Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Chiarimento Capitol Storm: l’ex capo dello staff di Trump dovrebbe essere sul banco degli imputati

Chiarimento su Capitol Storm
Si dice che l’ex capo di gabinetto di Trump sia sul banco degli imputati

In qualità di dipendente più vicino a Trump, Mark Meadows è una figura chiave nel chiarire i retroscena della tempesta al Campidoglio. Ma poiché si rifiuta di collaborare con la commissione investigativa, potrebbe presto affrontare il verdetto di un giudice.

L’attacco del 6 gennaio al Comitato per la costruzione del Campidoglio degli Stati Uniti ha votato lunedì sera (ora locale) per portare le accuse contro Mark Meadows, capo dello staff dell’ex presidente Donald Trump. “Non ci ha lasciato scelta”, ha detto il presidente del comitato Benny Thompson. I rappresentanti accusano Meadows di “ignorare il Congresso” per essersi rifiutato di testimoniare davanti al comitato. Il prossimo passo è il voto della Camera. Ci sono democratici del presidente degli Stati Uniti Joe Biden che hanno una maggioranza esigua. Se la maggioranza si unisce al comitato, il caso sarà deferito al Dipartimento di Giustizia, che può incriminare Meadows.

Il rapporto affermava che Meadows “è in una posizione unica per fornire informazioni vitali sugli eventi del 6 gennaio 2021”. Il 62enne è un testimone importante ed è rimasto alla Casa Bianca durante l’assalto al Campidoglio. Inizialmente aveva resistito a un mandato di comparizione per testimoniare davanti al comitato, poi aveva accettato di comparire di persona, prima di cambiare nuovamente la sua decisione. L’ex rappresentante Meadows afferma che l’ex presidente è autorizzato a trattenere determinate informazioni e quindi non può testimoniare. D’altra parte, i Democratici credono che questo privilegio esista solo per gli attuali presidenti, non per i passati presidenti.

I sostenitori del Trump radicale hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio, quando la vittoria democratica di Biden alle elezioni presidenziali del 3 novembre doveva essere certificata lì. L’attacco, che ha fatto notizia in tutto il mondo, ha ucciso cinque persone. Trump ha dovuto affrontare l’impeachment per l’attacco perché in precedenza aveva incitato i suoi sostenitori in un discorso. Ma alla fine è stato assolto. La commissione d’inchiesta della Camera dei Rappresentanti dovrebbe chiarire i retroscena dell’attacco.

Il promotore rischia la reclusione

Il comitato ha ricordato un certo numero di ex dipendenti di Trump, tra cui l’ex capo stratega di Trump Steve Bannon. Ha anche rifiutato di testimoniare davanti al comitato. Successivamente, la Camera dei rappresentanti ha intentato una causa contro di lui. Bannon dovrebbe essere processato a luglio.

Nel caso Meadows, la Camera dei Rappresentanti dovrebbe ora votare su un atto d’accusa martedì. Se condannato, il 62enne rischia fino a dodici mesi di carcere, ma è probabile una multa. Meadows ha intentato una causa contro lo stesso comitato investigativo per mettere in dubbio la legalità della citazione.

READ  La Russia rapisce i prigionieri per 'interrogatori'