cioè, dall’introduzione del vaccino obbligatorio, solo il 30 per cento di coloro che non sono stati vaccinati a questa età è stato finalmente vaccinato. La percentuale di coloro che rifiutano il vaccino “duro” è ancora più alta tra le persone di età compresa tra i 50 e i 59 anni. Il numero totale delle persone colpite dallo sciopero dal 15 febbraio è stimato in mezzo milione. In totale, l’Italia ha 8,8 milioni di lavoratori e dipendenti di età superiore ai 50 anni. Di conseguenza, quasi il sei per cento di loro è stato escluso dal processo lavorativo da martedì perché il requisito del vaccino è stato superato.

READ  Coppa del Mondo di Salto ed Evento Quattro Stelle in Italia -

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha sostenuto l’introduzione dei vaccini legati all’età alla Rai domenica sera come “il passo giusto e coraggioso”. Il ministro ha avvertito che si dovrebbe “continuare a essere vigili” anche se il numero di contagi in tutto il Paese, in particolare di quelli ricoverati in ospedale, scende significativamente in due settimane buone. Sperenza ha affermato che il successo del vaccino ha solo mitigato la recente ondata di infezioni. “Il 91 per cento di tutti gli italiani di età superiore ai dodici anni è stato vaccinato almeno una volta”, ha sottolineato il ministro, ma ha riconosciuto che nell’ultimo mese e mezzo sono state colpite più persone. Infettato due anni fa.

I commercianti si oppongono al divieto di lavorare sopra i cinquant’anni senza vaccinazione o prova di guarigione e che i lavoratori che dovrebbero essere sospesi non possono essere facilmente sostituiti. Inoltre, il controllo dello stato di immunizzazione dei dipendenti di età superiore ai 50 anni è responsabilità dell’azienda, il che comporta costi significativi.