Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Crisi delle compagnie aeree: Lufthansa rimborsa gli aiuti di Stato

Crisi delle compagnie aeree: Lufthansa rimborsa gli aiuti di Stato

Stato: 12 ottobre 2021 10:39

Lufthansa sta facendo progressi nel ritiro degli aiuti di Stato. Il gruppo ha rimborsato 1,5 miliardi di euro di contributi federali silenziosi. Entro la fine dell’anno sono previsti ulteriori provvedimenti.

Il Gruppo Lufthansa, duramente colpito dalla crisi del Corona, ha rimborsato parte degli aiuti di Stato. La compagnia aerea ha dichiarato ieri sera che un contributo silenzioso del Fondo federale per la stabilità economica (WSF) ha completamente sostituito 1,5 miliardi di euro. Il restante miliardo – un secondo, tacito conferimento – dovrà essere restituito entro la fine dell’anno.

CEO Spohr fiducioso

Lufthansa aveva raccolto i fondi necessari per questo attraverso un aumento di capitaleche ammontava a 2,162 miliardi di euro. “Siamo molto grati per la stabilità di Deutsche Lufthansa AG con entrate fiscali nei momenti più difficili”, ha affermato il presidente di Lufthansa Carsten Spohr. “Siamo sempre più ottimisti sul futuro”.

Ciò significa che la compagnia aerea sta facendo progressi nel tentativo di rimettersi in piedi finanziariamente. Nella crisi di Corona, Lufthansa ha ricevuto contributi governativi silenziosi pari a 5,7 miliardi di euro, di cui è stata utilizzata solo una parte. Inoltre, c’era un prestito di garanzia statale pari a tre miliardi di euro. Come parte dell’investimento diretto, WSF ha anche acquisito una quota del 20% in Lufthansa per 300 milioni di euro. Le azioni silenziose, come la partecipazione al capitale, sono conteggiate come azioni, il che assottiglia il bilancio di Lufthansa e rende più facile raccogliere capitali dall’estero.

Meno condizioni, più libertà di azione

Il sostegno del governo ha anche degli svantaggi per la compagnia aerea. Da un lato, i prestiti comportano un onere per interessi relativamente elevato. Il sostegno statale limita anche la capacità operativa del gruppo. Pagare tutti gli aiuti del governo è un prerequisito per ulteriori fusioni e acquisizioni tra le compagnie aeree europee. Fintanto che le aziende del settore sono sovvenzionate dallo Stato, è loro vietato fondersi. Il capo di Lufthansa Carsten Spohr ha dichiarato quando ha annunciato l’aumento di capitale a settembre che la crisi aveva praticamente messo in pausa il processo.

READ  Microlino alla prova: l'Isetta di BMW è basata su un'auto elettrica

Il seguente programma per il ritiro degli aiuti di Stato da parte di Lufthansa prevede che il gruppo annulli la parte non utilizzata della prima partecipazione tacita entro la fine dell’anno. A febbraio, la compagnia aerea ha già rimborsato un prestito della banca di sviluppo statale KfW per un importo di 1 miliardo di euro. Il World Social Forum ha ridotto la partecipazione dal 20 al 14% a metà agosto. Anche il fondo statale ha portato alti profitti. Perché il valore delle azioni è quasi triplicato a causa dell’enorme balzo del prezzo delle azioni Lufthansa dall’ingresso.