Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cambiamenti climatici: le malattie degli animali possono diffondersi all’uomo

  • Corona dovrebbe essere solo un precursore di nuovi tipi di virus.
  • Il cambiamento climatico sta causando il passaggio di più virus dagli animali all’uomo.
  • I ricercatori avvertono anche: “Gli sviluppi non possono più essere fermati”.

Puoi trovare altri argomenti sulla crisi climatica qui

il nuovo Corona virus E la pandemia che ha causato SARS-CoV-2 dovrebbe essere solo un preconcetto. Per colpa di Cambiamento climatico Garantirà che più virus si diffondano tra le specie animali e, infine, agli esseri umani. Questo è ciò che un team di scienziati guidato da ricercatori della Georgetown University di Washington, DC, ha previsto in uno studio attualmente in corso Pubblicato sulla rivista “Natura”. lui è. Ancora più preoccupante, non può più essere prevenuto.

Tutto questo è noto da molto tempo. Tuttavia, i ricercatori guidati da Colin Carlson e Greg Albery hanno fatto alcune scoperte sorprendenti, hanno detto in una conferenza stampa sullo studio. Tra le grandi specie di roditori che vivono in Nord America ci sono i cani della prateria. Sono in qualche modo simili ai tassi e vivono in gran parte degli Stati Uniti a est delle Montagne Rocciose. Sul versante occidentale di queste montagne vive un altro tipo di tasso in miniatura: lo scoiattolo terrestre della California.

Le specie animali si incontrano e si scambiano virus

Se il cambiamento climatico rende le loro gamme troppo calde per loro, possono migrare montagne più alte verso quote più fresche o da nord a latitudini più fresche. Il risultato: “Un incontro che potrebbe non essere mai accaduto prima”, afferma Colin Carlson.

Ciò che può sembrare strano presenta dei rischi, almeno per i roditori: parassiti e agenti patogeni sono sempre presenti in questi incontri, e con esso il rischio di diffondere il virus dello scoiattolo di terra ai cani della prateria o viceversa. I nuovi ospiti potrebbero avere poco per contrastare agenti patogeni sconosciuti. Come può sembrare pandemia di corona È stato mostrato più chiaramente agli esseri umani negli ultimi anni. Poiché anche SARS-CoV-2 proveniva originariamente dai pipistrelli, quindi è una malattia da animale a uomo, che è chiamata malattia zoonotica.

I virus sono in realtà specializzati per i loro ospiti e possono riprodursi in modo ottimale solo in questo tipo di animali. Tuttavia, come con il coronavirus, molti possono entrare in altre specie, inclusi gli esseri umani, continuare ad adattarsi e ammalare gravemente nuovi ospiti.

READ  Pandemia corona in Germania: il tasso di infezione è salito per sette giorni a 1.127,7

È probabile che incontri completamente nuovi tra specie di mammiferi aumenteranno rapidamente nei prossimi decenni: non ci vuole un sensitivo per prevederlo. Tuttavia, i ricercatori della Georgetown University hanno acquisito ulteriori informazioni.

Per cinque anni hanno acceso i loro computer per vedere come sarebbe cambiata la distribuzione di 3.870 specie di mammiferi in tutto il mondo entro il 2070. Hanno utilizzato quattro diverse previsioni climatiche come scenari: dalla limitazione del riscaldamento a meno di due gradi nell’ambito dell’Accordo di Parigi sul clima al riscaldamento di più di quattro gradi. Hanno anche preso in considerazione le modifiche all’uso del suolo nei loro modelli. “Abbiamo avuto sorprese in ogni risultato intermedio”, afferma Colin Carlson.

Siamo stati a lungo nel mezzo di questo sviluppo

Molti degli studi sui cambiamenti climatici e le malattie che sono stati pubblicati finora si sono concentrati principalmente su aspetti individuali. Ad esempio, hanno studiato come cambiano i tassi di trasmissione degli agenti patogeni quando il clima si riscalda e come la deforestazione, i cambiamenti nell’uso del suolo e il commercio di animali influiscono sulle zoonosi. Altri sono partiti dalla premessa che il riscaldamento globale sta indebolendo gli esseri umani e gli animali e quindi li rende più suscettibili alle malattie. Il fatto che la questione della suscettibilità di un organismo a nuovi agenti patogeni svolga un ruolo importante rimane il divario che questo studio colma.

E indipendentemente dal tipo che usi, gli effetti sono sicuramente enormi, afferma Greg Alper: “Il cambiamento climatico sta scuotendo i nostri ecosistemi nel profondo. “Anche se le migliori previsioni si avvereranno, gli habitat di molte specie cambieranno di 100 km. Gli scienziati hanno calcolato che ciò potrebbe portare a tra 4.500 e 15.000 contatti iniziali tra specie precedentemente separate.

Con ciascuno di questi contatti, uno o anche più tipi di virus possono spostarsi su un nuovo host. I modelli prevedono il numero più alto per il periodo fino al 2040, quindi siamo già nel mezzo di quel cambiamento.

