Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Conferenza mondiale sull’AIDS: rendi forte l’azione contro l’HIV!

BERLINO – Occorre garantire finanziamenti adeguati a livello globale quest’anno: sono in gioco milioni di vite. L’emergenza sanitaria causata dalla guerra in Ucraina e l’epidemia internazionale di vaiolo delle scimmie richiedono urgenti risposte di solidarietà.

Si conclude oggi la 24a Conferenza Internazionale sull’AIDS a Montreal. Il messaggio dal mondo professionale a un pubblico globale è diventato molto chiaro negli ultimi cinque giorni: l’impegno contro l’HIV/AIDS deve finalmente continuare con tutta la sua forza. Sono necessari sforzi speciali dopo le gravi battute d’arresto causate dal COVID e le enormi sfide poste dalla guerra in Ucraina.

“Sono in gioco i successi degli ultimi decenni e con essi la vita e la salute di milioni di persone. Ora abbiamo urgente bisogno di forti finanziamenti per le attività globali per combattere l’HIV nei prossimi anni”, afferma Silvia Urban del Consiglio di Direttori della German AIDS Aid Association (DAH) La Germania può e deve dare un contributo più forte di prima.

La Germania dovrebbe contribuire di più

A settembre si è tenuta a New York la cosiddetta conferenza sulla ripresa del Global Fund to Fight AIDS, Tuberculosis and Malaria (GFATM), che finanzia molti programmi e interventi nei paesi economicamente più deboli. Sono necessari almeno 18 miliardi di dollari nei prossimi tre anni per riportare la risposta globale all’HIV a livelli adeguati.

Il contributo della Germania che corrisponde alla forza economica del Paese sarà di 1,8 miliardi di euro, secondo l’Alliance for Action Against AIDS (AgA), a cui appartiene l’Associazione tedesca per l’AIDS. Nell’ultimo round di finanziamento, la Germania ha contribuito con 1 miliardo di dollari per tre anni. Il governo federale deve ora annunciare un aumento, e quindi dare il buon esempio per gli altri paesi.

READ  Il difetto genetico aumenta il rischio di morte nei pazienti in dialisi

Contro lo stigma, per i gruppi e le comunità colpiti

Il lavoro del Fondo globale per la lotta all’AIDS, alla tubercolosi e alla malaria è importante anche perché lavora a stretto contatto con le comunità ei gruppi più colpiti dall’HIV e finanzia offerte di prevenzione e cura su misura. Parte di un’efficace prevenzione dell’HIV consiste sempre nel combattere lo stigma, l’emarginazione e la persecuzione per le persone che convivono con l’HIV e per i gruppi più colpiti, ma questo è ancora innaturale. In molti paesi accade il contrario.

Le misure che prevengono nuove infezioni da HIV e trattano efficacemente le persone infette da HIV sono note da tempo.

“Si tratta di implementare gli interventi esistenti”, ha detto il virologo americano Anthony Fauci alla sessione della Conferenza internazionale sull’AIDS, che significa esplicitamente: finanziamento.

Richieste importanti del mondo e delle società professionali

Altre richieste formulate dagli esperti e dalla comunità al convegno:

  • C’è un urgente bisogno di finanziamenti flessibili per la salute pubblica in Ucraina. I trattamenti per l’HIV sono stati parzialmente interrotti, ci sono strozzature nell’offerta di trattamenti alternativi per i consumatori di oppioidi e la necessità di prevenzione dell’HIV è aumentata. Urge anche un aiuto psicologico.
  • Nel caso del vaiolo delle scimmie, devono essere presi ulteriori provvedimenti. Le comunità interessate devono essere coinvolte. Un vaccino adeguato dovrebbe essere disponibile in tutti i paesi in cui si verifica l’infezione, non solo nei paesi ricchi. Le epidemie possono essere affrontate solo a livello globale.

“Non dobbiamo ripetere di nuovo gli errori dell’HIV e del vaiolo delle scimmie. È un peccato che si parli di questa epidemia solo ora che in Africa c’è un focolaio da 20 anni. Ora abbiamo bisogno di una risposta globale basata sulla solidarietà alla minaccia al fine di proteggere le società colpite e rallentare l’epidemia internazionale il più rapidamente possibile”, afferma Sylvia Urban, membro del consiglio di DAH.

Il disastro dei visti non deve ripetersi

La Conferenza mondiale sull’AIDS è stata oscurata dall’esclusione di fatto di molti partecipanti le cui domande di visto non sono state trattate in modo tempestivo. In particolare, molti attivisti dell’HIV, rappresentanti delle organizzazioni della società civile e scienziati provenienti da paesi in cui l’HIV è particolarmente diffuso e richiede un’attenzione speciale, ad esempio in Africa e nell’Europa orientale, sono scomparsi. Questa omissione da parte delle autorità canadesi per l’immigrazione è stata ripetutamente protestata durante la conferenza.

“L’esclusione a causa di problemi di immigrazione ha gravemente danneggiato la conferenza e la risposta globale all’HIV discussa qui. In nessun caso questo disastro dei visti dovrebbe ripetersi. L’organizzatore e i paesi ospitanti sono obbligati a garantire l’ingresso ai partecipanti alla conferenza”, afferma Silvia Urban.

Rapporto tedesco Aidshilfe su nastro da Montreal

Informazioni dall’Azione contro l’AIDS Alliance (GFATM) del Fondo globale

Conferenza di rifornimento GFATM

‘In Danger’: comunicato stampa dell’UNAIDS prima dell’inizio della conferenza