Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Arrivano i referendum?: l’intelligence britannica contraddice Lavrov

Adesso arrivano i referendum?
I servizi di intelligence britannici differiscono da Lavrov

Questa settimana, il ministro degli Esteri di Mosca Lavrov ha annunciato che la Russia punta a più conquiste geografiche in Ucraina. Secondo l’intelligence britannica, gli obiettivi erano già lì e Lavrov voleva fare qualcosa di completamente diverso.

I servizi di intelligence britannici contraddicono il recente resoconto del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, secondo cui la Russia ha ampliato i suoi obiettivi in ​​Ucraina. Lavrov ha annunciato a metà settimana che il compito non riguardava più solo le autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, ma anche le regioni di Cherson e Zaporizhia e “un certo numero di altre regioni”. Lavrov ha citato le spedizioni di armi occidentali in Ucraina come motivo per adeguare gli obiettivi.

“Quasi certamente non è vero”, hanno scritto i servizi di intelligence britannici nel loro più recente relazione sulla gestione. La Russia non ha ampliato la sua guerra. “Il controllo a lungo termine di queste aree è stato un obiettivo quasi certo dall’inizio dell’invasione”.

Servizi segreti: Lavrov apre la strada ai referendum

L’intelligence britannica sospetta che ci sia una strategia dietro le dichiarazioni di Lavrov. “La Russia ha invaso i territori a febbraio e le autorità di occupazione hanno discusso pubblicamente le prospettive di tenere referendum legali e indipendenti almeno da metà marzo”, afferma il rapporto. “C’è una ragionevole possibilità che Lavrov abbia fatto queste dichiarazioni per aprire la strada a referendum nei territori occupati fuori Luhansk e Donetsk”, ha aggiunto.

Nelle due regioni, così come nelle regioni di Cherson e Zaporizhia, c’erano già annunci e dichiarazioni su referendum programmati, per lo più da parte di governanti filo-russi o separatisti o di un’amministrazione militare filo-Mosca. Il governo ucraino presume che referendum come quelli nella Crimea annessa siano possibili solo con l’approvazione di Mosca.

Mentre l’Ucraina uccide decine di migliaia di persone in una brutale guerra di aggressione, l’accoglienza ufficiale della Russia è molto diversa. La Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, ma ancora non usa la parola “guerra” per riferirsi ad essa, presentandosi principalmente come vittima di una minaccia occidentale. .

READ  Intervista al presentatore di Berlusconi: Lavrov non ha paura delle domande