Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Approvvigionamento di vitamina D e percorso COVID-19: un caso di studio

Dall’inizio della pandemia di Corona, la possibile associazione tra il decorso del Covid-19 e lo stato di vitamina D dei pazienti è stata oggetto di ricerca. È stato a lungo detto che una carenza dell'”ormone del sole” aumenta il rischio di morte. Al contrario, un buon livello di vitamina D porta a minori complicazioni. Un nuovo studio contraddice e accusa di parzialità gli studi corrispondenti.

Il presunto effetto positivo della vitamina D sul decorso del COVID-19 ha suscitato molto scalpore nel 2020. Si diceva che la vitamina D supportasse la risposta immunitaria ai patogeni in modo che l’organismo potesse combattere meglio il virus. Anche se i meccanismi esatti dell’azione del composto non sono del tutto chiari, molti medici si affidano sempre più agli integratori di vitamina D e anche la Gran Bretagna ha considerato l’uso mirato di compresse di vitamina D contro il corona. Uno studio attuale contrasta con gli studi degli ultimi mesi: un livello di vitamina D più elevato non è associato a cicli di malattia meno gravi.

Vitamina D e sistema immunitario

Sia nella medicina tradizionale che nella medicina naturopatica, molti professionisti fanno sempre più affidamento sugli integratori di vitamina D per rafforzare il sistema immunitario per lungo tempo. Aumento della produzione del gene della catelicidina (CAMP in breve) – “un agente antivirale naturale”, ha affermato il dott. Sarfraz Zaidi dall’Università della California al mediatore americanoPsicologia oggiSpiegare Si concentra anche principalmente sui livelli di vitamina D nel trattamento delle malattie autoimmuni che sono nel dominio di un endocrinologo.

Inoltre, la carenza primaria di vitamina D può favorire lo sviluppo di varie malattie con conseguenze potenzialmente fatali. Al contrario, le persone con alti livelli di vitamina D nel sangue hanno meno probabilità di avere z. B. Cancro. È stato segnalato daRivista medica“.

READ  Studio Corona sui rischi di infezione alle feste e alle feste: il risultato è sorprendente

Tutti i fatti che hanno aiutato la vitamina D a fare una certa “carriera” dopo l’inizio della pandemia di Corona. Consigliare la vitamina D come integratore per proteggersi dal Covid-19 o per ottenere un decorso più mite sembra sempre più probabile – e ci sono già stati alcuni studi che sembrano confermare gli effetti sulla salute in questo contesto.

La vitamina D e il percorso COVID-19: un caso di studio

I ricercatori del Boston College of Medicine (Massachusetts) volevano trovare “prove” che una maggiore concentrazione di vitamina D riduce significativamente il rischio di complicanze nel contesto dell’infezione da coronavirus. Hanno citato la loro analisi dei dati di 235 persone – pazienti Covid-19 di età superiore ai 40 anni che hanno dovuto essere ricoverati in ospedale. I risultati del loro studio sono stati pubblicati sulla rivista.PIÙ UNOPetto.

Si accenna al fatto che nei pazienti con un buon apporto di vitamina D è stata riscontrata una “diminuzione significativa del valore di CRP sierica” (= marker infiammatori nel sangue); E questo aumentando allo stesso tempo il numero di linfociti. Un’adeguata concentrazione di vitamina D può quindi aiutare a migliorare la risposta immunitaria e prevenire una cosiddetta “tempesta di citochine” (= una deviazione del sistema immunitario pericolosa per la vita).

D’altra parte, quei pazienti, la cui quantità insufficiente di vitamina D è stata misurata, avrebbero complicazioni più gravi. Ad esempio, dovevano essere ventilati ed erano anche quelli con maggiore mortalità.

Altri studi in passato hanno esaminato la relazione tra i livelli di vitamina D e il decorso del COVID-19. Già nel maggio 2020, quando l’Europa aveva appena superato il picco della prima ondata, i dati dei ricercatori indonesiani (che provenivano da 380 pazienti Covid-19 provenienti da Italia, Spagna e Svizzera) mostravano che le persone a cui era stata diagnosticata una carenza di vitamina D erano decedute al 99 per cento. della malattia di Covid-19. Di quelli con un livello di vitamina D leggermente più alto ma ancora insufficiente, l’88% è morto.

