Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Classico francese: Parigi è in Italia

Devi essere fortunato: nel 2006, Nicole Breu, un’ereditiera di un’azienda farmaceutica favolosamente ricca, ha deciso di sostenere la storia della musica francese del 19° secolo dalla sua fondazione personale con il suo ampio impegno sociale. e tre milioni di euro con una rendita. Aveva salvato dal degrado un palazzo veneziano, ma cercava una destinazione d’uso significativa per l’immobile storico, e la nuova azienda si trovava non a Parigi, ma nel cuore della città lagunare.

Nel quartiere di San Polo, sul canale Rio-Marin, sono attualmente in corso le ricerche in un palazzo signorile costruito nel 1697 che fu feudo della nobile famiglia dei Jane. L’androne colpisce per la sua decorazione in marmo a quattro colori, mentre le sale di rappresentanza sono decorate con pregevoli affreschi ed elaborati stucchi. Nella sala centrale si possono tenere concerti, con quelle opere che il team scientifico ha recuperato dalle profondità degli archivi della biblioteca francese.

Il “lungo XIX secolo” è il periodo qui esaminato, cioè l’era della storia intellettuale che inizia con l’assalto alla Bastiglia nel 1789 e termina con la prima guerra mondiale. L’obiettivo dichiarato del “Centre de musique romantique française” non è solo quello di catalogare e analizzare le partiture, ma anche di farle conoscere al pubblico.

Quindi la maggior parte dei fondi viene investita nei programmi e nelle loro registrazioni. Palazzetto Bru Zane ospita anche una propria stazione radio online, che riproduce solo musica francese. Il mondo della musica saprà che Grande Nation ha molto di più da offrire oltre a pochi successi come “Carmen” di Bizet, “Bolero” di Ravel e “Sinfonie fantastique” di Hector Berlioz.

READ  Greentech Festival annuncia la partnership con l'Italia

Le pubblicazioni interne appaiono spesso in un formato ibrido ordinato che combina libro e CD: informazioni di base, analisi e documenti come manifesti teatrali sono presentati in inglese e francese che spiegano il contesto del rispettivo lavoro. Nel frattempo, una comunità giurata di traduttori desiderosi di scoprire è nata, avventurandosi in remoti regni del talento.

“Voyage dans la lune” di Offenbach contro “Frau Luna” di Linge

Ci sono innumerevoli tesori da trovare, in particolare nell’Opéra Comique, un popolare genere francese di teatro musicale con dialoghi parlati e melodie orecchiabili. L’Operetta è stata poi portata al suo apice anche in questo paese dall’acclamato Jacques Offenbach. Palazzetto Bru Jane ha pubblicato il suo “Voyage dans la Lune”, un viaggio sulla luna più elegante e sensuale della farsa dell’astronauta di Paul Linge “Frau Luna”.

Una veduta del patio del palazzetto sul Rio Marin.
© Foto: Palazzetto Bru Zane

Oltre e dopo Offenbach, dozzine di altri compositori si sono dilettati nel redditizio campo del teatro di intrattenimento musicale. Charles Lecoq, ad esempio, ebbe un grande successo nel 1872 con “La Fille de Madame Agnot”. La storia strutturata da far rizzare i capelli ambientata nel mercato parigino Les Halles, poco prima della presa del potere da parte di Napoleone, può ora essere ascoltata di nuovo su CD con un cast interamente madrelingua e, naturalmente, la partitura in una versione originale scientificamente meticolosamente ricostruita.

In questa stagione, il programma degli eventi al Palacetto ha due punti focali: da un lato, si tratta di donne che fanno musica in Francia, e dall’altro, i ricercatori si sono rivolti a Jules Massenet, classe 1842, diventato una star. Belly era un compositore d’opera dell’epoca, ma postumo disprezzato dalle generazioni successive per la superficialità della sua musica.

READ  Uffici doganali in Austria, Italia, Francia, Svizzera e Repubblica Ceca

Jules Massenet è ora di nuovo ammirato

Oggi le sue melodie morbide e sensuali sono sempre più apprezzate. Un album di composizioni orchestrali di Massenet da tutte le sue fasi creative, registrato da Herve Niquet con l’Orchestre de Chambre de Paris e sei squisiti solisti, il Palacetto Brue Jane, appena pubblicato, offre una sensazione di ascolto. 21 delle 25 tracce sono prime registrazioni, molte ricostruite da manoscritti inediti.

Dal 1840, le donne del Conservatorio di Parigi potevano frequentare corsi di teoria non solo per studiare musica vocale o strumentale, ma anche per imparare il contrappunto, la fuga e l’armonia, il mestiere dei compositori. Compositrici di talento in precedenza dovevano fare affidamento su lezioni private, come Louise Bertin, che riuscì a pubblicare il suo “Fausto” all’Opera di Parigi nel 1831. Grazie a Palazzetto Bru Zane, questa ambientazione di Goethe può ora essere ascoltata anche nell’opéra comique “Lé Sérénade” di Sophie Gail o nelle poesie di Augusta Holmes. Le esibizioni dal vivo si svolgono principalmente a Venezia e Parigi, ma anche ad Avignone, Tolosa e Metz.

I berlinesi interessati al franchise musicale romantico possono aspettarsi cinque scavi nella stagione 2022/23, che si snoderanno sui palchi della capitale, senza l’aiuto del palazzetto Bru Jane: alla Komisch Oper, il direttore si dedica a Nadja Loschki, che ha diretto il ambientazione di “Amleto” di Marie Jacquot e Ambrose Thomas. Lì Max Hopp metteva in scena i due atti unici di Offenbach, vale a dire “Fortnite’s Light” e “Oyaye”.

Alla fine di settembre, la Deutsche Oper presenta un concerto del Lakme di Leo Teleps alla Philharmonie, poi nel giugno 2023 il tema di Salome di Massenet, la sua ambientazione delle Erodiade, è stato presentato per la prima volta nel 1881, con un cast magnifico. Clementine Margain, Nicole Carr e Mathieu Polenzani ed Etienne Dupuis, diretti dall’esperto stilistico Enrique Mazzola.

READ  Corona: L'Italia vuole riaprire ai turisti da metà maggio - a queste condizioni

Alla home page