Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Costi energetici e carenza di materie prime: salgono i timori per l’Italia

Stato: 23/03/2022 08:46

L’economia italiana crolla di nuovo dopo l’impatto del Coronavirus A seguito della guerra in Ucraina, il paese sta affrontando una grave battuta d’arresto.

Elizabeth Pongrats, ART Studio Roma

Il ristorante sulla spiaggia di Anzio, a sud di Roma, è ricco di La Cabanna, un weekend all’insegna del relax. Particolarmente apprezzati sono il fritto misto, il fritto di pesce ei frutti di mare, ma oggi Fulvio deve stupire ancora e ancora i suoi ospiti. “I pescherecci non si spegnevano a causa del problema con il diesel e tutto il resto”, afferma. “Ecco perché non c’erano molti pesci. Abbiamo potuto comprare pesce, ma non tutto è stato fornito”. I pescatori stanno affrontando una grave crisi a causa dei prezzi elevati del diesel, che rendono la pesca insostenibile. Erano in sciopero da diversi giorni e molti scaffali erano vuoti. Gli effetti della guerra in Ucraina si fanno spesso sentire.

Elisabetta Pongrats
Studio ARD Roma

Quasi tutto il gas viene importato

L’imprenditrice siderurgica Emma Marcecaglia è una forza da non sottovalutare in Italia, avendo precedentemente presieduto la Confindustria Industry Association ed è stata recentemente nominata membro dell’International Advisory Council dell’OCSE. In un’intervista stima: “Entro il 2020 il costo dell’elettricità nel settore manifatturiero sarà di circa nove miliardi di euro. Oggi ne stimiamo 55 miliardi”. Secondo Marcekaglia, non è così: “Abbiamo già alcune aziende del settore della ceramica, fonderie e alcune aziende siderurgiche che sospendono la produzione causando perdite”.

L’Italia è fortemente dipendente dal gas e il Paese mediterraneo deve importarne più del 90 per cento. Questo sta diventando un rischio incalcolabile per le aziende che da decenni affrontano alti costi dell’elettricità. Il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi sta affrontando questo, l’ultimo venerdì con 4,4,4 miliardi. “Con queste misure, stiamo intervenendo per aiutare i cittadini e le imprese a far fronte ai prezzi dell’elettricità più alti”, ha affermato Draghi. “Particolare attenzione viene riservata alle famiglie in difficoltà e alle filiere produttive ad alto rischio”.

READ  Risarcimento per crimini nazisti - La Germania intenta una causa contro l'Italia

L’industria del mobile alla ricerca di oggetti

Il rischio più grande: i costi elevati possono impedire la ripresa, che è appena iniziata e dovrebbe ridurre l’onere del debito del Paese. L’industria del mobile in particolare stava davvero seguendo l’epidemia di corona, una dopo l’altra scendendo sul tavolo dei produttori. Ma ora i sogni minacciano di esplodere.

Claudio Feltrin, presidente dell’Associazione Legno e Mobili, afferma che la guerra ha esacerbato problemi preesistenti. “È ogni giorno più difficile ottenere il prodotto. Quando lo trovi, è più costoso di quanto ci aspettassimo. Il costo complessivo aumenta. Ad un certo punto, i prezzi devono salire, ma sta riducendo la competitività dei nostri prodotti”.

La Russia ha sospeso le esportazioni di legname a gennaio. Questo fa un enorme buco, ad esempio, quando si tratta di legno di betulla, la Russia rappresenta l’80% della domanda mondiale. “Nel nostro settore, il legno di betulla viene utilizzato per imballaggi, particelle, per supportare il parquet inciso”, afferma Feldrin. “Il prezzo non è troppo alto, ma la funzionalità tecnica è importante. Ora sta diventando più difficile. I produttori di barquet sono in crisi perché non possono permettersi la merce”.

Altri fornitori dal sud-est asiatico

Improvvisamente le aziende devono cercare nuovi fornitori. La Steel di Emma Marcegaglia è una delle dieci più grandi aziende a conduzione familiare in Italia. Lavora circa 6,2 milioni di tonnellate di acciaio ogni anno. “Abbiamo acquistato delle materie prime dalla Russia e dall’Ucraina. Ora stiamo cercando di differenziare le fonti”, afferma Marsekoglia. “Improvvisamente siamo rimasti senza questi fornitori, motivo per cui sto cercando di trovare altri fornitori di materie prime, soprattutto nel sud-est asiatico”.

READ  Con la potenza della NHL contro l'Italia: la Germania si prepara - Nazionali

Gli imprenditori credono fermamente che, nonostante tutte le difficoltà, l’Italia voglia portare avanti le sue riforme e modernizzare il Paese. L’UE sta fornendo quasi 200 miliardi di euro in prestiti e sovvenzioni attraverso fondi di ristrutturazione, con flussi di denaro verso il digitale, l’energia rinnovabile e un’economia sostenibile. “È chiaro che se la carenza di materie prime continuerà, ci saranno ritardi nell’attuazione”, ha affermato Marcegaglia. Ma il nostro governo e l’Italia vogliono perseguire gli obiettivi concordati con l’Ue. Faremo tutto il possibile per raggiungerlo nei tempi concordati”.