Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Alle donne non manca il talento, solo la fiducia in se stesse

Il Festival di Bayreuth si aprirà domenica con “Flying Dutchman” di Richard Wagner sotto la direzione di Oksana Lenev. La prima alla presenza del cancelliere Angela Merkel è un momento storico: per la prima volta in 145 anni di storia del festival, una donna salirà sul podio del direttore d’orchestra a Bayreuth.

Incontriamo Oksana Lenev a Bayreuth, tre giorni prima della prima. Il trambusto del sito è fantastico. Il 43enne conduttore è calmo e concentrato. Ci sediamo al sole davanti alla sala del festival.

quotidiano di Berlino: Signora Lennef, come si trova a Bayreuth?

Oksana Lenev: questo è figo. Grande orchestra, grandi musicisti, tutta l’atmosfera: è incomparabile poter comporre musica in questo luogo magico.

Senti ancora la domanda che sei la prima donna direttrice ad apparire a Bayreuth?

numero.

Ma la comunità musicale lo celebra come un evento.

La colonna sonora di Richard Wagner è una grande sfida professionale per ogni leader. Il genere non ha importanza qui. Ecco di cosa si tratta, e tutto il resto non ha senso per i musicisti.

Come reagiscono i musicisti quando sul palco c’è una donna?

Tre minuti dopo, l’orchestra vede se puoi esibirti e se hai un’idea della musica o un’idea di come suona il pezzo. L’orchestra nota immediatamente anche se puoi rispondere a determinate domande musicali, come il tuo stile sorprendente, e se puoi guidare facilmente un centinaio di persone. Se l’orchestra ha tale fiducia, i musicisti sono meno interessati alla domanda se un uomo o una donna reciti. Solo i giornalisti sono interessati a questo.

Allora perché è stata una procedura di dominio maschile per così tanto tempo?

Ciò è dovuto allo sviluppo della società. Fino agli anni ’80 c’erano ancora alcune importanti orchestre che non accettavano le donne come musicisti. Le donne erano anche socialmente svantaggiate, basti pensare al diritto del lavoro. Tuttavia, negli ultimi cinque anni sono successe molte cose. Le principali opere liriche si sforzano di offrire fino a tre programmi per sole donne ogni anno.

READ  Reese Witherspoon - L'attrice più ricca del mondo durante la notte! - Persone

Festival di Bayreuth / dpa / Ole Pavlyuchnikov

Oksana Lenev con il tuo strumento musicale.

Nella musica del college ho avuto l’impressione che le donne superino gli uomini quando si tratta di dirigere. Tuttavia, i ragazzi hanno fatto carriera. È più facile per le donne oggi affermarsi davvero grazie alle loro qualità musicali?

Molte cose sono cambiate con il movimento MeToo. Una giovane studentessa non riceve più commenti sessuali come 15 anni fa. I problemi tecnici sono gli stessi per uomini e donne. Mentre si studia all’università, si gestisce principalmente il pianoforte. Le studentesse hanno pochissime opportunità di tenere un’orchestra. È troppo tardi per tutti gli studenti.

Le donne sono le migliori leader nelle orchestre?

Oggi abbiamo un enorme sviluppo di leader carismatici. Ciò può anche essere dovuto alla capacità speciale di una donna di multitasking. Quando esegui l’operazione, devi prestare attenzione a molte cose contemporaneamente e la donna è brava. Quello che manca alle donne non è il talento, ma la fiducia in se stesse. C’è spesso una mancanza di supporto nell’ambiente. Le pietre sono spesso poste sulla strada.

Come ci sei riuscito, in particolare: come ti sei avvicinato all’opera?

Ho ottenuto il mio primo lavoro a Lviv (Limberg) come mentore e assistente del comandante principale. Avevo circa 20 anni. In questo modo ho conosciuto l’azienda dall’interno e ho potuto tenere d’occhio il conduttore. In seguito sono stato all’Opera Nazionale di Odessa per cinque anni. Questa è un’opera molto prestigiosa, nel 19° secolo, quando questa parte dell’Ucraina faceva parte dell’Impero russo, l’opera di Odessa era molto importante come la seconda casa più importante dopo il Teatro Mariinsky di San Pietroburgo. Tchaikovsky ha condotto qui. L’architettura viene dagli architetti austriaci Fellner e Helmer, che costruirono anche Vienna, Graz e Zurigo. È stato allora che ho conosciuto la meravigliosa acustica del teatro dell’opera e ho fatto molti spettacoli musicali: opera, balletto, concerto. È stata la formazione perfetta come leader.

