Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Conseguenze del cambiamento climatico: sempre più malattie causate dalle punture di zecca

Come risultato del cambiamento climatico
Sempre più malattie causate dalle punture di zecca

Negli ultimi 12 anni, molte più persone sono state infettate da una puntura di zecca rispetto a prima. I ricercatori attribuiscono questo alle estati più lunghe e più secche. Una persona su sette sviluppa effettivamente la malattia di Lyme, che viene trasmessa dalle zecche.

Secondo uno studio, il numero di casi di malattie trasmesse dalle zecche è raddoppiato negli ultimi 12 anni. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista BMJ Global Health, l’aumento è dovuto a estati più lunghe e più secche dovute al cambiamento climatico, alla migrazione degli animali e al “maggiore contatto con gli animali domestici”. Gli agricoltori e altre persone che interagiscono regolarmente con animali ospiti delle zecche come cani e pecore sono particolarmente a rischio.

Secondo lo studio, circa una persona su sette nel mondo è già infetta dalla malattia di Lyme, che viene trasmessa dalle zecche. L’Europa centrale ha il più alto tasso di infezione al 20%. Secondo questo, il 14,5% delle persone in tutto il mondo ha anticorpi contro la malattia di Lyme nel sangue, segno di una precedente infezione.

La malattia di Lyme è causata da batteri trasmessi dalle punture di zecca. Le persone colpite spesso sviluppano un’eruzione cutanea e manifestano sintomi simil-influenzali, inclusi dolori muscolari e articolari, mal di testa, nausea e vomito. La malattia può essere fatale in rari casi.

I numeri del cosiddetto meta-studio si basano su una valutazione di oltre 4.000 studi. I ricercatori hanno raccolto dati da 89 studi ammissibili. Ciò includeva un totale di 160.000 partecipanti. Dopo l’Europa centrale, le regioni con i livelli di anticorpi più elevati sono l’Asia orientale con il 15,9%, l’Europa occidentale con il 13,5% e l’Europa orientale con il 10,4%. I Caraibi hanno il tasso più basso con appena il due per cento. I ricercatori hanno avvertito che i numeri potrebbero essere distorti da test più regolari nelle aree in cui la malattia è generalmente più comune.

READ  Ci salveranno nella crisi degli antibiotici? I fagi uccidono i batteri infettivi