Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Andrea Orsel vuole allentare i legami con il governo

Roma Questo avrebbe dovuto essere il suo primo grande affare: l’anno scorso era un favorito Non credito-Presidente Andrea Orcelli Banca Italiana di Crisi di Stato Monte dei Paschi Di Siena (MBS). Le trattative andarono bene e l’acquisizione della banca milanese fu la soluzione perfetta per il governo di Roma.

Ma poi l’accordo è esploso sul rettilineo di casa. All’epoca Orcel avrebbe chiesto allo Stato un aumento di capitale eccessivo: il suo obiettivo di 6,5 miliardi di euro era più del doppio di quello che Roma era disposta a pagare.

Il fallimento è stato spiacevole per il governo: la Commissione Ue ha infatti concesso all’Italia fino alla fine dello scorso anno per riprivatizzare la banca senese.

Dal 2017 MPS appartiene al Ministero delle Finanze, momento in cui l’azienda è stata salvata dal fallimento. Roma ha dovuto chiedere a Bruxelles di prorogare il termine e continuare a pagare il capitale: Mps ha bisogno di 2,5 miliardi di nuovi soldi, 1,4 miliardi di euro. I contribuenti devono pagare per questo.

Principali compiti della giornata

Trova i migliori lavori ora
Verrà avvisato tramite e-mail.

Da allora, sebbene nessuno lo abbia ufficialmente confermato dal governo, si ritiene che i rapporti tra la banca e il governo si siano inaspriti. Secondo quanto riferito, Orcel ha assunto le migliori PR per calmare le cose. Secondo un rapporto di Bloomberg, Gianluca sarebbe responsabile di Comen. Il consulente di gestione è considerato un esperto di comunicazione che ha fondato lo studio romano di PR Comin & Partners. Uncredit non ha avuto commenti quando è stato contattato.

READ  Weimar conferenze sul viaggio alla scoperta di sé di Goethe in Italia | Weimar

Orcel ha reso l’Italia una priorità assoluta

Il mantenimento dell’immagine ha senso: la società madre di Hypovereinsbank (HVB) vuole continuare a crescere nel mercato immobiliare. Orcel ha più volte sottolineato le radici della banca – e recentemente ha dichiarato l’Italia il suo fiore all’occhiello. L’azienda italiana, che fino ad oggi aveva rappresentato una buona metà del fatturato, è stata rilevata in proprio dall’amministratore delegato.

Orcel sta attualmente operando da una posizione di forza. È stato al timone del Milan nell’ultimo anno e mezzo e negli ultimi tempi ha saputo mettere a segno numeri forti. Il 59enne è stato in grado di dichiarare “il miglior risultato dell’ultimo decennio” nonostante le pressioni sugli affari in Russia.

Il secondo trimestre è stato un trimestre record con un utile netto di quasi due miliardi di euro. Il Common Equity Tier 1 ratio (CET 1) è aumentato al 15,73%. Per l’anno in corso sono ora previsti quattro miliardi di euro di utile netto, 700 milioni di euro in più rispetto ai piani precedenti.

Ma Orcel è stato coinvolto per affari poco brillanti di fusioni e acquisizioni. Il suo predecessore Jean-Pierre Mustier era più titubante sul potenziale acquisto. Orcel è un banchiere d’investimento vecchio stampo, tipo negoziante. Ma non ha avuto successo nell’acquisire tutto.

>> Leggi di più: Commento degli ospiti Andrea Orzel: L’Europa ha bisogno di un’unione bancaria funzionante ora

Come anche il secondo big deal è fallito: UniCredit vuole più piccolo Banca Popolare di Milano prendilo bpm La terza banca d’Italia. La fusione avrebbe reso Orcel il leader del mercato italiano Indesa Sanpaolo Può catturare, gestisce più filiali di Uncredit, specialmente nel nord economicamente forte.

READ  Sei Nazioni di Rugby | Le donne mirano a iniziare a volare a Furlon e in Italia in sei paesi

Orcel, in una delle sue rare interviste, ha definito le fusioni “un modo per accelerare la crescita”, ma non ha effettuato acquisizioni specifiche. Uncredit si vede ancora come un compratore, ha spiegato qualche settimana fa a “La Repubblica” – ma “alle giuste condizioni”.

Il campo di destra è in testa per numero di voti

Per future acquisizioni domestiche, Orcel ha bisogno del sostegno del governo. Tuttavia, è in carica solo ad interim: il gabinetto di Mario Draghi si è dimesso quattro settimane fa e attualmente può occuparsi solo di “questioni urgenti”. Il 25 settembre verrà eletto il nuovo parlamento. Finora, il campo di destra ha ottenuto la maggioranza nei sondaggi. Giorgia Meloni del partito postfascista Fratelli d’Italia potrebbe diventare il prossimo presidente del Consiglio.

Georgia Meloney

Un politico dei Fratelli d’Italia potrebbe diventare il prossimo presidente del Consiglio.

(Foto: IMAGO/Matteo Gribaudi)

Orzel ha spiegato in un’intervista che il momento della crisi politica “non era l’ideale”. Ma qualunque governo salga al potere: “Non può deviare molto dall’attuale direzione di marcia”. Non crede che cambierà molto nella sostanza, soprattutto in termini di riforme.

Il governo Draghi è da tempo più impegnato nella riforma di qualsiasi coalizione italiana. Numerose altre riforme sono legate ai pagamenti del Fondo europeo per la ripresa. Allo stesso tempo, Draghi ei suoi ministri cercano di ridurre l’ammontare del debito.

Con 2.766 trilioni di euro, l’Italia ha più debiti che mai. Tuttavia, rispetto alla produzione economica, il debito è diminuito di oltre dieci punti percentuali negli ultimi due anni, la prima volta nella storia.

A causa della crisi del governo e dell’incertezza su chi salirà al potere dopo le elezioni, i rendimenti dei titoli di Stato sono recentemente aumentati. Entro la fine dell’anno dovranno essere rifinanziati circa 146 miliardi di euro, rendendo temporaneamente più oneroso il servizio del debito del Paese.

Uncredit detiene circa 41 miliardi di euro di titoli di Stato italiani. L’analista Jefferies ha alzato il target di prezzo per Uncredit questa settimana: da 16 a 17 euro. L’analista Benji Crelan-Sandford ha scritto di essere rialzista sulle banche dell’Europa meridionale. Le incertezze politiche ed economiche spesso sembravano costose.

Ulteriore: “Leaving in the Dark” – La destra dell’Italia diventa un pericolo per l’Eurozona