Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

BellaItalia?  L’amore trasgressivo del tedesco per l’Italia

BellaItalia? L’amore trasgressivo del tedesco per l’Italia

Stile di vita italiano

Land of Longing: L’amore trasformato dei tedeschi per l’Italia

Oggi, 15 maggio 2023 | 10:25

Gelato, spiaggia e giro in vespa in riviera: “La dolce vita” riassume lo spirito tedesco della dolce vita italiana. Un po ‘più di controllo della realtà può migliorare una relazione.

C’è un fremito alla bocca dello stomaco, una calda sensazione di formicolio. Sul suo viso appare un sorriso involontario. Anche Johann Wolfgang von Goethe lo sapeva, e così anche molte successive generazioni di italofili. Ma sono entusiasti delle loro numerose esperienze di vacanza con “gelati”, “mare” e un sacco di “sol” – o influenze mediatiche.

I tedeschi sono innamorati, e lo sono da quasi due secoli. L’infatuazione, non l’amore, caratterizza il rapporto tra tedeschi e italiani, perché si manifestano chiaramente le comuni distorsioni cognitive dell’infatuazione: astrazione della coscienza, esagerazione positiva, proiezioni eccessive. L’affermazione più recente di questa visione limitata del mezzo vicino meridionale (chiunque abbia preso un treno tempestivo attraverso le Alpi attraverso il nuovo tunnel del Gottardo sa cosa significa) è la serie Netflix “Summertime” (tedesco: “Tre metri sopra the Sky’), in uscita a maggio 2023. Entra nella sua terza e ultima stagione.

Amore estivo per tutta la vita

“Summertime” è una singolare affermazione del sogno tedesco (turistico) dell’Italia, presentato in chiave moderna e raccontato in modo divertente. È ambientato in una località turistica della riviera romagnola durante l’estate: giornate luminose e limpide, mare limpido, bikini succinti e cemento verosimile. L’eroina Summer (interpretata da Coco Rebecca Edogamhe) indossa un afro, cavalca un longboard e ha sempre in mente i vecchi italiani: Bruno Martino, Mina, Jimmy Fontana. In questo modo, ogni generazione viene indirizzata.

Il suo avventuroso incantatore di motociclette Ragasso Alle (Ludovico Tersigni) è una ragazza italiana che ogni ragazza tedesca all’età di 13, 15 o 18 anni bacia o adora in vacanza in Italia. Circondata da un cast di adolescenti ben caratterizzati, la serie riesce a catturare in modo convincente la prima maturazione dell’adolescenza e le prove e le tribolazioni dell’infatuazione precoce e della malattia amorosa. Tutto questo nel bel mezzo dell’eterno sogno estivo dei tedeschi.

“Conosci la terra dove fioriscono i limoni?”

Tali sistemi sono ben accolti nel 21° secolo solo a causa delle fedeli preferenze per le vacanze dei tedeschi (l’Italia è stata tra i primi 3 dall’inizio delle misurazioni). La fretta ha una lunga storia nel contesto italiano.

Pubblicità

Due veicoli della proiezione tedesca si rivelarono innovativi: Johann Wolfgang von Goethe e – la cartolina. Il primo ha coronato il sogno di una vita, prima per se stesso e poi per chi lo circondava: un viaggio in Italia. Goethe durò dal 1786 al 1788, il suo diario di viaggio durò secoli e pose le basi per la nostalgia tedesca per l’Italia. Il poeta sfuggì ai doveri della corte di Weimar e godette in incognito – sotto il nome poetico di Johann Philipp Müller – come pittore – a Venezia, Roma, Napoli e in Sicilia. Comprese avventure sensuali. Che fuga letteraria!

Luoghi desiderati

A partire dal 1870, i luoghi nostalgici in Italia trovarono la loro strada sulle cartoline tra le persone meno interessate alla letteratura. Lo Stadtmuseum di Francoforte sul Meno dedica attualmente un’intera mostra alle prime fotografie dell’Italia. Prima delle cartoline, queste fotografie erano souvenir popolari della metà del XIX secolo. È facile vedere nei selfie di oggi quanto sia influente la ritrattistica di allora: se ignori le persone, spesso ti ritrovi davanti a scene simili.

L’Italia e Venezia in particolare hanno goduto di una nuova versione dell’entusiasmo tedesco attraverso i giallisti. Non solo la serie di Donna Leone sul commissario veneziano Guido Brunetti è diventata un bestseller, ma tutte le serie sono state girate in tedesco in location originali con attori tedeschi.

Controllo di realtà

Ma come ogni infatuazione, a un certo punto si scontra con la realtà. Per Goethe era il secondo viaggio, per la generazione Corona era il convoglio militare da Bergamo. Per generazioni di amanti dell’Italia, c’è stato un eterno ritorno dalla destra sempre scioccante, l’ultima con Giorgia Meloni – volentieri, in un maschilismo sfrenato, come Silvio Berlusconi, molti dichiarati morti (politicamente). metodo ma è ancora attivo.

I visitatori meno innamorati dell’Italia sono da tempo consapevoli dei problemi del Paese e degli sconvolgimenti sociali ad essi associati. Leggere i primi e pionieristici libri sulla mafia (“Il giorno della civetta” di Leonardo Ciaccia dal 1961 in poi) o sulla parità dei diritti (“Volevo i pontaloni” di Lara Cardella 1989) o sulla politica creditizia italiana. Il debito degli anni settanta e ottanta può aiutare qui.

Per favore, spazza davanti alla tua porta

La trasformazione tedesca dell’Italia si vede più chiaramente nei conflitti con i lavoratori ospiti italiani e le loro famiglie. Pizzerie, gelaterie e osterie sono luoghi conosciuti (e frequentati) in Germania. Questo è stato il primo accordo di coscrizione concluso dalla Germania nel 1955. Altri come Tunisia, Spagna, Grecia e Turchia sarebbero seguiti.

E come si suol dire: dovevano venire gli operai, ma veniva la gente. Non sono trattati così gentilmente come alcuni film hanno affrontato negli ultimi anni. Il regista tedesco-turco Fatih Akin ha anche tentato una storia di immigrati su una famiglia italiana (e una disputa fraterna) con “Solino” del 2002, prima di diventare famoso con “Gegen die Wand” nel 2004. Ma poi sono seguite serie TV come “Bella Germania”, un film in tre parti che ha dimostrato nel 2019 che la televisione tedesca soffre di visione distorta quando si tratta di Italia. O completamente unilaterale, ad es. una vista condiscendente dall’alto.

BellaItalia?

Quindi nessuna proiezione dei paesaggi, della grande cultura, della storia, del culto dell’Italia? Come le coppie mature, la vera bellezza e ricchezza di un paese si possono vedere solo dopo anni di familiarità, quando le ginocchia deboli tornano a essere solide e i brividi allo stomaco scompaiono. Anche leggere Umberto Eco o Francesca Milandri potrebbe aiutare.

E così – dopo anni passati a strofinare le pagine scomode e brutte – la forte passione travolgente (o come piace chiamarla italiana ai tedeschi) inizia a sviluppare una certa patina, qualche ruga appare qua e là – ancora quando guardi il cuore . L’area si scalda ei passi sono veloci, e allora l’infatuazione del tedesco si trasformerà probabilmente in un grande amore.

Autore: Julia Hitz

READ  L'Italia dopo la crisi di governo: "Costituzione a rischio" - Politico