Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Congedo forzato non retribuito: Qantas rilascia 2.500 dipendenti

Congedo forzato non retribuito: Qantas rilascia 2.500 dipendenti

Congedo obbligatorio non retribuito
Qantas rilascia 2.500 dipendenti

Sidney è chiusa da cinque settimane e al momento i viaggi tra gli stati australiani sono possibili solo in misura limitata. La compagnia aerea nazionale Qantas ritira il freno di emergenza e licenzia temporaneamente 2.500 dipendenti.

A causa del forte calo dei voli nazionali durante la pandemia di Corona, la compagnia aerea australiana Qantas vuole licenziare 2.500 dipendenti. Come annunciato dalla compagnia, la misura colpisce piloti, assistenti di volo e personale aeroportuale di Qantas e della sua controllata Jetstar. Il congedo dovrebbe iniziare a metà agosto e durare circa due mesi.

Qantas 2,80

“Questa è ovviamente l’ultima cosa che vogliamo fare, ma ora stiamo affrontando un lungo periodo di operazioni di volo ridotte e ciò significa che un certo numero di nostri dipendenti è senza lavoro”, ha affermato il CEO di Qantas Alan Joyce. I dipendenti saranno pagati per altre due settimane fino all’entrata in vigore della modifica. Non ci sono piani per tagliare posti di lavoro.

La maggior parte dei dipendenti interessati lavora nello stato del New South Wales, dove sono state imposte severe restrizioni di viaggio a causa dell’epidemia di coronavirus. Sydney, la città più grande dell’Australia, è chiusa da settimane.

La compagnia aerea ha dichiarato di essere in profonda interruzione a causa della pandemia: Qantas è stata costretta a ridurre il numero di voli nazionali a meno del 40% a luglio. Durante la crisi di Corona, la compagnia aerea aveva già imposto un rigoroso programma di austerità e ristrutturazione: lo scorso anno, Qantas aveva annunciato i tagli di migliaia di posti di lavoro.

READ  Compagnia in conversazione: Goliath Trans Lining a Pfungstadt