Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Süßkartoffeln: Wirklich ein Low Carb-Snack?

Cosa posso fare per la sindrome delle gambe senza riposo, Claudia Trinkwalder?

Professor Trinkwalder, come descriverebbe la sindrome delle gambe senza riposo a qualcuno che non la conosce?

Si tratta di disturbi molto spiacevoli, sensazioni anomale, solitamente alle gambe, che di solito si manifestano solo negli stati di riposo. Il fattore decisivo è che è legato alla necessità di muoversi. Ciò significa che il paziente sente di doversi alzare e muoversi. Poiché le gambe senza riposo sono soggette a un ritmo circadiano, si verificano principalmente di sera o di notte e hanno un effetto pronunciato sul sonno. Alla fine, i disturbi del sonno sono ciò che spinge la maggior parte dei pazienti a consultare un medico. È davvero una condizione grave che influisce sulla salute e sulla qualità della vita.

La causa della sindrome delle gambe senza riposo è nota?

Le ragioni sono varie. Da un lato ci sono fattori genetici. Ora conosciamo fino a 19 geni rischiosi, che, in vari gradi, possono portare a una maggiore tendenza delle persone a sviluppare la sindrome delle gambe senza riposo durante la loro vita. Ci sono anche fattori esterni: alcune delle malattie preesistenti come la carenza di ferro, le malattie renali o le malattie infiammatorie possono scatenare un’epidemia.

Se c’è una predisposizione genetica, i bambini sviluppano anche la sindrome delle gambe senza riposo?

Si. Ci sono bambini e ragazzi che ne soffrono. La sindrome delle gambe senza riposo è quasi sempre familiare. Più giovane è l’età dell’epidemia, maggiore è il carico genetico. Successivamente, il numero di altri fattori coinvolti nel suo sviluppo è aumentato.

Il problema comune è che la sindrome delle gambe senza riposo è sconosciuta.

Sì: il paziente, da parte sua, non associa spesso la necessità di muoversi la sera, disturbi del sonno e stanchezza. E ovviamente il medico di famiglia deve fare le domande giuste per la diagnosi. Se soffri di un disturbo del sonno, il medico dovrebbe sempre farti una o due domande sulla sindrome delle gambe senza riposo (RLS). È utile disporre di un foglio di valutazione che può essere utilizzato per valutare la sindrome delle gambe senza riposo – International RLS Severity Scale (IRLS). (Copia dell’esaminatore = anche file https://kinup.de/wp-content/uploads/2012/04/IRLS1.pdf)

READ  Compagnia in conversazione: Goliath Trans Lining a Pfungstadt

Di quali disturbi secondari può soffrire la sindrome delle gambe senza riposo?

La malattia stessa è stressante per il corpo. Sappiamo che i disturbi cronici del sonno sperimentati dai pazienti con gambe senza riposo portano sempre più a disturbi psichiatrici, sbalzi d’umore o stati d’animo depressivi. Devi immaginare che a volte questo significa che non dormi mai bene per settimane o mesi. Questo ovviamente porta a disagio e depressione, e la qualità della vita e le prestazioni lavorative sono significativamente influenzate. Quindi sorge la domanda se la sindrome delle gambe senza riposo (RLS) può anche causare ipertensione durante la notte. O se l’ipertensione a sua volta provoca la sindrome delle gambe senza riposo. Sicuramente sembra esserci una connessione qui.

Potrebbe essere che non ti svegli di notte a causa della voglia di muoverti, ma hai episodi di veglia come l’apnea notturna? Quindi non si rigenera davvero di notte?

gridare. È un criterio tipico e anche diagnostico, perché si dovrebbero esaminare i pazienti con RLS in un laboratorio del sonno, che ci siano aumentati movimenti delle gambe. Questi sono i cosiddetti movimenti periodici delle gambe, PLM. Può verificarsi durante il sonno e portare a riflessi di risveglio, o cosiddetti risvegli. La persona interessata continua a dormire ma entra in una fase di sonno più leggera e quindi non entra in un sonno profondo. Proprio perché i movimenti delle gambe si ripetono più e più volte. Tuttavia, un aumento dei movimenti delle gambe può verificarsi anche durante i normali periodi di veglia notturna. Questo è ancora un segno molto tipico della sindrome delle gambe senza riposo. Il risultato è che molti pazienti non sperimentano un sonno ristoratore in casa – anche se sono stati a letto forse per sei ore, la qualità del sonno semplicemente non è buona.

