Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona virus: i sud-asiatici sono affetti da geni ad alto rischio

Scienziati dell’Università di Oxford hanno scoperto un gene che raddoppia il rischio di insufficienza polmonare e morte per coronavirus.

Le basi in breve

  • I ricercatori dell’Università di Oxford hanno scoperto il gene LZTFL1.
  • Raddoppia il rischio di insufficienza polmonare e morte per Covid-19.
  • Il 60 percento dei sud-asiatici e il 15 percento degli europei sono portatori del gene.

I ricercatori dell’Università di Oxford hanno studiato il motivo per cui ci sono alcune popolazioni nell’Asia meridionale e in Inghilterra Maggiore rischio di contrarre il COVID-19 Vestito. In tal modo, hanno fatto una scoperta sorprendente: il gene LZTFL1. Aumenta anche il rischio di insufficienza polmonare vorresti raddoppiato a causa del corona virus.

Si dice che il 60 percento delle persone sia di origine sud-asiatica e anche il 15 percento delle persone di origine europea portatore di geni. Per identificare il gene esatto, i ricercatori stanno utilizzando una combinazione di intelligenza artificiale e nuova tecnologia molecolare. Lo studio, basato su precedenti lavori genetici, è stato pubblicato sulla rivista Nature Genetics.

La scoperta che il gene del rischio non colpisce allo stesso modo tutte le popolazioni è molto importante, ha affermato il ricercatore principale James Davies. È un complesso mix di fattori. L’età in particolare contribuirebbe al rischio individuale di ogni persona.

Ha aggiunto: “I nostri risultati mostrano che le persone con geni rischiosi hanno maggiori probabilità di beneficiare maggiormente della vaccinazione contro il virus Corona”.

Un difetto del sistema immunitario quando viene infettato dal virus Corona

Davis e il suo team ritengono che la versione pericolosa del gene renda i polmoni delle persone più suscettibili all’infezione da coronavirus. Secondo la loro ipotesi, LZTFL1 disattiva un importante meccanismo protettivo che le cellule dei polmoni normalmente usano per proteggersi.

Una strategia di difesa per le cellule del rivestimento polmonare consiste nel passare a cellule meno specializzate. Questo rende le cellule meno suscettibili all’infezione con il coronavirus. Tuttavia, questo processo non funziona bene per le persone che hanno il gene LZTFL1. Le cellule polmonari rimangono vulnerabili all’invasione del virus.

Secondo i ricercatori è importante che il gene in questione non influenzi il sistema immunitario. Ciò significa che le persone ad alto rischio possono ancora ottenere la protezione immunitaria dal vaccino.

Gli scienziati sperano che la scoperta aiuterà a sviluppare nuovi farmaci che colpiscono i polmoni. farmaco attuale Agisce principalmente sul sistema immunitario.

Maggiori informazioni su questo argomento:

Studio dei decessi causati dal virus Corona


READ  Carenza di vitamina D come rischio corona: l'assunzione artificiale indebolisce la via del Covid-19