È noto che almeno 10.000 tipi di virus sono in grado di infettare l’uomo. Finora, non hanno rappresentato una minaccia per altri potenziali ospiti perché sono prevalenti nei mammiferi che vivono separati dagli altri e non vengono mai incontrati dagli esseri umani. Dopotutto, solo il sette percento di tutti i mammiferi condivide le proprie aree di distribuzione con altri mammiferi.

READ  Un altro aumento dei casi di infezione da corona nella città di Brema

Soprattutto molti nuovi contatti nell’Africa centro-orientale e nel sud-est asiatico

Oggi, la biodiversità è maggiore nelle foreste. Gli esperti sospettano anche la presenza della maggior parte dei virus sconosciuti. Questo è il motivo per cui in precedenza presumevano che la maggior parte dei trasferimenti a nuovi host sarebbe avvenuta nelle foreste. Tuttavia, i modelli della Georgetown University suggeriscono che la maggior parte di questi incontri avverrà in aree densamente popolate. Questo, a sua volta, aumenta il rischio che l’agente patogeno si diffonda all’uomo.

modelli fuori Washington Suggeriscono che i nuovi collegamenti saranno particolarmente comuni in due regioni del mondo: le regioni d’alta quota dell’Africa orientale e centrale e del sud-est asiatico. I tropici ospitano di gran lunga la maggior parte delle specie. I mammiferi devono spostarsi in queste aree da direzioni diverse se vogliono sfuggire al calore dei loro habitat tradizionali. Il virus Zaire Ebola è uno dei virus conosciuti in grado di spostare gli animali in aree completamente nuove durante questa migrazione. Finora era limitato al Congo e ad alcuni altri paesi dell’Africa occidentale.

Questo è il Sud America Con la vasta foresta amazzonica Secondo gli autori, il fatto che le aree di distribuzione di molte specie siano molto limitate e non possano raggiungere le regioni più fredde abbastanza rapidamente non è uno dei punti caldi. Invece, un gran numero di specie sta cadendo vittima del cambiamento climatico lì.

“Gli sviluppi non si possono più fermare”

Molto dipende dalla velocità con cui progredisce il cambiamento climatico e dalla velocità con cui si muovono le singole specie animali. Pertanto, i ricercatori attribuiscono un ruolo speciale ai pipistrelli, poiché questi piccoli mammiferi sono in grado di volare e coprono già distanze di diverse centinaia di chilometri.

Gli autori hanno scritto che la popolazione di piccoli mammiferi non poteva coprire tali distanze nemmeno in 50 anni. I ricercatori prevedono circa 8.500 incontri iniziali tra pipistrelli e scimmie. In tal modo, confermano la consapevolezza che i pipistrelli hanno da tempo svolto un ruolo importante nelle zoonosi.

READ  In che modo la politica vuole misurare l'epidemia?

E un’altra cosa che Colin Carlson e Greg Alper hanno sottolineato presentando il loro studio: gli sviluppi non possono più essere fermati. “Non possiamo rimettere l’Antropocene nella bottiglia”, dice Carlson. Ma allo stesso tempo lui ei suoi colleghi mettono in guardia dal cadere nel fatalismo. Chiedono invece che si faccia di tutto per rallentare il cambiamento climatico e proteggere gli habitat in modo da tenere a bada i rischi dei primi incontri e dei piccoli salti. Tuttavia, allo stesso tempo, dobbiamo preparare meglio i sistemi sanitari di tutto il mondo per far fronte a questi pericoli.

Il fatto che lo studio fosse limitato ai mammiferi è una debolezza che gli autori hanno riconosciuto. Anche i mammiferi marini non sono stati inclusi nello studio. Ora ci sono esempi della calotta glaciale artica in diminuzione che consente specificamente lo scambio di nuovi virus discussi in questo documento. Anche gli uccelli sono completamente assenti da questo studio. Gli attuali focolai di influenza aviaria mostrano chiaramente che anche gli uccelli svolgono un ruolo importante nelle zoonosi. Sono necessarie ulteriori ricerche per questo.

E perché i nostri occhi spesso inciampano sulle conseguenze per noi umani: anche se noi umani veniamo salvati da nuovi virus, i salti possono avere conseguenze di vasta portata e possono indebolire drasticamente o addirittura spazzare via intere popolazioni di specie animali.

Fonti utilizzate:

  • Nature.com: Il cambiamento climatico aumenta i rischi di trasmissione tra specie diverse
  • Nature.com: L’emergere di virus nei mammiferi marini nel Pacifico settentrionale potrebbe essere correlato a una riduzione del ghiaccio marino artico
Questa pubblicazione proviene dal portale della stampa RiffReporter. occupazione riffreporter.de Circa 100 giornalisti indipendenti riferiscono di attualità e informazioni di base. RiffReporter ha ricevuto un Grimme Online Award per il suo spettacolo.

Una mappa interattiva pubblicata dall’organizzazione americana “Climate Central” che mostra gli effetti del cambiamento climatico su noi umani. La mappa mostra come il mondo potrebbe cambiare a causa dell’innalzamento del livello del mare e quali luoghi potrebbero presto essere sott’acqua.