READ  Gli aiuti del governo a Corona per le grandi aziende rimangono inutilizzati

Quali trattamenti ci sono?

Prima di tutto, controllerai sicuramente il tuo metabolismo del ferro e vedrai se c’è una carenza che deve essere trattata. Il medico vedrà anche se c’è un’altra malattia di base che necessita di cure. Questi sono i primi passi prima della terapia farmacologica a lungo termine.

Quali farmaci vengono utilizzati?

In passato, la L-dopa veniva spesso utilizzata come farmaco di base, come la dopamina. Nel frattempo, sarà probabilmente somministrato un antagonista della dopamina. Ma entrambi dovrebbero essere prescritti a basse dosi. Questo è il messaggio principale. Perché può portare a un aumento e un peggioramento dei sintomi della sindrome delle gambe senza riposo durante il trattamento farmacologico. Problema: molti pazienti sperimentano che i farmaci non funzionano più correttamente e quindi aumentano la dose da soli. Questo porta a una sorta di circolo vizioso. Il trattamento non funziona correttamente, ne stai assumendo di più e, di nuovo, non abbastanza. In questo contesto, alla fine c’è un’eccessiva stimolazione con la dopamina, che si traduce nell’opposto di ciò che stai cercando di ottenere. Invece di migliorare i sintomi, peggiorano. Questo è un effetto collaterale molto grave ed è attualmente il problema principale nel trattamento della sindrome delle gambe senza riposo (RLS) in Germania. Poca attenzione viene prestata al fatto che un aumento può verificarsi sotto farmaci contenenti dopamina.

Diresti: più tardi inizi la terapia farmacologica, meglio è?

Sì. D’altra parte, direi anche: se il sonno è sereno o non puoi stare tranquillo la sera, vai al cinema o al ristorante con gli amici, allora, ovviamente, dovresti prendere qualcosa. Non vale la pena stare seduti tutto il tempo. Ma dovresti solo stare attento a evitare l’eccesso. A volte aiuta anche la terapia intermittente, cioè a prendere qualcosa solo quando si avverte una forte urgenza di muoversi, ad esempio quando si guida un’auto. Tuttavia, molti che soffrono di insonnia quotidianamente richiedono un trattamento continuo. I sintomi spesso diventano più evidenti con l’età.

READ  Accordo del G7 sulle tasse minime: "Svolta storica"

Quali opzioni non farmacologiche sono disponibili?

Leggeri movimenti delle gambe al pomeriggio e alla sera per una buona circolazione sanguigna. Anche evitare caffè e caffeina aiuta, che a loro volta possono portare all’insonnia. A volte, una doccia o un massaggio alternati danno sollievo. Ma se c’è una forte voglia di muoversi, probabilmente non basterà.

Che altro consiglio hai per chi soffre?

Alla fine, è una malattia che cambia: ci sono momenti in cui le cose vanno meglio e momenti in cui le cose vanno male. Questo è anche legato a fattori ambientali come lo stress. Ma il paziente dovrebbe sapere che il medico può svolgere un ruolo per alleviare i sintomi. Ma non è come dare un antibiotico e l’infezione scompare. Non puoi curare le gambe irrequiete. Le persone colpite dovrebbero cercare di integrare la malattia nella vita, attraverso l’esercizio e l’esercizio moderato. Questo è importante per me perché i pazienti continuano a venire da noi in clinica e a dire: “Ho la sindrome delle gambe senza riposo (RLS), per favore fai qualcosa, deve andare avanti! In molte aree della vita si ferma per sempre. Possiamo solo formulare raccomandazioni su come affrontarlo nella vita di tutti i giorni’ .

Claudia Trinkwalder

Claudia Trinkwalder È neurologo e dirigente medico presso la Clinica Paacelsus Elena di Kassel ed è anche Professore di Disturbi del movimento presso la Clinica di Neurochirurgia presso il Centro medico universitario di Göttingen. Era un medico senior in neurologia presso l’Istituto di psichiatria Max Planck a Monaco di Baviera e ha completato la sua riabilitazione sulla sindrome delle gambe senza riposo dopo un soggiorno di ricerca negli Stati Uniti. Con questo in mente, è membro fondatore dell’European Study Group RLS e fondatrice dell’Associazione tedesca delle gambe senza riposo, che si è posta il compito di aiutare circa 100.000 persone con la sindrome delle gambe senza riposo. (https://www.restless-legs.org)