Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cambiamento climatico: lo scioglimento estremo accelera la morte dei ghiacciai tedeschi

Il 2022 probabilmente si scioglierà di circa il 50%.

Secondo le misurazioni di Meyer, lo scioglimento delle Alpi quest’anno sarà probabilmente del 50 per cento più forte rispetto alla media di un anno. Gli esperti vedono tre ragioni per la situazione nelle Alpi: da un lato, lo scorso inverno c’era poca neve nella maggior parte delle regioni; La Baviera è un’eccezione con solo un piccolo difetto. D’altra parte, quest’estate è molto soleggiata e calda – e mancano i tipici fronti freddi.

“Finora non abbiamo visto un solo vero e proprio colpo di freddo con precipitazioni ad alta quota o nevicate, che in genere rallentano lo scioglimento dei ghiacciai per alcuni giorni fino a una settimana una o due volte in estate”, spiega Meyer.

Ma il fattore principale, concordano tutti e tre i glaciologi, è un altro: la polvere del deserto, che si è depositata sui ghiacciai di un colore bruno-rossastro, soprattutto quando è apparsa a marzo. “Di conseguenza, la neve si scioglie più rapidamente”, spiega Meyer.

Il motivo: quando la radiazione solare colpisce una superficie innevata lucida, il 90% viene riflesso. Tuttavia, la polvere è più scura, e quindi assorbe più energia, per poi emetterla come il calore della neve. Inoltre, la polvere si riscalda a temperature più elevate rispetto alla neve e aderisce così strettamente alla neve bagnata che nemmeno il vento può portarla via.

Il manto nevoso protettivo era scomparso

Haag è stato in grado di vedere cosa significa con i suoi occhi di recente nello Schnaverner meridionale. “La copertura di ghiaccio protettivo sul fiume Zugspitze è scomparsa un mese fa. Il ghiacciaio si sta sciogliendo da metà giugno invece che da metà/fine luglio”, dice del suo viaggio. Sei settimane prima significa che circa la metà del tempo in più il ghiacciaio è esposto al sole senza protezione.

READ  Questa cifra della neve ha vinto il voto diretto

“Un’estate come questa, eccezionale in tutte le Alpi, non accadeva certo dagli anni ’60”, afferma Hag. “Se si verificano altri anni come questo, la vita del ghiacciaio si ridurrà più di quanto ci aspettassimo perché non abbiamo tenuto conto di anni così estremi quando abbiamo fatto previsioni”.

“Quello che vediamo con i ghiacciai bavaresi, lo vediamo anche in Austria, Svizzera, Francia, Italia”, riassume Essen. La fusione progredisce ovunque da sei a otto settimane. “Ciò significa che ora abbiamo una situazione che di solito si verifica alla fine dell’estate, appena prima della prima neve”. Secondo Eisen, si teme che la cosiddetta linea di equilibrio possa salire quest’anno da circa 3200 metri a 3500-3800 metri senza precedenti.

Quali sono gli effetti dello scioglimento dei ghiacciai?

La linea di bilancio divide i ghiacciai in un’area dove si registra più neve che scioglimento – la cosiddetta zona di eutrofizzazione – e l’area sottostante, dove c’è più scioglimento della neve – la cosiddetta zona di eutrofizzazione. Se quella linea scivola davvero così lontano, la neve dello scorso inverno rimarrà solo quest’estate sulle montagne più alte delle Alpi.

“Ciò significa che i ghiacciai perderanno gran parte della loro massa quest’anno”, sottolinea Eisen. “Se questo continuerà nei prossimi anni, come ci aspettiamo in base alle proiezioni sui cambiamenti climatici, significa che i ghiacciai al di sotto dei 3.500 metri scompariranno”.

Ciò che può solo far alzare le spalle ai non scalatori ha conseguenze terribili per gli alpini. Solo un esempio: i ghiacciai attualmente trasferiscono la neve dall’inverno all’estate sotto forma di acqua. Se non lo fanno più presto, potrebbe significare che c’è poca acqua disponibile nelle valli durante l’estate calda e secca.

READ  Dopo essersi separato dalla famiglia reale, il principe Harry continua a ricevere denaro dal padre Carlo