Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cambiamento climatico: tra 80 anni solo lo Zugspitze sarà senza alberi | regionale

Freising – Le Alpi crescono. Il cambiamento climatico e l’aumento delle temperature medie fanno sì che il limite degli alberi in montagna si alzi sempre più in alto.

Secondo gli scienziati, una parte significativa delle montagne tra Berchtesgaden e Oberstdorf rimarrà coperta di alberi in questo secolo. Un progetto di ricerca basato sull’assistenza degli escursionisti mostra questa tendenza.

+++ BILD è ora disponibile anche in TV! CLICCA QUI PER BILD LIVE +++

“Le montagne stanno crescendo”, afferma Jörg Ewald della Weihenstephan-Triesdorf University of Applied Sciences, commentando i primi risultati del progetto pratico “Bellissimo paesaggio sopra il limite degli alberi, dove abbiamo una vista fantastica e le mucche pascolano tranquille, tutto cresce” esplora i confini degli alberi.

I ricercatori hanno esortato gli escursionisti di montagna a dare la caccia agli esemplari più alti di 23 specie di alberi. Se scoprono un albero che può essere considerato per registrare un’altitudine, devono salvare la posizione, comprese le coordinate GPS e un’immagine, in un’app.

I ricercatori di Freising possono accedere ai dati storici per il confronto. Nel 1854 furono registrati gli esemplari di albero più alti per conto del re bavarese Massimiliano II. La stazione meteorologica nell’Alto Hohenbeisenberg in Baviera ha misurato la temperatura giornaliera in quel momento.

I crochi fioriscono su un prato di montagna vicino a Unterjoch in Algovia. Questo spazio naturale potrebbe scomparire entro la fine del secolo

Foto: Carl Josef Hildenbrand / D

Ewald: “Da allora la temperatura nelle Alpi è già aumentata di due gradi”. Holly, ad esempio, il cui sito più alto era a 907 metri nel 1854, si trova oggi a 1.300 metri. Si estendeva verso l’alto di 400 m, come previsto data l’elevata temperatura media.

“Puoi osservare questo processo da specie arboree per specie arboree”, spiega il professore di botanica Ewald. I dati per gli escursionisti vengono trasferiti su mappe chiare, che possono essere visualizzate nel “portale” su www.baysics.de.

Le previsioni future possono essere trovate anche in “NatureExplorer” a portata di clic. Le aree in cui l’agrifoglio può crescere, ad esempio, se più calde di 1 grado e 2 gradi sono mostrate in rosso, cosa che i ricercatori si aspettano con solo un moderato aumento delle emissioni di anidride carbonica entro il 2050 e il 2100, rispettivamente.

Quindi avremo quattro lauree dal 1850, cosa che molti scienziati ritengono probabile. Difficilmente possiamo impedirlo”, sottolinea Ewald. Secondo le previsioni, solo le cime del massiccio dello Zugspitz sporgeranno dai boschi alla fine di questo secolo. “È pazzesco quello che stiamo facendo con il clima. È come una bomba a orologeria che esplode davanti ai nostri occhi! ”

Le regioni di montagna si stanno riscaldando più velocemente delle pianure a causa della minore quantità di ghiaccio e neve in montagna. I tetti bianchi riflettono l’energia solare molto meglio dei tetti scuri come ciottoli o prati. Se la proporzione di aree scure aumenta, aumenta la temperatura delle montagne, oltre all’aumento “naturale” causato dai gas serra.

Ad esempio, se il permafrost nello Zugspitze si scioglie, ma nessuna foresta protettiva può crescere a causa della mancanza di sviluppo del suolo, “ci sono più rischi naturali”, afferma Annette Menzel, professore di climatologia ambientale all’Università tecnica di Monaco. Questi includono valanghe, smottamenti, pendii instabili e frane.

C’è anche un pericolo per le basse montagne: Menzel avverte che il rischio di incendi aumenterà notevolmente anche in inverno a causa dell’aumento della siccità. Vede quindi solo una possibilità: “Dobbiamo uscire dalle energie fossili e passare alle energie rinnovabili, il più rapidamente possibile”.

READ  Le conseguenze a lungo termine di Corona: Covid-19 può causare questi problemi per tutta la vita