Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona virus: studio dall’Italia mostra immunità a SARS-Cov-2 per diversi mesi

Covid-19, il primo italiano, è morto il 21 febbraio 2020, nella piccola comunità di Vau, nel nord Italia. La città di 3300 residenti è considerata uno dei primi hotspot governativi 19 al di fuori dell’Asia. Quando il virus è scoppiato lì, le autorità hanno risposto rapidamente. Gli alpinisti hanno distribuito le mascherine e un team di ricercatori dell’Università di Padova è venuto a testare la popolazione. Wo è ancora considerato un luogo scientificamente interessante per conoscere il virus corona, con circa l’86 percento della popolazione che partecipava all’epoca.

A maggio e novembre 2020, i ricercatori hanno riesaminato il sangue dei residenti di Wow per gli anticorpi contro il virus. Ora hanno pubblicato i risultati Nella rivista “Nature Communications”. Mostrano che la maggior parte delle vittime dopo i nove mesi precedenti ha neutralizzato gli anticorpi contro SARS-Cov-2 nel sangue.

A novembre, nel 98,8 per cento di quelli testati sono stati ancora trovati anticorpi contro il virus. La loro concentrazione è leggermente ridotta. Tuttavia, il 18,6% dei soccorsi ha mostrato un aumento significativo dei titoli anticorpali rispetto a maggio. Gli scienziati lo spiegano con il contatto aggiornato con il virus.

Per lo studio, i campioni di sangue sono stati valutati utilizzando tre test anticorpali commerciali. Poiché i test anticorpali funzionano con proteine ​​o antigeni diversi, i risultati dei tre test sono diversi. Così il capo dello studio, Andrea Krishanthi, ha osservato che, a seconda del test, il sistema immunitario può essere facilmente sopravvalutato o sottovalutato.

Lo studio ha anche scoperto che le famiglie sono a più alto rischio di infezione. Tuttavia, la maggior parte delle infezioni si è verificata al di fuori della famiglia. I ricercatori ritengono quindi che sia quasi impossibile controllare l’infezione da corona senza test di massa e blocco.

READ  L'Italia batte nettamente la Repubblica Ceca - kicker

Questo studio conferma anche l’esistenza di super spargitori. L’ottanta per cento di tutte le infezioni è causato da un quinto della maggior parte delle infezioni.