C’erano delle riserve su di te come donna?

non inferiore. Mi sono affermato come musicista. Avrei potuto essere il capo dei conduttori lì. Ma sono andato a Monaco, all’Opera di Stato bavarese, come assistente di Kirill Petrenko.

Come ti ha scoperto Petrenko a Odessa?

È stata solo una coincidenza. Il direttore del concerto della Israel Philharmonic Orchestra, Ilya Konovalov, era un turista all’opera. Dopo il primo atto di Madame Butterfly venne da me e mi disse che dovevo assolutamente trasferirmi in una casa più grande. Ma non avevo un agente in quel momento. Così gli ho regalato un DVD con degli estratti. Quindi li mandò a Zubin Mehta, Gustavo Dudamel e Petrenko. Petrenko stava cercando un assistente e così sono venuto a Monaco.

decisione coraggiosa…

È stato un grande passo. Sono venuto a Monaco con una certa conoscenza del tedesco, ma senza alcuna esperienza in materia tedesca. Ho imparato molto all’Opera bavarese. Ho aiutato nelle produzioni di “Frau ohne Schatten”, “Lulu” e “Soldier”, con la ripresa del ring, e come direttore mi sono esibito in diversi spettacoli, tra cui “Ariadne auf Naxos”, “La Traviata” e “Lucia di Lammermore”.

Poi sei andato a Graz?

Graz è stata la mia prima posizione come direttore d’orchestra. Abbiamo lavorato meravigliosamente con l’orchestra, alzato il livello musicale e fatto molte opere e grandi serate musicali. Ma dopo tre anni non ho rinnovato il contratto perché c’erano sempre più chiamate per spettacoli, da grandi case come Parigi e Londra. Il problema con Graz è che ci sono solo pochi voli diretti. Quindi viaggiare è molto difficile. Inoltre, non volevo trascurare la mia orchestra. E ad essere onesti: Graz era davvero bella, ma sono una persona “guidatrice” e mi piace affrontare nuove sfide. Mi deve succedere qualcosa.

Quindi sei arrivato nel posto giusto a Bayreuth.

Bayreuth è il centro mondiale della musica. La qualità si è sentita nella prima prova dell’orchestra. Non sei in grado di parlare. In Hollander abbiamo musicisti delle 40 migliori orchestre tedesche, anche dalla Svizzera e dalla Francia, dall’Orchestra Filarmonica di Berlino, Hescher Rundvank, Bayerischer Rundfunk, ecc. E tutti vengono perché vogliono giocare, non perché devono essere in servizio. C’è un livello completamente diverso nell’industria musicale. Poi c’è la magia del luogo. So di far parte anch’io di una grande tradizione ora.

E questo non è solo positivo quando si tratta di Richard Wagner come persona…

Lo so. Ero molto interessato a Wagner come persona. Penso di aver capito anche i link. Molto può essere spiegato dalla personalità e dalla biografia di Wagner. L'”olandese” in particolare gioca un ruolo decisivo: Meyerbeer Wagner non aiutò a Parigi, l’Opera di Parigi lo respinse e fece comporre la sceneggiatura a qualcun altro. Wagner non ci riusciva e pensava sempre a Mendelssohn, il direttore musicale generale del Gewandhaus. A quel tempo, non c’era quasi un concerto in Germania in cui Mendelssohn non suonasse. D’altra parte, all’inizio non fu facile per Wagner. Aveva appena lasciato il lavoro a Riga ed era alla ricerca di nuovi contratti e lavori con problemi finanziari. Mendelssohn rifiutò anche la Wagner Symphony. Era pura invidia.

Che poi divenne antisemita?

L’antisemitismo era un movimento popolare nel XIX secolo. Era la moda dei tempi. Dal punto di vista di oggi, ovviamente, è terribile. Wagner, come molti all’epoca, incolpò gli ebrei del suo fallimento.

Ma gli “olandesi” hanno messo Wagner sulla strada del successo?

