Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona non è ancora sconfitto: in questi paesi torna la chiusura

Corona non è ancora sconfitto
In questi paesi è tornato il lockdown

Il mondo sta entrando nella seconda stagione autunnale e invernale per l’epidemia. In molti paesi, il numero di infezioni è aumentato rapidamente negli ultimi tempi. Quindi alcuni governi stanno ricorrendo a un metodo collaudato: il lockdown. La misura sarà riattivata anche nel primo Paese Ue.

Alla luce del rinnovato aumento del numero di contagi, emergono preoccupazioni per l’ulteriore sviluppo dell’epidemia in Germania. Più e più volte, i politici di vari campi sottolineano che è un mantra che un nuovo arresto deve essere evitato a tutti i costi. Anche le scuole e gli asili nido dovrebbero rimanere aperti. Se questo può durare o per quanto tempo è attualmente aperto. In altri paesi, sono stati rilanciati i blocchi nella lotta contro il crescente numero di infezioni come metodo collaudato per contenere il coronavirus.

Lettonia

Alla luce del forte aumento del numero di infezioni, giovedì il governo di Riga ha tirato i freni di emergenza e ha inondato il Paese fino al 15 novembre, con ampie restrizioni e un coprifuoco notturno. “Siamo tutti in un regime più severo di quattro settimane”, ha detto il primo ministro Krisjanis Karenz. In Lettonia, il numero di nuove infezioni ha recentemente raggiunto un nuovo livello. Il tasso di infezione a 14 giorni è di circa 1.463 nuove infezioni ogni 100.000 abitanti – il valore massimo è l’inizio dell’epidemia. L’ECDC dell’Unione Europea ha attualmente il più alto tasso di infezione in Europa per la Lettonia.

Nel paese dell’Unione Europea che si affaccia sul Mar Baltico, possono rimanere aperti solo i negozi destinati alle necessità quotidiane. Rimarranno chiusi anche gli impianti ricreativi, culturali, ricreativi e sportivi e gli esercizi di ristorazione potranno vendere solo fuori casa. Sono vietati gli eventi e gli incontri. Inoltre, i cittadini possono uscire di casa solo tra le 20:00 e le 5:00 per una buona ragione. In Lettonia, poco più della metà della popolazione di 1,9 milioni è stata vaccinata contro il coronavirus. Il governo sta cercando da mesi, con modesti successi, di aumentare il basso desiderio di vaccinazione della popolazione.

Russia

In Russia, il lockdown sarà nuovamente applicato nella capitale, Mosca, dal 28 ottobre. Il sindaco Sergei Sobyanin ha annunciato che nella lotta contro il crescente numero di casi di Covid-19, tutti i negozi, i bar e i ristoranti dovranno chiudere nuovamente. I negozi dedicati alle necessità quotidiane come supermercati e farmacie continueranno probabilmente ad aprire. Il numero di nuove infezioni e il numero di decessi segnalati ogni giorno in Russia sono saliti a nuovi massimi negli ultimi giorni. Il governo incolpa la mancanza di preparazione alla vaccinazione per questo.

La città baltica russa di San Pietroburgo non ha imposto un blocco, ma introdurrà diverse nuove restrizioni nella vita pubblica dal 1° novembre. Da quel momento e nelle settimane successive, saranno gradualmente richiesti certificati di vaccinazione o di recupero per più tipi di eventi o luoghi pubblicamente disponibili. Il Cremlino ha recentemente sottolineato più volte che non era previsto alcun blocco a livello nazionale. La decisione su regole corona più severe spetta a ciascuna regione.

Ucraina

Anche in Ucraina il numero di casi di coronavirus è aumentato notevolmente di recente. Lunedì sono entrate in vigore nuove restrizioni in alcune aree dell’est e del sud del Paese, attualmente particolarmente colpite. Le autorità stanno attualmente segnalando nuovi massimi per il secondo giorno consecutivo con 23.785 nuovi contagi entro 24 ore e altri 614 decessi legati al virus. In totale, l’Ucraina ha circa 2,72 milioni di infezioni e oltre 63.000 morti.

