Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Berlusconi progetta ProSiebenSat.1 – paura dell’acquisizione

Silvio Berlusconi – Da politico è tornato alla guida del governo, ma suo figlio ora gestisce l’attività televisiva (Image Alliance/Associated Press/Gregorio Borgia)
ProSiebenSat.1 rischia di diventare la “stazione di corsa” per i format delle emittenti italiane di Berlusconi? Solo due mesi fa ha parlato con il primo ministro bavarese Markus Söder Media Days a Monaco di Baviera messo in guardia. Il gruppo MediaForEurope di Berlusconi, MFE in breve, è azionista della società di media quotata di Unterföhring vicino a Monaco dal 2019.
In quel periodo la sua società, Mediaset, acquisisce le prime quote di PoSiebenSat. Mediaset ora si chiama MFE. Da novembre, la partecipazione è cresciuta al 22,72%. Come ormai si sa da un comunicato dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato austriaca, Berlusconi possiede la media company “Acquisizione del controllo fisico esclusivo su ProSiebenSat.1 Media SE” registrato.

Finora né il gruppo mediatico tedesco né quello italiano hanno commentato le notizie. E cosa significhino esattamente alla fine non è ancora chiaro, nemmeno agli esperti.

Comitato di esperti KEK: ancora nessun annuncio

Una cosa è certa: l’FBI non ha ancora presentato domanda. La Commissione per la determinazione della concentrazione nel settore dei media (KEK), competente a livello nazionale in Germania, non ha ancora ricevuto una notifica corrispondente, ha appreso Deutschlandfunk da persone vicine a KEK.

Lì è stato anche affermato che i principali cambiamenti nei fornitori di servizi a livello statale, come un aumento significativo delle scorte, dovrebbero essere preverificati “se esiste una forza di opinione dominante”. Tuttavia, nel caso di ProSiebenSat.1, tale misura non è stata ancora attuata.

L’Autorità per l’Energia e l’Elettricità è composta da esperti in diritto radiotelevisivo e commerciale, nonché da direttori di agenzie di stampa governative. Gli esperti sono nominati dalla politica, ma non sono vincolati dalle istruzioni.

READ  Martin Semmelrouge piange il suo amico cane | intrattenimento

questione di proprietà

Gli osservatori dei media bavaresi si occupano da tempo dei piani dall’Italia. Thorsten Schmiege, capo del Bavarian State Center for New Media (BLM), aveva già indicato “maggiori possibilità di influenzare la società” quando MFE ha annunciato a marzo che avrebbe aumentato la sua partecipazione al 25%. Questo è “rilevante in termini di legge sui media”, quindi cercheranno di influenzare la nuova legge bavarese sui media,

Schmiege ha annunciato su Deutschlandfunk
.

La legge era appena cambiata in quel momento ed era considerato “Lex Berlusconi”, spiega il giornalista dei media Thomas Lockerath del DWDL Industry Service. La modifica della legge ha lo scopo di impedire l’acquisizione di MFE. Come esattamente non è chiaro, tuttavia, ha detto Lückerath sul sito web di Deutschlandfunk.

La preoccupazione per il nome di Berlusconi è grande in Germania. Nel frattempo, questa non è più la forza motrice attiva nel lavoro quotidiano. Ecco perché Lückerath si è detto cauto nel costruire “un mostro in cui qualcuno influenza l’industria dell’informazione”. Inoltre, le notizie in ProSiebenSat.1 svolgono comunque un ruolo relativamente piccolo rispetto all’intrattenimento.

Legge sui media: limitare l’influenza degli individui

Secondo Roland Bornemann, ex consulente legale di BLM, la nuova legge bavarese sui media è “dotata di armi affilate” per quanto riguarda l’obbligo di controllare i cambiamenti nella proprietà azionaria; Ora si è ritirato da lì. In qualità di avvocato e professore emerito a Mainz, tiene ancora d’occhio ciò che sta accadendo intorno a ProSiebenSat.1 – ma ha detto a Deutschlandfunk che non sa in dettaglio cosa sta succedendo lì. Alla fine, gli esperti di titoli dovranno prendere una decisione.

