Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Combattere il COVID-19 con il latte? Pratica di guarigione

COVID-19: le proteine ​​nel latte vaccino prevengono il SARS-CoV-2

La maggior parte dei casi di SARS-CoV-2 sono da lievi a moderati. Ma alcuni di quelli infetti si ammalano gravemente di COVID-19 e vengono portati in ospedale. Vari farmaci sono usati per combattere le malattie infettive. Anche le proteine ​​del latte possono aiutare con il trattamento.

La malattia COVID-19, causata dal coronavirus SARS-CoV-2, continua a mietere la morte di molte persone in tutto il mondo. Vari farmaci sono usati per curare i malati e molti sono stati originariamente sviluppati per curare altre malattie. I ricercatori ora riferiscono che una proteina del latte vaccino può anche aiutare a combattere il COVID-19.

Proteine ​​del latte vaccino contro le varianti SARS-CoV-2

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista,Giornale di scienze lattiero-casearieLe proteine ​​del latte vaccino possono aiutare a combattere varie varianti di SARS-CoV-2.

I ricercatori dell’Università del Michigan e la società di nutrizione Glanbia PLC hanno anche scritto in un portale su “EurekAlert!Secondo il rapporto, la proteina è la lattoferrina, che si trova nel latte della maggior parte dei mammiferi.

La lattoferrina nel latte vaccino ha proprietà biologicamente attive contro molti microbi, virus e altri agenti patogeni ed è stato scoperto che inibisce l’infezione da SARS-CoV-2 in condizioni sperimentali bloccando la capacità del virus di entrare nelle cellule bersaglio e aiutando i meccanismi di difesa antivirale delle cellule .

Riduce la gravità delle infezioni virali

“La lattoferrina bovina ha dimostrato attività antivirale negli studi clinici sull’uomo”, ha affermato il leader dello studio Jonathan Sexton, PhD, del Dipartimento di Medicina Interna dell’Università del Michigan.

“Ad esempio, è stato dimostrato che la somministrazione orale di lattoferrina bovina riduce la gravità delle infezioni virali, inclusi rotavirus e norovirus”, ha affermato lo scienziato.

READ  Scoperta di un nuovo trattamento per i tumori del pancreas • HealthNews

“A causa dell’ampia efficacia e sicurezza degli antivirali, dei minimi effetti collaterali e della disponibilità commerciale della lattoferrina bovina, diverse recensioni ne hanno suggerito l’uso come trattamento profilattico o post-esposizione per l’infezione da SARS-CoV-2”.

Efficace contro tutte le varianti testate

Il team di ricerca ha testato la lattoferrina bovina contro alcune delle varianti SARS-CoV-2 più comuni in tutto il mondo, tra cui la variante WA1, le varianti B.1.1.7, B.1.351, P.1 e la variante delta.

“Ognuna di queste varianti contiene modifiche della proteina spinosa SARS-Cov-2 che riducono l’efficacia dei vaccini di nuova produzione. Inoltre, ciascuno di questi ceppi mostra una ridotta neutralizzazione da parte del siero del vaccino”, spiega Sexton.

Attraverso lo studio, i ricercatori hanno voluto ampliare l’osservazione dell’effetto efficace della lattoferrina bovina in vitro contro SARS-CoV-2 con un’indagine e un esame più approfonditi dei prodotti lattiero-caseari commerciali per i loro effetti antivirali, che possono essere potenziati dalla presenza di gli altri ingredienti oltre alla lattoferrina.

Infine, hanno studiato se il destrosio e il sorbitolo, che sono comunemente usati nell’industria farmaceutica orale, interferiscano con la capacità della lattoferrina bovina di inibire SARS-CoV-2.

Il team ha scoperto che la lattoferrina bovina era efficace contro tutte le varianti testate in laboratorio. Altri ingredienti nei prodotti lattiero-caseari in commercio non sembrano fornire protezione antivirale, a conferma che l’efficacia di questi prodotti sembra essere interamente basata sulla lattoferrina bovina.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il destrosio e il sorbitolo non hanno ridotto l’efficacia della lattoferrina bovina contro SARS-CoV-2, suggerendo la fattibilità dello sviluppo di una compressa anti-COVID-19.

risultati promettenti

Uno dei principali vantaggi dell’ampia attività antivirale della lattoferrina è la sua capacità di prevenire o curare malattie emergenti.

READ  Il nuovo trattamento utilizza nanoparticelle per la terapia, una pratica di guarigione

“Questo è particolarmente importante quando le opzioni di trattamento sono limitate o quando le opzioni di trattamento sono troppo costose per un uso diffuso”, afferma Sexton.

“Un trattamento orale che copra nuovi ceppi sarebbe l’ideale per il trattamento di SARS-CoV-2 in aree in cui non è disponibile un vaccino diffuso o quando nuovi ceppi sfuggono al vaccino”, afferma il ricercatore.

Sebbene sia necessario un lavoro futuro per comprendere appieno il potenziale antivirale della lattoferrina bovina in ambito clinico, per l’esperto questo studio in vitro annuncia un’altra tattica nella lotta contro la pandemia globale di COVID-19. (anno Domini)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

rigonfiamento:

  • Jesse Watering, Reed Forsmidt, Lauren Ward e Jonathan Z. Sexton: valutazione dell’efficacia in vitro dei prodotti a base di lattoferrina bovina contro le varianti preoccupanti del nuovo coronavirus SARS-CoV-2; In: Dairy Science, (Pubblicato: 24/02/2022), Giornale di scienze lattiero-casearie

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.