Nota: nei pazienti con un adeguato apporto di vitamina D, il tasso di mortalità era apparentemente solo del 4%. I ricercatori hanno quindi concluso che l’assegnazione degli integratori nutrizionali appropriati dovrebbe far parte del trattamento per Covid-19. Maggiori dettagli possono essere trovati nel database online.campo di ricerca“Leggi.

I risultati dello studio citato sembrano molto chiari. La vitamina D protegge da un grave decorso di Covid-19. O non è così in fondo? Un nuovo studio della McGill University (Montreal) canadese sta ora mettendo in dubbio le affermazioni di un effetto protettivo.

Ricercatori canadesi: non ci sono prove che la vitamina D funzioni contro il virus Corona

Secondo i ricercatori canadesi, non ci sono prove genetiche che la vitamina D agisca come misura preventiva contro il coronavirus. Come sono arrivati ​​i ricercatori alla loro dichiarazione? Da un lato, lamentano che negli studi corrispondenti (non complicati) altri fattori di influenza (invecchiamento, malattie croniche …) non sono stati presi in considerazione. In altre parole: manca la causalità.

Punto 2: Al fine di valutare la relazione tra il livello di vitamina D e la gravità delle malattie da Covid-19 ed escludere possibili bias dovuti a fattori di rischio noti, hanno quindi eseguito quello che viene chiamato uno studio mendeliano randomizzato: hanno esaminato i dati di circa 14.000 persone in 11 paesi con un alto livello di vitamina (d) Geneticamente entrambi soffrivano di Covid-19 e non lo contraevano.

I loro risultati suggeriscono che le persone che si ammalano non fanno alcuna differenza nei loro livelli di vitamina D e nella probabilità di ammalarsi gravemente, di essere ricoverate in ospedale o di avere maggiori probabilità di ammalarsi. Integrazione di vitamina D come misura di miglioramento della salute pubblica [der Verläufe von Covid-19, Anm. d. Red. ] Quindi non supportarli. I risultati sono stati pubblicati sulla rivistaPiù MedicinaPetto.

Tuttavia: lo studio non prende in considerazione i pazienti già carenti di vitamina D. Pertanto, “queste persone potrebbero ancora beneficiare di un integratore alimentare per la protezione in relazione al Covid-19”, afferma uno dei comunicato stampa l’Università.

Questo è quello che dice il nutrizionista

Quindi, se i livelli di vitamina D hanno un effetto inferiore al previsto su COVID-19, potrebbe essere preferibile la costituzione fisica generale delle persone?

Gli esperti di nutrizione hanno spiegato in un’intervista con FITBOOK che “la vitamina D si attiva nel corpo in un ormone che può attivare centinaia di geni nelle nostre cellule in vari tessuti e organi”. Professor Nikolai Worm. Viene data grande importanza a un adeguato apporto di vitamina D, che dovrebbe supportare vari processi fisici (al di fuori della costituzione mentale).

Come si ottiene la vitamina D?
La vitamina D è anche chiamata “ormone del sole”. Se esponiamo la nostra pelle ai raggi ultravioletti del sole, questo provoca la formazione della proteina vitamina D3 nelle cellule della pelle. Il corpo lo immagazzina nel tessuto adiposo e muscolare nella forma inattiva di D3 e può consumarlo per un periodo di tempo. Nei mesi invernali più bui, il livello di vitamina D tende ad essere inferiore rispetto a quello estivo. Per garantire un livello adeguatamente elevato di vitamina D attraverso il cibo, è necessario consumare ogni giorno grandi quantità di pesce azzurro (come salmone o sgombro). Pochissime persone lo fanno. Ecco perché anche i nutrizionisti fanno spesso affidamento sull’assunzione di integratori di vitamina D.

conclusione

La raccomandazione di assumere la vitamina D come integratore alimentare (esclusivamente) non dovrebbe basarsi su una potenziale malattia da COVID-19, ma piuttosto sullo stato generale dell’approvvigionamento. L’ormone è importante per tutti i processi fisici e per la salute generale.