Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corte arbitrale: Bayer Stock chiude più forte: Bayer non deve pagare a BASF alcun danno per le offerte di semi della Monsanto | newsletter

La Corte internazionale di arbitrato (ICC) di Parigi, davanti alla quale BASF ha presentato ricorso, ha respinto la causa intentata dal gigante chimico Ludwigshafen, ha annunciato Bayer. Un portavoce ha detto che la decisione non è ancora definitiva.

In connessione con l’acquisizione della Monsanto a metà del 2018, Bayer è stata costretta a liquidare parti della sua attività agroalimentare per motivi competitivi. A quel tempo, BASF ha acquisito la maggior parte delle attività di Bayer nel settore delle sementi, come colza, cotone e soia, per un totale di 7,4 miliardi di euro. BASF si è quindi lamentata del fatto che Bayer non avesse divulgato adeguatamente i costi operativi di queste transazioni e ha chiesto un risarcimento. Si dice che siano stati circa 1,7 miliardi di euro più vantaggi, ha detto un insider.

“Accogliamo con favore il rigetto della denuncia da parte del tribunale arbitrale”, ha affermato un portavoce della Bayer. “Bayer ha debitamente fornito informazioni sulla struttura dei costi dell’attività iniziale che è stata acquisita da BASF nell’agosto 2018 e non ha violato alcun obbligo contrattuale. Ciò è stato ora confermato dal tribunale arbitrale”.

Il successo nella disputa con BASF spinge Bayer

Sollievo per gli azionisti Bayer: contrariamente alle recenti preoccupazioni in merito alla vendita del business delle sementi, il gruppo farmaceutico e agrochimico non deve risarcire alcun danno al gruppo chimico BASF. Venerdì, le azioni Bayer sono aumentate del 4,78 percento tramite XETRA nella parte superiore del DAX fino a un prezzo di chiusura di € 54,15.

E così i giornali hanno interrotto la loro ultima discesa, che aveva iniziato a mostrare i numeri per il secondo trimestre poco più di una settimana fa. Da allora, sono diminuiti di quasi il 13 percento.

READ  Amazon manca le previsioni di vendita: minaccia di rabbia per la dieta e i farmaci per il miglioramento sessuale

Nel 2017 e nel 2018, Bayer ha venduto gran parte della sua attività di controllo delle sementi e delle erbe infestanti alla rivale locale BASF per 7,4 miliardi di euro. In tal modo, il gruppo ha voluto placare le preoccupazioni degli osservatori della concorrenza in merito all’eccessivo potere di mercato acquisendo più di 60 miliardi di dollari nel gigante americano dei semi Monsanto.

La rivale BASF ha presentato istanza di arbitrato nel 2019, sostenendo che alcune linee di costo non erano state adeguatamente divulgate e alcune delle attività spogliate non erano state allocate in modo appropriato. Bayer ha negato. Il collegio arbitrale ha respinto la causa, ha annunciato Bayer venerdì.

Secondo i rapporti, BASF ha richiesto 1,7 miliardi di euro oltre agli interessi. L’analista Richard Vosser di JPMorgan stima che Bayer consideri circa 1,5 miliardi di euro di passività potenziali per il caso. Questo onere imminente sugli utili, che corrisponde a circa il tre per cento del valore del mercato azionario, deve ora essere eliminato.

Con un aumento di circa il 14% nell’anno fino ad oggi, Bayer è uno dei pochi vincitori nell’indice leader in Germania, il DAX, che finora è sceso di oltre il 13%. Dopo alcuni anni difficili, l’azienda ha recentemente beneficiato di forti mercati agricoli e di migliori prospettive per la divisione farmaceutica.

Francoforte (Dow Jones) / Francoforte (dpa-AFX)

Altre notizie su BASF

Fonti immagine: BASF SE, BASF