Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Competizioni a Birmingham: World Games – Palcoscenico Beach Handball & Co..

Stato: 07/08/2022 07:11

Snowboard, sollevamento pesi o tiro sul campo: 3.600 atleti provenienti da 100 paesi hanno gareggiato in 34 sport per dieci giorni da giovedì (7 luglio 2022) a Birmingham, Alabama, USA. La squadra tedesca di beach handball femminile ha grandi speranze per la medaglia.

La squadra che circonda il capitano Lucy Marie Kretzschmar, figlia di Stefan Kretzchmar, ha vinto i campionati del mondo solo la scorsa settimana – e vuole soprattutto una cosa ai World Games: pubblicizzare il proprio sport.

Quest’anno, i giovani del mondo si incontrano non in una delle megalopoli del mondo, ma in una città industriale di 200.000 persone nel sud degli Stati Uniti poveri. Mondiali invece delle Olimpiadi. 23 impianti sportivi all’ombra di un altoforno abbandonato che diventerà una vetrina – per gli sport in più rapida crescita che non sono ancora entrati nel programma olimpico.

Uno di questi è il beach handball. Un’alternativa che fa una presenza illustre in Germania, come Lucy Marie Kretzsmarr, capitano della nazionale, è sempre felice di dire: “Quando ti dico quello che faccio, spesso arriva la reazione: ho fatto una promessa, tu significa beach volley!”

Gli obiettivi tecnici sono doppi

In effetti, i due sport hanno molto in comune: come il beach volley o il beach soccer, anche il beach handball si gioca sulla sabbia, ovviamente a piedi nudi. Ogni squadra è composta da quattro giocatori. Il gioco dura dieci minuti due volte. A differenza del semicerchio nella pallamano indoor, l’area della porta è rettangolare.

Particolarità: i goal tecnici vengono contati due volte, ad esempio se un giocatore si gira in aria dopo essere saltato davanti alla porta (“spin shot”) o prende la palla in volo e la lancia direttamente (“Kempa trick”). Uno spettacolo per giocatori e tifosi. “C’è sempre una bella atmosfera in campo, la musica suona. Ti senti subito questa vacanza quando vedi i giocatori giocare sulla sabbia”, dice Lucie-Marie Kretzschmar. “È perfetto per tutte le feste.”

Padre Stefan non è ancora un fan, ma è “sulla strada giusta”.

Il 21enne discende da una vera discendenza di pallamano. Suo nonno Peter ha giocato 66 partite con la nazionale della Germania dell’Est. Sua nonna Waltrud è stata tre volte campionessa del mondo. Suo padre Stefan, meglio conosciuto con il soprannome di “Kretche”, è stato uno dei migliori giocatori al mondo negli anni ’90.

Non è stato facile convincerlo della versione da spiaggia del suo sport preferito. “Non conosceva affatto questo sviluppo professionale nello sport agonistico – dice il difensore – Ecco perché gli ci è voluto un po’ per abituarsi”. “Ma ora sta guardando le nostre partite agli Europei, ai Mondiali e ai Mondiali, ne sono sicuro”. Tuttavia, non lo ha definito un “fan” – “ma direi che è sulla strada giusta”, aggiunge con un sorriso.

Il sogno di Parigi 2024 va in frantumi

Anche il beach handball è sulla buona strada: dopo la sua invenzione in Italia a metà degli anni ’90, la disciplina giovanile è dal 2001 uno degli sport su invito per i Giochi Mondiali. Nel 2015, i primi tentativi di promuovere il beach handball in una disciplina olimpica è seguito lo sport. Nel 2020, la Federazione Internazionale di Pallamano ha presentato una richiesta simile al Comitato Olimpico Internazionale.

La delusione è seguita subito dopo: il beach handball non sarebbe apparso a Parigi nel 2024. Ora Lucie-Marie Kretzschmar spera per Los Angeles 2028: “Ecco perché è così importante che ci presentiamo in questo torneo e trasmettiamo i valori che modellano il nostro sport: divertimento e correttezza. , ma anche passione e grinta”.

READ  Il mondo del calcio piange la morte di Celler: "Uno dei migliori attaccanti" - notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro

Il titolo mondiale dà speranza

Una settimana fa, Kretschmar ha vinto a sorpresa la Coppa del Mondo con la nazionale a Creta, battendo la Spagna 2-0 in finale. La sera dopo la premiazione, vincitori e vinti hanno festeggiato insieme. “La combinazione è la cosa che rende il beach handball così speciale”, afferma Kretzschmar. “Questa è anche l’idea alla base delle Olimpiadi. Ecco perché penso che questo sia il nostro posto”.

Fonte: sportschau.de