Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona: le persone vaccinate hanno maggiori probabilità di essere infettate dalla variante B.1.351 dal Sud Africa rispetto alle persone non vaccinate.

  • A partire dalPamela Durhofer

    Vicino

Uno studio israeliano indica che i vaccini contro il Coronavirus non funzionano più correttamente contro la variante sudafricana B.1.351. Si applica il meccanismo del peccato antigenico?

TEL AVIV – I vaccini esistenti proteggono anche dalle mutazioni virali? Questo sembra essere il caso della variante britannica B.1.1.7, che ha quasi completamente sostituito il “tipo selvatico” di Sars-CoV-2 in diversi paesi e anche in Germania; Con al massimo una piccola perdita di efficacia. La situazione è diversa con la variante B.1.351, apparsa per la prima volta in Sud Africa.

Poi arrivano cattive notizie da Israele: secondo un recente studio dell’Università di Tel Aviv e dell’Organizzazione Universale della Sanità – la più grande compagnia di assicurazioni sanitarie in Israele – le persone che sono state vaccinate sono state infettate otto volte di più di quelle che non erano state vaccinate nel sud . L’alternativa africana. Tuttavia, i numeri sono generalmente molto piccoli, poiché questo ceppo virale si diffonde raramente in Israele, il 90% delle infezioni sono dovute all’alternativa britannica. Lo studio è stato pubblicato solo dopo che era stato precedentemente stampato su medRxiV e non è stato ancora esaminato.

La protezione vaccinale contro il coronavirus non è sempre efficace per la variante Corona sudafricana

In Israele, 4,9 milioni di persone – circa il 53% della popolazione – hanno ricevuto due dosi di vaccino. Vengono iniettati solo vaccini a mRNA e la maggior parte di essi proviene da Biontech / Pfizer, che è una frazione più piccola di Moderna. Per studiarlo, il team di ricerca ha esaminato campioni di 150 persone che erano risultate positive al Coronavirus ed erano parzialmente infette in modo asintomatico, ma anche parzialmente malate, sebbene avessero già ricevuto la prima vaccinazione o addirittura due vaccinazioni.

READ  Corona in Spagna: da lunedì in vigore le nuove regole di ingresso per i vacanzieri - Notizie all'estero

Il Times of Israel ha citato il direttore dello studio, Adi Stern, come dicendo: “Sulla base del quadro nella popolazione generale, ci aspettavamo di trovare un caso di tipo sudafricano, ma abbiamo visto otto casi”. Rispetto al ceppo virale originale e alla variante britannica, la variante sudafricana è in grado di penetrare nella protezione vaccinale. Ran Palser, direttore della ricerca presso l’organizzazione di sanità pubblica Clalit, ha affermato che lo studio è “estremamente importante”, in quanto è stato il primo a dati di base dal mondo reale.

Già alla fine di marzo, gli scienziati della Ben-Gurion University nel Negev hanno scoperto in test di laboratorio che il vaccino della Biontech-Pfizer non era in grado di neutralizzare completamente la variante sudafricana ed era anche meno efficace contro ceppi che avevano caratteristiche di sia gli inglesi che che portavano anche la variante del Sud. Africana.

studiando

Lo studio da Israele può essere trovato su www.medrxiv.org

Lo studio Corona con “dati del mondo reale” risulta peggio dei test di laboratorio

Questo team di ricerca ha lavorato con campioni di persone sopravvissute a un’infezione naturale, nonché campioni di persone completamente vaccinate e con la prima dose per il loro studio. Questa sostanza è stata esposta ai cosiddetti virus pseudo-corona in una capsula di Petri. A quel tempo, il risultato sembrava essere basso ma comunque efficace contro l’alternativa sudafricana. Questo era più alto che dopo essere sopravvissuto a un virus SARS-CoV-2 “wild type”.

I risultati dell’attuale studio con i “dati del mondo reale” sembrano peggiori al confronto. Ran Pleaser della Clalit Health Organization sottolinea l’importanza di essere vigili. Ciò include continuare a indossare maschere al chiuso e praticare l’allontanamento sociale. Sono inoltre essenziali il monitoraggio epidemiologico e il sequenziamento sistematico del materiale virale nei campioni corona-positivi.

READ  Un riferimento agli immigrati clandestini: l'Arizona fa causa alle regole di vaccinazione di Biden

Fino ad ora, l’alternativa sudafricana era scarsa in Israele. Il leader dello studio Addy Stern presume che sia responsabile solo dell’1% circa degli infortuni. Nello studio non sono state trovate altre mutazioni. I ricercatori ritengono che le condizioni in Israele siano più favorevoli agli inglesi rispetto all’alternativa sudafricana.

Il vaccino Astrazeneca protegge a malapena dalla variante sudafricana

Settimane fa, uno studio dal Sud Africa ha dimostrato che il vaccino Astrazeneca, che si basa su una tecnologia diversa come vaccino vettore, protegge a malapena dalla variante sudafricana. Pertanto, la vaccinazione con il vaccino è stata interrotta in Sud Africa.

Ancora più preoccupante dello studio israeliano è il fatto che le persone vaccinate avevano maggiori probabilità di contrarre il tipo sudafricano rispetto alle persone non vaccinate, anche se c’erano solo otto casi in totale. Lo studio inoltre non ha fornito alcuna indicazione sul fatto che le persone vaccinate infettate dal virus B.1.351 avessero contratto il Covid-19 e quanto fosse grave la malattia. Potrebbe giocare qui il cosiddetto “peccato antigenico”? C’è già un lavoro scientifico separato dedicato a questa teoria per quanto riguarda Sars-CoV-2. È importante sottolineare che il peccato antigenico è una teoria, non un fatto provato.

Il peccato dell’antigene è valido? Il sistema immunitario si basa su una vecchia versione dell’antigene

Presupposto: se il sistema immunitario è già stato infettato da un virus e poi incontra una nuova variante, può tendere a formare anticorpi solo contro strutture a lui familiari dal patogeno originale. Secondo questa teoria, il sistema immunitario produrrà sempre copie di anticorpi contro questo antigene, che ha riconosciuto al primo contatto e non sarebbe in grado di adattarsi adeguatamente. Il principio può essere applicato anche all’innesto. Nella peggiore delle ipotesi, ciò potrebbe essere dannoso quando si è esposti a una nuova variante del virus perché il sistema immunitario è concentrato su una vecchia versione dell’antigene. Nel caso di SARS-CoV-2, questa struttura bersaglio è una proteina spike; Tutti i vaccini sono basati sulla versione originale di questa proteina.

READ  Regione del Mar Nero: morti dopo le alluvioni in Turchia

Ora, tuttavia, mutazioni di nuove varianti virali si stanno verificando specificamente su questa proteina appuntita, nella variante in gran parte sudafricana della proteina britannica. L’immunologo americano Matthew Woodruff della Emory University di Atlanta scrive di questo problema sulla rivista scientifica britannica The Conversation. È preoccupato che gli aggiornamenti dei vaccini che sono stati adattati a nuovi ceppi virali possano essere meno efficaci nelle persone che hanno già ricevuto le prime vaccinazioni. In questo caso, la memoria immunitaria potrebbe interferire con lo sviluppo di una buona risposta immunitaria al vaccino adattato. Il mondo scientifico dovrà affrontare questo problema emergente e lavorare su vaccini “complessi” che agiscano contro molti ceppi del virus. I vaccini sono già in fase di ricerca per l’influenza. La conoscenza di ciò dovrebbe, secondo l’immunologo statunitense, essere trasferita immediatamente a Sars-CoV-2. (Pamela Durhofer)