Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corte Suprema: la Corte Suprema degli Stati Uniti abroga la legge sull’aborto

A partire dal: 24/06/2022 16:42

Per quasi 50 anni, gli Stati Uniti hanno avuto il diritto federale all’aborto. Ora la Corte Suprema lo ha ribaltato – e le leggi dei singoli stati vengono nuovamente applicate.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la legge sull’aborto del Paese. La Corte Suprema ha affermato che sei dei nove giudici hanno votato a favore della decisione.

Hanno deciso contro una decisione storica di 50 anni. Nel 1973, nel caso Roe v. Wade consente aborti in tutti gli Stati Uniti prima che il feto sia vitale, che è di circa 24 settimane di gestazione.

Rue contro Wade

Nella storica sentenza “Roe vs. Wade” del 22 gennaio 1973, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che le leggi statali che vietano l’aborto violano la Costituzione degli Stati Uniti. Da allora, gli aborti sono stati praticamente illimitati nella maggior parte degli stati degli Stati Uniti.

Il nome è dovuto allo pseudonimo “Jane Roe”, scelto per proteggere l’attore. L’imputato in Texas era allora il procuratore distrettuale della contea di Dallas Henry Wade. “Roe v. Wade” è una delle decisioni socialmente più controverse nella storia della Corte Suprema, che all’epoca era contrassegnata da una maggioranza liberale di giudici.

Si applicano le leggi statali

Con la nuova sentenza, la decisione sul diritto all’aborto spetta ora ai singoli Stati. In molti stati conservatori, come il Texas, l’Oklahoma e il South Dakota, esistono già leggi che limitano severamente l’aborto. Sono in vigore ora che i Regolamenti uniformi non sono più applicabili. Altri paesi vogliono seguire l’esempio.

READ  Notizie sulla guerra in Ucraina: gli amici di Putin sono a Tegernsi

La maggioranza conservatrice dei giudici ha votato a favore della sentenza. Il quotidiano statunitense Politico aveva già pubblicato una bozza della sentenza scritta dal giudice Samuel Alito all’inizio di maggio. Il suo rilascio ha suscitato proteste in tutto il Paese. Secondo i sondaggi, la maggioranza negli Stati Uniti sostiene il governo federale.

Il disegno di legge democratico è fallito

Dopo la pubblicazione della bozza di sentenza, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato in una dichiarazione scritta di sostenere ancora il diritto delle donne a prendere le proprie decisioni. Se la Corte Suprema ribalta la legge finora in vigore, tale diritto deve essere sancito dalla legge dal Congresso. Biden ha detto che sarebbe felice di firmare una legge del genere.

Poco tempo dopo, i Democratici hanno presentato al Senato degli Stati Uniti un disegno di legge sul diritto all’aborto. Tuttavia, questo non è riuscito.