READ  In jeans skinny biker: Danny Buchner sfida i suoi nemici

A suo avviso, in Baviera deve essere garantito il pluralismo interno, con la questione di quanta influenza può essere decisiva una singola persona. E nel caso di Berlusconi, sottolinea Bornemann, non si tratta solo di un imprenditore dei media, ma anche di un politico che ora è di nuovo coinvolto anche negli affari del governo.

La società di media di Berlusconi ha dichiarato a marzo che Berlusconi voleva che Pro7 e altre emittenti europee formassero una concorrenza diretta con i servizi di trasmissione statunitensi. Roland Bornmann sottolinea che non esiste ancora una legislazione a livello europeo: “Non esiste una legge europea sulla concentrazione dei media in senso stretto”. La legge antitrust si applica anche alle emittenti televisive. Ma – Bornemann è sicuro – l’Unione Europea non interferirà in questa questione.

Controllo dei media: il MFE mira al 29,9% dei diritti di voto

Se non c’è nulla da aspettarsi dall’Europa e il KEK responsabile a livello nazionale non è ancora apparso ufficialmente, c’è ancora BLM. Una recente dichiarazione dell’autorità di regolamentazione bavarese dei media afferma che MFE ha annunciato oggi (19 dicembre 2022) che “ora pianifica” di aumentare la partecipazione esistente in ProSieben Sat.1 Media SE attraverso transazioni fino al 29,9% del capitale azionario e di aumentare diritti di voto.

MFE è obbligata “a informare tempestivamente le autorità dei media statali responsabili e, attraverso di esse, la KEK prima dell’attuazione”, sottolinea il presidente di BLM Thorsten Schmiege. MFE mira a “adempiere a questo obbligo ai sensi del Trattato sui media (MStV)”, ovvero presentare i propri piani a tempo debito. L’annuncio di oggi “ha chiaramente lo scopo di adempiere a questo obbligo ai sensi del Trattato interstatale sui media”. L’applicazione in Austria riguarda anche l’adempimento dei requisiti legali.

READ  Scarica Aswat 2022 imminente - Südtirol News

L’aumento della partecipazione azionaria fino al 29,9 per cento del capitale e dei diritti di voto solleverebbe anche la questione se ciò violerebbe il principio di allontanamento dallo Stato. La decisione in merito viene presa dal Comitato di ammissione e supervisione (ZAK) delle autorità dei media, secondo il BLM su come procedere. All’inizio di aprile, l’ufficio federale del cartello ha classificato l’acquisizione di oltre il 25% delle azioni come inaccettabile ai sensi del diritto della concorrenza. Apparentemente, l’MFE sta già salendo al 29 percento con le opzioni a cui l’azienda ha accesso.

Il sindacato tedesco dei giornalisti (DJV) aveva precedentemente chiesto alle autorità di controllo dei media responsabili in Germania e Austria di impedire l’acquisizione. L’effettiva acquisizione di ProSiebenSat.1 da parte di Silvio Berlusconi a lungo andare sconvolgerebbe l’orientamento giornalistico del gruppo radiotelevisivo, È lui[chiamato[يسمى.

Esperto TV: ProSiebenSat.1 è più aperto

Thomas Lockrath del DWDL stima che le notizie attuali dall’Austria riguardino principalmente “tiri di spada” e “interessi” da parte della società di media di Berlusconi. “MFE ha bisogno di più azioni e qualcuno deve venderle”. Sarebbe utile se queste intenzioni fossero nuovamente chiarite. I politici si sono preparati a tutto questo. Tuttavia, non è del tutto chiaro come l’acquisizione possa essere impedita alla fine.

E nello stesso ProSiebenSat.1, dove in passato le persone si erano opposte con veemenza all’acquisizione, la tonalità è cambiata. Sotto la nuova amministrazione, lo scenario non è più così oscurato, afferma Lückerath.