Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Apple: i vecchi iPhone saranno troppo lenti per le nuove funzionalità AI

Apple: i vecchi iPhone saranno troppo lenti per le nuove funzionalità AI

©Apple

Quando è stato annunciato che le nuove funzionalità AI di Apple non avrebbero funzionato su molti iPhone relativamente nuovi, ci sono state alcune lamentele. L’azienda conferma che ciò avviene per ragioni puramente tecniche.

Apple ha difeso la decisione, affermando che i proprietari di più iPhone sarebbero esclusi dalle funzionalità avanzate di intelligenza artificiale appena annunciate. Questo è solo per ragioni tecniche, ha confermato il capo dell’IA John Gianandrea durante un’intervista in diretta sul podcast “The Talk Show” martedì (ora locale). L’hardware deve essere sufficientemente potente per il software. In teoria, potresti eseguire modelli di intelligenza artificiale utilizzando la tecnologia legacy, ma sarebbe troppo lento per essere utile.

Per i nuovi modelli AI, che il gruppo riassume come “Apple Intelligence”, avrai bisogno di uno dei futuri iPhone o almeno dell’iPhone 15 Pro dello scorso autunno. C’è più margine di manovra con i computer Mac: andrà bene qualsiasi chip interno della serie M, che Apple ha utilizzato per sostituire i processori Intel dal 2020. Le funzioni funzioneranno anche sugli iPad con sistema M-chip. Oltre ai chip gioca un ruolo importante anche la capacità di memoria RAM, spiega Craig Federighi, responsabile del software.

Per le app Apple Intelligence è necessario almeno un iPhone 15.

Apple punta a svolgere il più possibile il proprio lavoro informatico sui dispositivi, tra l’altro per motivi di protezione dei dati. Ciò aumenta anche le esigenze in termini di prestazioni. Allo stesso tempo, il gruppo ha sviluppato un processo attraverso il quale le attività vengono trasmesse ai server Apple in forma crittografata. I dati dovrebbero scomparire di nuovo completamente dal cloud. “Non utilizziamo i dati degli utenti per addestrare i nostri modelli”, ha sottolineato Giannandrea.

READ  La realtà sugli occhiali | I nuovi router di Amazon

Dall’autunno in poi, nuove funzioni riepilogheranno, ad esempio, e-mail ed SMS persi, creeranno emoji individuali, troveranno e raccoglieranno informazioni su richiesta. Il programma sarà anche in grado di creare immagini da testi preimpostati. A differenza di molti altri servizi, l’intelligenza artificiale di Apple non crea immagini artificiali. “Perché non vogliamo rendere facile la creazione di deepfake”, ha detto Giannandrea. I deepfake sono un problema perché è diventato sempre più facile creare foto e video di persone apparentemente reali.

avvisoAlcuni dei collegamenti nell’articolo sono chiamati collegamenti di affiliazione. Se acquisti tramite questo link, TELEVISIONE DIGITALE riceve una piccola commissione. Ciò tuttavia non ha alcun effetto sul prezzo.