Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cinque giorni dopo, l’alleanza elettorale di sinistra è crollata

fUna coalizione elettorale annunciata con grande clamore è durata cinque giorni per impedire alla Destra Unita di prendere il potere a Roma. L’ex primo ministro lo ha chiuso Enrico Letta, leader del Partito socialdemocratico (PD) ed ex ministro dell’Economia Carlo Calenda, leader del partito liberale di sinistra Azione. Il partito Più Europa (Più Europa) dell’ex commissaria Ue Emma Bonino, in alleanza con Azione, ha aderito al Partito socialdemocratico in un patto alle elezioni del 25 settembre. Il PD di Leta ha attualmente il 23% dei voti, portando Azione e Più Europa il loro 6% di approvazione alla coalizione.

Mattia Rab

Corrispondente politico per Italia, Vaticano, Albania e Malta a Roma.

Ma domenica Calenda ha annunciato che si sarebbe ritirata dall’accordo appena concluso. Pew, d’altra parte, rimane impegnato nell’Unione Europea.

Il motivo della partenza di Calenda è un’altra alleanza fatta sabato dal leader del PT Leta. Ciò significa il quattro per cento dei voti, insieme ai partiti di coalizione Europa Verde (Europa verde) e Sinistra Italiana (Sinistra italiana). Le attese di Letta 23 più sei più quattro, ovvero il 33 per cento, ora sono tornate inaspettatamente al 30 per cento. Non è del tutto chiaro se Azione come “partito separato” potrebbe facilmente ottenere la metà della percentuale nei sondaggi che hanno recentemente ottenuto con Più Europa. È anche Ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio, che a giugno ha lasciato il Movimento Cinque Stelle populista di sinistra, si è unito alla coalizione Leta con il suo nuovo partito, Impegno Civico. Non è chiaro quale accordo riuscirà a raggiungere Di Maio con il suo piccolo partito.

READ  Il modello ungherese per l'Europa è utilizzato anche in Italia.

Puntare il dito reciproco

Dopo la partenza di Calenda, Leta era furiosa: “Mi sembra che Calenda sia l’unico possibile partner di Calenda”. Invece, ha accusato Letta del fallimento della coalizione: “Sapeva ieri cosa sarebbe successo oggi. L’ho avvertito”, ha detto domenica Calenda. La giustificazione di Calenda per aver rotto l’accordo ormai scaduto con Letta non era del tutto dal nulla, con il l’argomento che voleva il posto di primo ministro apartitico se avesse vinto le elezioni.Letta ha fatto una campagna per la sua alleanza e sta ancora facendo campagna. Mario Draghi Continua.

Ma nel voto della scorsa settimana sull’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO, la sinistra ei Verdi non hanno votato con la coalizione uscente Draghi. I nuovi alleati di Letta prendono posizione anche contro la posizione dei socialdemocratici sulla politica energetica e sulla guerra all’Ucraina. Calenda accusa Leta di averla con il nuovo accordo PD Più aperto a posizioni di estrema sinistra piuttosto che cercare ulteriori partner nel centro politico.