L’opera è considerata un punto di svolta nell’opera di Wagner. È qui che appare per la prima volta il genio visionario. Le sue prime opere sono state scoperte nelle tradizioni dell’opera italiana, della grand opera e dell’opera di gioco tedesca: “Rienzi”, “Liebestrank”, “Die Feen”. “The Dutchman” mostra tutta la sfida, la volontà che Wagner ha raccolto dopo il suo fiasco a Parigi. Dialogo con l’oceano – Wagner parla del suo destino. C’è ancora molto “bel canto” là fuori, ma puoi già sentire il defunto Wagner pensare alle idee dominanti. C’è persino una battuta nell’opera che viene da Heinrich Heine, il cui lavoro è stato un modello per l’idea dell’opera. Una certa popolarità.

DBA / Ronald Wittek

Oksana Lenev al 2° Concorso Internazionale Sir George Solti alla Filarmonica di Stato di Ludwigshafen (foto d’archivio, 2004).

Sembra che tu capisca bene il defunto Wagner. Di recente ho fatto l’introduzione a “Tristan” a Vienna, e hai avuto l’impressione che la musica fosse molto permeabile.

La musica di Wagner è materia leggera. Non ha alcun effetto materiale. L’idea di questa musica è fuori dal mondo. Cerco anche di esprimere questo attraverso il disegno della mia mano nella direzione. Gestisco Wagner in modo molto diverso da qualsiasi altra cosa. Per me è importante portare magia, trasformazione e trasparenza al suono di un’orchestra.

Hai dei modelli come leader di una band?

Questi sono uomini, ovviamente.Ride)! Carlos Kleiber, Wolfgang Swalich, ho sentito parlare di Hans Knabertsoch per molto tempo. E vi dico: Thielman è uno di loro. E ovviamente Petrenko.

Hai parlato di trasparenza. Che ruolo gioca la pratica esecutiva nelle tue interpretazioni?

Un ruolo importante. Questo è stato uno dei motivi per cui sono venuto in Germania. Quando ho tenuto il mio primo tutorial con Eckhard Klemm a Dresda, mi ha chiesto: “Cosa dirai ai musicisti come suonare il movimento all’inizio di ‘Il flauto magico’?” Non lo sapevo. Disse: “Leggi la ‘Scuola di violino’ di Leopold Mozart e torna indietro”. Ovviamente non puoi eseguire Wagner con strumenti antichi. Ma mi interessa: come la musica ha influenzato le persone nel diciannovesimo secolo, persone che non avevano mai sentito niente di simile prima. Ho studiato tutte le versioni di Hollander, nastro per nastro, e quindi ho un’idea abbastanza chiara di ciò che era importante per Wagner.

Come vedi le donne nelle opere di Wagner?

In sostanza, le donne rispecchiano le vere donne nella vita di Wagner. Cinta in “Holander” è una donna molto moderna che predice una profezia. Lo stesso Wagner si è occupato del femminismo in un libro. Le donne della sua vita erano donne speciali che non erano lì solo per divertimento. Erano donne forti e si sente la loro influenza: Cinta è la donna che agisce contro la volontà del padre, anche le donne sul ring portano via gli dei. Cosima è stata anche una donna straordinaria che ha finalmente preso possesso dell’eredità, cosa non normale ed economicamente difficile all’epoca.

Non sei solo la prima donna sulla scrivania di Bayreuth, ma sei anche la prima donna ucraina.

Anche questo è qualcosa di speciale per il festival. Vengo da una cittadina molto piccola, si potrebbe dire dalle contee. Ma la mia città natale, Brody, è anche la città natale di Joseph Roth. Così puoi uscire da un angolo lontano.

Com’è il tuo rapporto con l’Ucraina?

Il rapporto è molto forte. Abbiamo creato un’orchestra sinfonica giovanile con 75 giovani provenienti da 25 località in tutto il paese. Dirigo anche un festival, LvivMozArt, dedicato al personaggio di Franz Xaver Mozart, il figlio più giovane di Mozart. Era vietato trattare con lui in Unione Sovietica, anche se viveva in Ucraina. A quel tempo, la musica e la cultura russe erano dominanti, e il legame con le tradizioni europee dovrebbe essere interrotto, specialmente nell’Ucraina occidentale, dove fino agli anni ’80 c’erano ancora forti lotte di liberazione contro il regime. Oggi abbiamo una forte partnership con Mozarteum Salzburg al festival. Sono contento che quando sono venuto a Dresda come studente nel 2005, molte persone mi hanno chiesto dove fosse l’Ucraina. Poi ho detto che l’Ucraina fa parte dell’Europa.