Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Casse di risparmio nella prima metà del 2022 con una forte nuova attività in prestiti aziendali e individuali, Gütsel Online, OWL live

Casse di risparmio nella prima metà del 2022 con una forte nuova attività in prestiti aziendali e individuali, Gütsel Online, OWL live

Casse di risparmio nel primo semestre 2022 con forte nuova attività nei prestiti alle imprese e ai privati

Nella prima metà del 2022, le casse di risparmio tedesche hanno aumentato significativamente i nuovi affari nei prestiti alle imprese e ai lavoratori autonomi. Anche i prestiti ai privati ​​sono aumentati notevolmente. Nei primi sei mesi dell’anno sono stati erogati prestiti alle imprese e ai lavoratori autonomi per complessivi 59,9 miliardi di euro. Si tratta di altri 9,7 miliardi di euro, ovvero il 19,3% in più rispetto alla prima metà del 2021, un nuovo record per la prima metà dell’anno. Come nell’anno precedente, il 92% di queste passività riguarda prestiti a medio e lungo termine e solo l’8% riguarda prestiti a breve termine.

Gli impegni per prestiti di capitale circolante e # prestiti per investimenti sono aumentati di 6,6 miliardi di euro o del 21% a 38,2 miliardi di euro, aumentando così più fortemente degli impegni per la costruzione di alloggi commerciali. È anche significativamente superiore all’anno precedente (più 3,1 miliardi di euro o più 16,4 per cento) e ammontava a 21,7 miliardi di euro nella prima metà del 2022. Anche il portafoglio prestiti alle imprese e ai lavoratori autonomi è cresciuto a un livello elevato nel primo semestre 2022. Con un aumento di A 18,8 miliardi di euro (più 3,8 per cento), la crescita è stata più forte rispetto all’anno precedente (più 2,4 per cento). A fine giugno 2022 il portafoglio crediti ammontava a 514,8 miliardi di euro.

Salvo poche eccezioni, la crescita interessa tutti i settori e settori economici: i prestiti all’edilizia sono aumentati del 4,8 per cento, quelli commerciali del 3,9 per cento, i prestiti alle imprese del settore dei servizi sono aumentati del 3,9 per cento e quelli alle imprese manifatturiere. settore del 3,2 per cento. Le casse di risparmio hanno inoltre registrato un aumento significativo dell’8,1 per cento delle nuove operazioni di prestito con clienti privati. Nei primi sei mesi di quest’anno è stato impegnato un totale di 46,5 miliardi di euro. Si tratta di 3,5 miliardi di euro in più rispetto al primo semestre 2021. L’aumento è dovuto principalmente a un aumento significativo dei finanziamenti alla proprietà privata. La nuova attività raggiunge il nuovo record semestrale di 41,2 miliardi di euro. Rispetto al miglior valore precedente dell’anno precedente, si tratta di un netto aumento di 3,2 miliardi di euro (più 8,5 per cento).

READ  Quest'estate: Market strategist avverte della recessione: ecco come dovrebbero posizionarsi gli investitori | newsletter

L’aumento dei prezzi degli immobili, le strozzature e di conseguenza l’aumento dei costi per i materiali da costruzione, il commercio di materiali da costruzione e artigianato, nonché l’aumento dei tassi di interesse, hanno leggermente rallentato la nuova produzione a giugno. Questo mese, per la prima volta nel 2022, i nuovi affari sono stati inferiori rispetto all’anno precedente. Per la seconda metà dell’anno non si può presumere che i valori molto elevati di nuovi affari per il 2021 verranno nuovamente raggiunti.

Nella prima metà del 2022 si sono registrati solo afflussi di 0,6 miliardi di euro (+0,1%) nei depositi dei clienti (+0,1%) e negli anni precedenti le casse di risparmio hanno già ricevuto 25 miliardi di euro (2021) e 29,5 miliardi di euro (2020 ) a causa della pandemia dovuta. La crescita dei depositi a vista (più 0,7 miliardi di euro o più 0,1 per cento) e dei depositi a termine (più 2,8 miliardi di euro o più 24,8%) è stata interrotta a fronte di un calo dei depositi a risparmio (meno 2,9 miliardi di euro o meno 1,1 per cento) rispetto a .

Negli ultimi anni, le casse di risparmio sono state in grado di acquisire più clienti per le loro scorte di risparmio. Nel 2021 è stata raggiunta una delle vendite più alte di sempre. Rispetto a un anno precedente molto forte, gli affari sono diminuiti nella prima metà del 2022. Da gennaio a giugno, le vendite sono state pari a 76 miliardi di euro. Ciò corrisponde a meno 13,5 per cento rispetto alla prima metà del 2021. Rispetto agli anni precedenti, questo fatturato è inferiore date le condizioni attuali (prezzi stagnanti o in calo sui mercati azionari, elevata incertezza dovuta alla guerra in Ucraina e alla crisi energetica) ma è valutato a È buono. Le vendite dei #clienti sono diminuite sensibilmente più degli acquisti. Ciò indica che i clienti delle casse di risparmio hanno reagito con molta calma alle forti oscillazioni dei mercati dei capitali.

READ  Le aziende considerano l'informatica quantistica fuori portata

Di conseguenza, è stato raggiunto il livello più alto di ricavi netti del primo semestre, pari a 16 miliardi di euro, il 23,3 per cento in più rispetto al buon dato dell’anno precedente (più 13,0 miliardi di euro). 9,4 miliardi di euro sono attribuibili ai fondi di investimento, 4,0 miliardi di euro a titoli a reddito fisso e 2,6 miliardi di euro ad azioni.