Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Crisi in Afghanistan: la Turchia si oppone all’accoglienza dei rifugiati

Stato: 22/08/2021 06:45

Con la crisi in Afghanistan, la Turchia teme un massiccio movimento di rifugiati in Occidente. Tuttavia, il presidente Erdoğan ritiene che i limiti dell’accoglienza degli immigrati nel suo Paese siano già stati raggiunti.

Alla luce della situazione critica in Afghanistan, è chiaro che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è contrario ad accettare più rifugiati nel suo Paese.

In una conversazione telefonica con il cancelliere Angela Merkel, ha nuovamente avvertito che la Turchia non sopporterebbe alcun “onere aggiuntivo” se gli afghani fossero fuggiti in Occidente su larga scala. Lo ha annunciato l’Ufficio presidenziale di Ankara.

Milioni di rifugiati vivono già in Turchia

“Una nuova ondata migratoria è inevitabile se non vengono prese le misure necessarie in Afghanistan e Iran”, ha detto Erdogan alla Merkel. Tuttavia, la Turchia ha già accolto circa cinque milioni di rifugiati. Non si può fare di più.

La Turchia ha accolto più rifugiati di qualsiasi altro Paese al mondo. Oltre a circa 3,6 milioni di siriani, vi abitano già centinaia di migliaia di altri migranti, compresi gli afgani.

Più supporto per le organizzazioni umanitarie

Tuttavia, secondo la vice portavoce del governo tedesco, Ulrike Demmer, Merkel ed Erdogan hanno convenuto che portare in salvo le persone vulnerabili dall’Afghanistan è una “priorità assoluta”. Inoltre, la Germania e la Turchia vogliono coordinare più da vicino il loro sostegno alle organizzazioni internazionali di soccorso, in primo luogo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Erdogan ha più volte avvertito negli ultimi giorni di un imminente esodo di massa dall’Afghanistan alla Turchia e all’Unione Europea. In considerazione di ciò, il governo turco dovrebbe Costruire il muro di confine con l’Iran spingere oltre.

READ  Attacchi di Hamas: Israele attacca obiettivi terroristici a Gaza - Politica all'estero