Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Climax emotivo in soli dieci minuti

  1. Pagina iniziale
  2. Zuccherato
  3. Monaco

creatura:

a: Michael Schleicher

I Rolling Stones allo Stadio Olimpico (da sinistra): Ronnie Wood, Mick Jagger e Keith Richards. Alla batteria: Steve Jordan. © Sven Hoepe / D

I Rolling Stones si sono esibiti domenica sera allo Stadio Olimpico di Monaco. Dopo Madrid, il concerto è stata la seconda tappa del Sixty Tour, che gli Stones celebrano il 60° anniversario della loro band.

MONACO DI BAVIERA – Sono passati appena dieci minuti questa sera di festa allo Stadio Olimpico che si dirige verso il suo primo climax emotivo. I Rolling Stones hanno appena terminato il loro “esaurimento nervoso” del 1966 in una versione deliziosamente spaventosa quando il batterista e amico Mick Jagger, l’appassionato gentiluomo della band in completo, ricorda: Charlie Watts, morto lo scorso agosto. “Ci manca così tanto”. Le parole di Jäger non sono ancora svanite quando il cielo si è aperto per la prima volta questa domenica di Pentecoste sul Parco Olimpico e il sole ha inviato un saluto in tutto il mondo, pieno di splendidi tramonti. Quindi era davvero sole.

I Rolling Stones fanno tappa allo Stadio Olimpico di Monaco

subordinare Spettacolo di pietra a Monaco di Baviera È il concerto numero due di L’attuale tour europeo, iniziato mercoledì 1 giugno 2022 a Madrid. È anche il 116° concerto in Germania dalla fondazione della band 60 anni fa, che Jäger riporterà più tardi in serata. Gli inglesi non stanno sfruttando l’anniversario solo per dimostrare la loro idoneità (Ronnie Wood, il più giovane del trio, ha compiuto 75 anni), ma soprattutto per una sorta di revival. Guarda qui: queste sono le nostre radici. Sono profondamente radicati nel blues.

Questo può essere sperimentato, ad esempio, in “Vivere in una città fantasma”. L’interpretazione degli Stones di questa “canzone di Corona” del 2020 è in realtà uno dei punti esclamativi musicali della performance. La canzone si insinua e si insinua nello stadio affollato come un pessimo numero di percussioni ‘n’ blues – Keith Richards e Ronnie Wood suonano gli impulsi sulle loro chitarre e l’uno con l’altro finché l’arpa di Jagger non entra e il divertimento glorioso diventa pazzesco.

READ  Dopo aver preso le distanze da Putin: Netrebko torna sul grande palco

Mick Jagger: “Ieri ho bevuto una birra al Giardino Inglese”

L’attaccante è in buona forma a Monaco. Per la prima mezz’ora ha dovuto pompare e riprendere fiato di tanto in tanto, ma poi ha ritrovato il suo ritmo, ballando come dervisci, flirtando con il pubblico in modo elegante (“Servus Minga!”) – E parlando di un sabato libero in città: “Ieri ho bevuto una birra nel giardino all’inglese. Era tempo di bikini. Non molti bikini stasera. “Il numero è abilmente tagliato a metà, segnalando un passaggio ai classici davvero cool, ma soprattutto è una celebrazione dei musicisti di accompagnamento , che hanno già mostrato con “Tumbling Dice” quanta anima hanno. Mi manchi senza dubbio il momento di Daryl Jones. Con il suo gioco sottile e fantasioso al basso, dà al titolo un’urgenza immediata lontano da qualsiasi routine. Almeno ora nessuno è più seduto in campo.

Rolling Stones a Monaco di Baviera
I Rolling Stones a Monaco di Baviera: una vista dello stadio olimpico completo. © Felix Hörhager / dpa

Voci armoniose come “Out of Time” mostrano sicuramente quanto sia buono il rapporto tra gli Stones e il loro pubblico, ma soprattutto “You Can’t Always Get What You Want” quando la band mantiene un ritmo decente alla fine attrae – e tuttavia non esaurisce la curva. A proposito di fan: sono stati a Monaco dall’inizio quando Jagger e Richards Wood non solo hanno ricordato Charlie Watts (1941-2021) con un videogioco affascinante, ma hanno anche impostato il ritmo di apertura con Street Fighting Man. Bella idea e giusto apprezzamento. Dalla morte del batterista, Steve Jordan è stato dietro la batteria: preferisce un suono ricco e tagliente e una solida base per il modo in cui a volte sorprendentemente suona la chitarra di Wood e Richards.

READ  Questo è il figlio di "Tote Hosen" Campino star

I Rolling Stones a Monaco di Baviera: immagini della guerra in Ucraina

Prima che gli Stones diventino davvero storditi dopo più di due ore di “soddisfazione” finale, c’è “Gimme Shelter” e una grande performance di Sasha Allen, che mette in duetto potente e adorabile con Jagger. Inoltre, questo titolo del 1969 offre anche un momento che, come l’inizio di questa serata, va oltre la musica: gli schermi mostrano filmati di città ucraine devastate dagli attacchi russi. È solo Rock’n’Roll? Pensare.

più di Pietre rotolanti? Leggi la nostra intervista al chitarrista Keith Richards qui.