Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

A causa della repressione degli uiguri: Biden vieta la provincia dello Xinjiang con divieti di importazione

A causa della persecuzione degli uiguri
Biden vieta la provincia dello Xinjiang con divieti di importazione

Si dice che centinaia di migliaia di uiguri siano detenuti nei campi dello Xinjiang. Gli Stati Uniti stanno ora reagendo politicamente alle violazioni dei diritti umani. Il presidente Biden firma una legge che vieta le merci dalla provincia cinese.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato una legge che vieta l’importazione di molti prodotti dalla regione cinese dello Xinjiang. La legge, firmata giovedì dal presidente degli Stati Uniti, vieta i prodotti realizzati in tutto o in parte in questa provincia cinese, a meno che le aziende non possano dimostrare che i prodotti non sono stati fabbricati utilizzando il lavoro forzato, considerato difficile.

Lo sfondo della legge è la disputa tra Washington e Pechino su presunte violazioni dei diritti umani contro la minoranza uigura prevalentemente musulmana nella Cina occidentale. La Cina nega le accuse degli Stati Uniti secondo cui il governo regionale sta commettendo un “genocidio” della minoranza. La Cina è accusata, tra l’altro, di trattenere centinaia di migliaia di uiguri nei campi di rieducazione e di costringerli a lavorare.

La nuova legge statunitense richiede che le importazioni di tre prodotti siano specificamente controllate: il cotone, di cui lo Xinjiang è uno dei maggiori produttori mondiali; pomodori, anch’essi prodotti in grande quantità nella regione; e polisilicio, un materiale utilizzato nella fabbricazione di moduli solari. È il primo divieto di importazione del suo genere al mondo.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che la legge fornisce al governo “nuovi strumenti per prevenire l’importazione di prodotti del lavoro forzato nello Xinjiang e per ritenere responsabili gli individui e le organizzazioni dietro questi abusi”. Ha ancora una volta invitato il governo cinese a porre fine a “genocidi e crimini contro l’umanità”.

La legge potrebbe diventare un problema per le aziende statunitensi

La legge risale a un’iniziativa del parlamento americano. La scorsa settimana, il Senato ha votato all’unanimità in una rara unità per vietare l’importazione. In precedenza, gruppi di pressione di aziende che fanno molto affidamento sulle importazioni dalla Cina hanno cercato di bloccare il voto.

È stato notato che Biden non ha firmato la legge davanti alla telecamera, come il suo predecessore Donald Trump con altre restrizioni commerciali contro la Cina. Invece, il suo ufficio ha appena pubblicato una foto su Twitter. Come Trump, Biden vede la Cina come il più grande concorrente dell’America in tutto il mondo. A differenza del repubblicano, il democratico non vuole che il filo del discorso si spezzi e si affida a una cooperazione limitata, ad esempio nella lotta al cambiamento climatico.

La legge potrebbe diventare un problema ancora più grande per le aziende statunitensi che ottengono parti dalla Cina, anche se non importano direttamente dallo Xinjiang. Ad esempio, il produttore di chip Intel è stato coinvolto nel fuoco incrociato quando ha scritto ai suoi fornitori chiedendo loro di non acquistare più beni dalle province.

Il governo degli Stati Uniti critica Intel per le sue scuse

Ciò ha portato a una protesta sulle piattaforme Internet cinesi. Intel ha cercato di contrastare la protesta pubblica con delle scuse pubblicate sulla piattaforma cinese Weibo. “Il nostro intento originale era quello di garantire la conformità con la legge statunitense”, ha scritto la società statunitense. Intel si scusa “per i problemi causati dai nostri stimati clienti cinesi, partner e pubblico in generale”.

L’azione è stata criticata dal governo degli Stati Uniti giovedì e la portavoce di Biden, Jen Psaki, ha dichiarato: “Crediamo inoltre che le aziende americane non dovrebbero mai sentire il bisogno di scusarsi per aver lottato per i diritti umani fondamentali o aver combattuto l’oppressione”.

READ  Afghanistan: l'esercito tedesco evacua altre 218 persone da Kabul