Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

74a edizione del Locarno Film Festival: eroi impotenti e un premio per la Germania – Cultura

Sarà il nuovo direttore del Festival di Locarno, critico cinematografico e curatore italiano Giona A. Nazaro, sulla strada giusta quando va al cinema? Oppure tradisce il cinema se preferisce i romanzi popolari? Il genere cinematografico è il cinema di domani? L’uno non esclude l’altro?

Intorno a queste domande ruotavano le discussioni dopo il 74° Locarno Film Festival. Sono stati spinti così appassionatamente e violentemente che un collega ha dimenticato di continuare a mangiare il suo gelato. La camicia bianca si trasforma in un astratto verde pistacchio con spruzzi di curcuma arancione.

Sì, il film vincitore del Pardo d’Oro, girato dal regista indonesiano di 43 anni Edwin, è pazzo proprio come suggerisce il titolo: “La vendetta è mia, gli altri pagano in contanti” (tradotto in tedesco: “La vendetta è mia, tutti”. Altri pagano in contanti”).

Il film è ambientato negli anni ’80 e cita il cinema in un’epoca in cui il regista era socievole – film di arti marziali e Kung Fu di Hong Kong, merce miserabile di Hollywood, film di vendetta – il tutto mentre lo decostruiva. Il suo eroe Ajo è uno spietato serial killer, un macho assassino. È impotente.

Violenza e uno sguardo ai rapporti di classe

In una scena di combattimento squisitamente progettata in una cava, si avvicina a Iteung, una giovane donna irascibile che fa da guardia del corpo per la sua prossima vittima. Due esseri inquieti si conoscono e si innamorano, mentre il cinema pensa a se stesso e ai tipi di eroi che continua a produrre.

Si tratta di un protagonista che aumenta la sua impotenza in combattimento e sente sempre più di non rendere più giustizia alla sua immagine. Colpi più duri. La cultura macho delle suole di gomma e delle camicie colorate si considera ridicola.

READ  La musica interpreta il ruolo del primo violino

Il ricorso a schemi e motivi di genere familiari è stato un filo conduttore nei film in concorso di quest’anno. Il pubblico dovrebbe essere intrattenuto, anche nel senso più bello del dialogo. Allo stesso tempo, le opinioni personali e le visioni del mondo di questi film parlano e le questioni politiche vengono tacitamente negoziate.

Questo movimento si nota da tempo, ad esempio nel thriller sudcoreano premio Oscar “Parasite” del regista Bong Joon-ho, che spiega i rapporti di classe nella sua terra natale con uno sguardo spietato.

In modo informale, Edwin conduce anche ricerche sulle cause dei brutali eccessi del suo eroe. Ajo e Eaitung affrontano un ambiente di violenza e corruzione. Chi si discosta da questo sistema è emarginato. E anche se le circostanze non lo consentono, questo film almeno si permette di riflettere sul desiderio degli sposi dei loro sogni.

Roma è stata bombardata

Edwin potrebbe ad un certo punto aver visto le sanguinose storie di vendetta del collega americano Abel Ferrara, come i film “Killer Driller” (1979) o “La donna con il 45 Magnum” (1981). A Locarno Ferrara ha ricevuto il premio per la miglior regia per il suo thriller “Zeros and Ones”. Il suo film mostra la miseria del soldato nei nostri tempi confusi, ma si aggrappa quasi disperatamente alle immagini tradizionali degli uomini.

Un’unità terroristica non identificata vuole far saltare in aria il Vaticano, il soldato americano interpretato da Ethan Hawke vuole impedirlo, mentre allo stesso tempo deve liberare il fratello gemello, un autoproclamato rivoluzionario, da una sfortunata prigione.

Il film di Ferrara ha qualcosa di cui sussurrare e si svolge nell’oscurità sfacciata, poiché il personaggio di Hawke trova sempre la sua strada attraverso le strade e le piazze di Roma fino agli sbalorditivi autobus. La piccola luce cade sul volto spigoloso della crescente determinazione dell’attore. Certo, con questo regista cattolico, lo spettacolo d’obbligo in chiesa non deve mancare. L’autointerrogatorio religioso sembra rafforzare l’eroe nella sua missione: è il soldato prescelto che può liberare il mondo dal male.

READ  Quanto durerà il nuovo contratto WWE di Brock Lesnar e quante partite giocherà? - Contesto del suo ritorno improvviso - Insoddisfazione in FOX e negli USA per vari motivi

Veterano del cinema americano di settant’anni, Ferrara avrebbe fatto bene alla presa di posizione cinica e riflessiva del collega indonesiano Edwin, che aveva quasi trent’anni meno di lui.

E cosa fanno i ruoli femminili?

Sorge la domanda su quali ruoli femminili, immagini femminili e autoritratti vengano paragonati a questi personaggi maschili. Le eroine di questa 74a edizione locarnese sono in allerta, non volendo essere legate, accettano un futuro incerto. Quando Saskia Rosendahl osserva la vastità dei campi nel Meclemburgo-Pomerania occidentale in Nessuno sta con i vitelli, puoi sentire che non vede alcuna prospettiva su se stessa in vista.

[Wenn Sie die wichtigsten Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere runderneuerte App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

L’adattamento cinematografico di Sabrina Sarabi dell’omonimo romanzo di Alina Herbig è stato proiettato al concorso per giovani talenti “Cineasti del presente”. Il focus è su Kristen (Saskia Rosendal), una donna sui venticinque anni che nutre le mucche con stivali di gomma e vestiti attillati alla moda. A chi piace bere un sorso da una bottiglia durante il giorno e imbrogliare il proprio ragazzo con un ingegnere eolico di Amburgo.

La telecamera segue Kristen ad ogni passo, ma lei mantiene le distanze per catturare la solitudine tra lei e l’ambiente circostante: la fattoria della sua amica, il villaggio per due strade, le strade di campagna appartate. Questa giovane donna è sorpresa da se stessa e dalle sue azioni.

In realtà non la riconosciamo, ma ci avviciniamo a lei e al suo desiderio in ogni scena. Saskia Roosendaal dona a questo cristiano una presenza fisica che non richiede parole. Per questo è stata premiata come migliore attrice nel reparto giovanile di Locarno.

READ  "Improvvisamente poveri, improvvisamente ricchi": accuse contro SAT-1 e Imago TV

Programma di diversità e premio per la Germania

Le forme diverse e selvagge del programma di quest’anno si riflettono anche nelle decisioni della giuria presieduta dalla regista statunitense Elisa Hettman. Il secondo premio più importante, il premio speciale della giuria, è andato all’epico “New Old Play” di QIU Jiongjiong.

I fondali artistici raccontano la storia dell’attore che ha interpretato il clown nell’opera cinese per più di 50 anni, e con esso lo sviluppo di un paese da impero a repubblica a dittatura comunista. Il Bodhisattva, l’ex patrono della compagnia teatrale, è stato sostituito dai sontuosi costumi maoisti delle uniformi grigie.

Per sopravvivere, l’arte cerca di adattarsi alle condizioni politiche mantenendo la faccia. A Locarno puoi vivere il volto della settima arte in modi diversi ed emozionanti, come una tazza, come un volto, come una maschera realistica in uno stile di genere. Cambia e tuttavia non cresce.