Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Biden avverte di uno scontro nucleare con la Russia

tuIl presidente Joe Biden ha usato le apparenze ai sostenitori del partito per avvertire del pericolo di uno scontro nucleare con la Russia. In una raccolta fondi per le elezioni del Congresso di novembre, giovedì sera a New York ha detto che il mondo non aveva affrontato la prospettiva dell'”Armageddon” dalla crisi dei missili cubani nel 1962. Segnalato dai giornalisti che viaggiavano con noi, ma non nella stanza.

Stella Maestà

Corrispondente politico nordamericano con sede a Washington.

Biden ha anche detto di conoscere bene il presidente russo Vladimir Putin. Non scherza quando parla del potenziale uso di armi nucleari tattiche e armi chimiche e biologiche. Il suo esercito è debole nei combattimenti in Ucraina. Lui, Biden, non crede che sarà possibile utilizzare semplicemente armi nucleari tattiche, come ha minacciato Putin a metà settembre, senza che ciò porti all'”Armageddon”.

Gli Stati Uniti avvertono di “conseguenze catastrofiche”

Alla luce del successo della controffensiva ucraina, la Russia ha recentemente annesso quattro territori ucraini occupati in violazione del diritto internazionale. Putin ha annunciato che lo avrebbe difeso con tutti i mezzi disponibili.

Jake Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha dichiarato a settembre che Washington stava prendendo sul serio le minacce, che ha descritto come irresponsabili. Sullivan ha anche avvertito che l’uso di armi nucleari tattiche avrebbe “gravi conseguenze”. Ma ha aggiunto che al momento non vi era alcuna indicazione che Mosca avrebbe usato armi nucleari.

Tuttavia, Sullivan ha parlato pubblicamente della comunicazione con Mosca tramite una linea diretta – e tale comunicazione include le “risposte decisive” che Washington sceglierebbe se Mosca scegliesse di percorrere quel “sentiero oscuro”. Come riportato da FAZ dopo la minaccia di Putin, Washington sta valutando un attacco convenzionale contro le posizioni russe in Ucraina.

READ  Il progresso dei talebani: l'impotenza della politica tedesca verso l'Afghanistan

Il fatto che Biden abbia fatto un paragone con la crisi dei missili cubani nel 1962 potrebbe avere a che fare anche con la campagna elettorale. Il fatto che il presidente abbia scelto un evento di festa è indicativo di ciò. Doveva sapere che le sue parole sarebbero arrivate ai giornalisti seduti fuori. In ogni caso, Biden ha scelto il confronto con JFK e le drammatiche ore di diplomazia segreta di successo sessant’anni fa.

In quel momento, Kennedy reagì allo stazionamento a Cuba di missili sovietici a medio raggio, scoperti da un aereo americano U-2, con un blocco navale. In quei tredici giorni di ottobre, le grandi potenze si avvicinarono più che mai a una guerra nucleare. Kennedy rimase fermo, anche se il compromesso finalmente trovato includeva non solo il ritiro dei missili sovietici, ma anche – mesi dopo – il ritiro dei missili americani Jupiter dalla Turchia.