Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Campras “Idomenée” all’Opera

BerlinoLa più grande differenza tra “Idomeneo” di Wolfgang Amadeus Mozart e Idomenée di André Cambra, scritto circa 60 anni fa, è il ruolo degli dei. Nel caso di Mozart, Idomino nella tempesta del mare ha giurato di sacrificare la prima persona che ha incontrato sulla Terra per essere salvato, e purtroppo questo sarebbe suo figlio Idamante. Non si arriva a tanto perché la voce di Nettuno interviene poco prima del sacrificio, come un angelo del Signore tra Abramo e Isacco. Quanto a Cambra, è vero il contrario: sono sempre coinvolti gli dei, Eolo, Venere, Nettuno, la gelosia incarnata. Ma alla fine nessuno si è intromesso e il sacrificio è stato fatto. Poi, in quest’opera non succede molto: Idomenée vuole morire, ma la sua vita continua è la punizione più grande, il pezzo si conclude con una brevità terrificante in una chiave che Mozart non ha mai toccato, nel più oscuro di un piccolo film in si bemolle.

Emmanuel Haim è il direttore musicale

L’opera barocca francese, a lungo denunciata come cupa, divenne gradualmente di casa nei teatri d’opera – alla Staatsoper Unter den Linden, almeno durante i suoi giorni barocchi. Cambra in realtà non ha avuto un ruolo tra il vecchio Jean-Baptiste Lully e il giovane Jean-Philippe Rameau – che ha anche “Hippolyte et Aricie” nel programma delle Giornate barocche. Con Emmanuelle Haïm e il suo ensemble Le Concert d’Astrée, ha i migliori sostenitori che si possano immaginare: il risultato è un suono meravigliosamente resistente che contiene le sfumature magiche di un’orchestra d’archi, arricchito con flauti, obo e fagotto, ma con il colore occorre anche caratterizzare con precisione i generi ritmici su cui si basa: questa è la musica, dai virtuosismi frettolosi alle disuguaglianze finemente graduali.

READ  Nonostante l'handicap: "Temporale in testa" - YouTuber vuole uscire come un professionista

Bernd Oleg

aggeggio

André Campra: Idomenée – Tragedy in Music In una prefazione e cinque opere (1712-1731), un testo di Antoine Danchet

Direttore musicale: Emmanuel Hamm, Produttore: Alex Ole / La Fora del Paus.
Idomen: Tassis Christoyannis, Idamante: Samuel Boden, Ilione: Chiara SkerathChor und Orchester: Le Concert d’Astrée

Cambra scrive recitazioni molto contrastanti in cui spesso vanno gli strumenti orchestrali – questo è difficile da coordinare, ma funziona perfettamente qui e allo stesso tempo mantiene la spontaneità linguistica. I numeri di danza sono consentiti più e più volte, ma così strettamente integrati nel flusso scenico, Haïm lega insieme i numeri in modo che ogni segmento appaia come un unico flusso musicale – difficile da immaginare meglio. Il coro provato da Denis Comtet offre anche un’esperienza acustica speciale con note alte, cioè voci maschili molto forti.

La produzione presentata venerdì a fine settembre è stata proiettata al Teatro dell’Opera cooperativa di Lille. La produzione viene da Àllex Ollé, un membro della compagnia teatrale strumentale catalana La Fura dels Baus, che non ha ottenuto molto con grande sforzo – ma qui funziona la percezione che porta qualcosa dello spirito di questo teatro barocco nel nostro tempo. Lo splendore del Barocco si ritrova facilmente qui e la sua passione là nel nostro tempo: le auto vanno sempre più veloci, la pubblicità è sempre più colorata, e allo stesso tempo tutti vanno dallo psichiatra, aggravati dal mal di schiena. Annoiato dall’intrattenimento eccessivo sempre disponibile.

Organizzato fino al palco

Il linguaggio del teatro, che lo stesso Ole considera “surreale”, non contrasta con il dinamismo barocco dell’influenza. Ha trasformato l’opera di Cambra in un incubo oscuro mentre i personaggi affrontano costantemente le loro sembianze divine. Vénus si rivolge sia alla ragazza gotica Ilione – una principessa troiana prigioniera che ama Idamante – sia alla figlia dell’alta borghesia Électre – che ha anche lei gli occhi su Idamante. Idomenée è accompagnata da un Nettuno dall’aspetto identico e Vénus, che appare come Électre, è trascritta in una compagnia corale completa.

READ  Scenario di Berlino di Ulrich Beltzer "This is you"

Anche il progetto del teatro segue questa tendenza al battito illusorio: due enormi schegge di vetro si stagliano e servono ad accentuare elementi architettonici barocchi che improvvisamente balzano e ruotano, o interessanti eventi primari: che La Fura dels Baus conosce trucchi tecnici rende finalmente senso qui.

Perché tutta questa idea, come nell’Iliade di Omero, le persone sono burattini degli dei, può essere facilmente tradotta analiticamente nella divisione dei desideri individuali e sociali. Le persone sono motivate da qualcosa in cui non si riconoscono: se Idomenée vuole uccidere suo figlio – in fondo c’è anche un indizio dell’entusiasmante competizione padre-figlio per Ilione, quindi ci sono buone ragioni – ha scarso sostegno in una società che ritrae gli Oli come una cupa famiglia di fantasmi a lume di candela.

Il canto è eseguito in armonia con il concetto generale; A differenza dell’italiano, l’opera barocca francese non conosce l’aspetto espressivo e talentuoso della stella. Tassis Christoyannis come Idomenée è una persona spezzata fin dall’inizio, famosa solo per la sua prudenza, e l’Idamante di Samuel Boden, con la sua moderazione, è un fulgido esempio della tenerezza maschile comune in epoca barocca. Hélène Carpentier è molto diffidente nei confronti dell’escalation di Electri, e Chiara Skerath riesce nel ruolo di Ilione solo ad un certo limite di prezzo. La gelosia di Victor Sicard per i look da Drag Queen, insieme a Venus di Eva Zajek, si traduce in quello che potrebbe essere il momento più culinario di questa straordinaria performance.

Altre offerte 10, 14 e 18 novembre, Staatsoper Unter den Linden