Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Andrea Bocelli: Così un tenore festeggia il Natale con la sua famiglia – Spettacolo

Matteo e Virginia erano in studio di registrazione con il padre, Andrea Bocelli. Foto: Giovanni De Sandri


Il tenore italiano Andrea Bocelli ha registrato un album di Natale con i suoi figli, Matteo e Virginia. In un’intervista i tre parlano delle tradizioni in casa Bocelli da non perdere la vigilia di Natale.

La superstar italiana Andrea Bocelli, 64 anni, è un padre di famiglia, anche quando si tratta di lavoro. Nell’album di Natale “A Family Christmas”, uscito a fine ottobre, ha portato in studio di registrazione il figlio Mateo (24) e la figlia Virginia (10). In un’intervista congiunta con Spot on News, i tre hanno parlato delle tradizioni natalizie, dei progetti per il futuro e della pressione delle aspettative.

Hai pubblicato l’album di Natale “A Family Christmas” con i tuoi figli Matthew e Virginia. Come ti è venuta questa idea?

Andrea Bocelli: L’idea originale di realizzare un nuovo album natalizio con la famiglia è venuta dall’etichetta. Era il periodo in cui si svolgeva a Roma il X Incontro Mondiale delle Famiglie. Ho ripensato alle parole pronunciate da Papa Francesco (86) in quell’occasione e abbiamo accettato la sfida di creare un vero e proprio progetto musicale che una famiglia concepisse delle altre famiglie per il Santo Natale.

Amo la musica natalizia proprio per la componente speciale che la contraddistingue. Cioè la sua capacità di trasmettere bontà e di ricordarci la forza della speranza, dell’amore e della bontà.

Com’è stato per i tuoi figli essere in studio con te?

Andrea Bocelli: oggi posso segnare in casa senza problemi, ed è stato così in questo caso. Quindi abbiamo lavorato in un’atmosfera completamente calma e abbiamo condiviso la nostra vita quotidiana con il team di produzione. Per Mateo, ma anche per Virginia, questa non è la prima volta che facciamo musica insieme. Ma produrre un album è stata davvero un’esperienza più impegnativa.

READ  Liberare il capezzolo? Crazy Zoff T-Shirt A proposito di TV Star Muffy Horbiger | intrattenimento

Sono stati giorni indimenticabili e considero questa opportunità come un regalo che non mi aspettavo. Anche perché cantare insieme è sempre un’esperienza intensa, un incontro di anime. Ancora di più, quando mescoli la tua voce con quelli a cui tieni di più al mondo.



Anche Virginia ora vuole diventare una cantante e, in tal caso, come si sentirà Andrea a riguardo?

Andrea Bocelli: Virginia è ancora una bambina. Ama la musica e studia pianoforte, danza e ginnastica. Recentemente ha anche cantato con me davanti a un vasto pubblico. Ma ha dieci anni e queste attività per lei, seppur impegnative, per il momento non sono altro che un gioco. È ancora troppo presto per dire se la musica sarà la sua professione. Il mio più grande desiderio è che un giorno Virginia realizzi le proprie ambizioni e utilizzi i suoi talenti.

Mateo, sei già in viaggio come cantante. Sei spesso paragonato a tuo padre?

Matteo Bocelli: Sono molto orgoglioso del percorso fatto finora. Ovviamente vengo sempre paragonato a mio padre. È una delle più grandi sfide che ho dovuto affrontare dal giorno in cui ho deciso di intraprendere una carriera nella musica. Il confronto comporta grandi aspettative, ma mi motiva anche a lavorare di più.

Com’è stato essere figlio di un cantante di successo e come hai trovato la tua strada come musicista?

Matteo Bocelli: Crescere con un padre famoso mi è venuto naturale. Ogni cosa ha i suoi pro e contro e cerco sempre di vedere gli aspetti positivi, nonostante le sfide che inevitabilmente derivano dall’essere figlio di un’icona della musica.

Musicalmente, ho trovato la mia indipendenza attraverso l’onestà e l’autenticità. Ho sempre cercato di mettere emozioni e sentimenti reali nella mia musica per raggiungere le persone. Credo che credere in se stessi sia la chiave del successo.

READ  La band metal tedesca Helloween: numero uno nelle classifiche degli album

Com’è una tipica festa di Natale della famiglia Bocelli?

Virginia Bocelli: Come puoi immaginare, nella nostra famiglia italiana di cantanti c’è molta musica e, ovviamente, molto cibo. Il mio dolce natalizio preferito è il torrone, che è una tavoletta di cioccolato con dentro delle nocciole. È così delizioso. E ovviamente andiamo sempre insieme alla messa di Natale. Dopodiché, vai a casa per vedere quali regali ha portato Babbo Natale per tutti.

Cosa c’è sulla tua tavola la vigilia di Natale?

Matteo Bocelli: In Italia è consuetudine mangiare pesce la vigilia di Natale, insieme ai famosi tortellini in brodo [Dt. Tortellini in Brühe, Red.] E per dessert, ovviamente, il panettone, una specie di pane dolce. lo amo tutto

Quali tradizioni natalizie non deve mancare a casa tua?

Andrea Bocelli: Non seguiamo particolari tradizioni della vigilia di Natale. È importante trascorrere il 25 dicembre con la propria famiglia e ricordare insieme il profondo significato spirituale di questa festa cristiana. Decoriamo sia l’albero che la culla: sono tradizioni che scaldano il cuore e che non dovrebbero mancare in casa Bocelli. Iniziamo la giornata andando insieme alla Divina Liturgia. Tornati a casa, a turno apriamo i regali e aspettiamo il pranzo.

Quest’anno sarà il primo Natale senza mia madre che è andata in Paradiso a vivere con suo marito, i genitori di Sandro. La ricorderemo con tanto affetto e gratitudine. Nel pomeriggio veniamo nella nostra tenuta di campagna e continuiamo a festeggiare con i nostri parenti.