Le nuove restrizioni sembrano avere un effetto positivo: la domanda di vaccini corona in Ucraina è aumentata notevolmente di recente. Come annunciato dalle autorità mercoledì, 226.587 persone sono state vaccinate contro il virus entro 24 ore, più che in qualsiasi momento dall’inizio della campagna di vaccinazione in Ucraina a febbraio. Le immagini circolate su Internet mostravano lunghe code davanti ai centri di vaccinazione del Paese.

Cina

I residenti di un’area residenziale in quarantena nella città di Yinchuan, nel nord-ovest della Cina, stanno ricevendo il necessario.

(Foto: Imago / Xinhua Pictures)

Con una politica di non diffusione del virus, la Cina ricorre ripetutamente a rigidi blocchi, anche con un numero ridotto di infezioni, al fine di prevenire la diffusione del virus Corona. Le restrizioni sulle persone sono attualmente in fase di rafforzamento in alcune parti del paese: anche la capitale, Pechino, e alcune aree del nord-ovest sono state colpite. A volte ai cittadini è vietato lasciare i loro complessi di appartamenti, l’insegnamento faccia a faccia nelle scuole è sospeso e le aziende devono chiudere. Con 28 infezioni trasmesse localmente rilevate, la Cina ha recentemente riportato il doppio del numero di casi il giorno prima.

Nuova Zelanda

In Nuova Zelanda, il blocco non è più in vigore, ma è ancora in vigore. Misure rigorose sono ancora in vigore ad Auckland, la città più grande del paese. E questo da agosto, quando la variante delta ha preso piede in Nuova Zelanda. Il primo ministro Jacinda Ardern non vuole porre fine al rigoroso blocco fino a quando il paese non raggiungerà il suo obiettivo di vaccinazione del 90%. Solo allora le persone completamente vaccinate “potranno incontrare di nuovo la famiglia e gli amici, andare in bar e ristoranti e fare le cose che amano con maggiore sicurezza e fiducia”, ha detto mercoledì Ardern. Ad oggi, circa il 68 percento delle persone è stato completamente vaccinato e l’86 percento ha ricevuto almeno una dose.

La Nuova Zelanda è stata in gran parte isolata dal resto del mondo dall’inizio della pandemia. Fino all’avvento della variante delta, la vita dei neozelandesi è rimasta quasi normale per diversi mesi. Pertanto, la nazione insulare è stata vista in tutto il mondo come un modello nella lotta contro Corona.

Gran Bretagna

La Gran Bretagna sta attualmente affrontando un massiccio aumento del numero di infezioni. Giovedì sono state segnalate circa 52.000 nuove infezioni. Il numero di ricoveri ospedalieri giornalieri è di quasi 1.000. Il tasso di mortalità è stato osservato martedì, con 223 casi segnalati, per l’ultima volta a marzo.

Il segretario alla sanità britannico Sajid Javid ha avvertito mercoledì che il numero di nuove infezioni ogni giorno potrebbe salire a 100.000. Tuttavia, il ministro ha affermato che “in questo momento” era ancora troppo presto per giustificare un ritorno alle regole della Corona che sono state abolite a luglio in gran parte dell’Inghilterra. Il 19 luglio, il cosiddetto “Giorno della libertà”, sono scaduti quasi tutti i regolamenti per contenere il virus.

Nel frattempo, tuttavia, si fa sempre più forte la richiesta di nuove misure contro il coronavirus nella nazione insulare. Matthew Taylor, amministratore delegato del NHS, ha dichiarato a The Guardian: “Abbiamo raggiunto il limite ed è metà ottobre. Ci vorrebbe molta fortuna per non trovarci in una grave crisi in tre mesi”. La British Medical Association ha accusato il governo di agire con “dolosa negligenza”.

Come molti altri, Taylor chiede al governo di attuare il Piano B, annunciato poche settimane fa, e significherebbe, ad esempio, reintrodurre l’obbligo della mascherina nelle stanze affollate e l’obbligo di mostrare i certificati di vaccinazione specialistica. eventi. Anche il presidente della BMA Chaand Nagpaul ha chiesto l’immediata reintroduzione delle misure Corona. Il governo ha promesso di adottare il piano B se il servizio sanitario nazionale rischia di esserne risucchiato. “Come medici di prima linea, possiamo dire categoricamente che questo punto è stato raggiunto”, ha detto Nagpol, secondo una dichiarazione.

READ  Corona: Italia, Croazia e Austria: le destinazioni di vacanza popolari per i tedeschi non sono più zone pericolose