Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

25 anni di Nokia Communicator: l’inizio dell’era degli smartphone

Quando si tratta di smartphone prima dell’era del touch screen, si pensa ai popolari telefoni Blackberry. Ma anni prima, Nokia era riuscita a utilizzare un telefono cellulare sbloccabile con una tastiera.

25 anni fa, il Nokia Communicator 9000 è stato il primo smartphone ad arrivare sul mercato. Foto: Nokia / dpa (Foto: dpa)
(Foto: Nokia / dpa)

BERLINO – La “scrivania tascabile” di Nokia ha promesso 25 anni fa di lanciare sul mercato un telefono cellulare che potrebbe fungere da capostipite degli smartphone di oggi. Meglio ancora, un’enorme tasca della giacca: il Nokia 9000 Communicator era spesso circa quattro centimetri e pesava poco meno di 400 grammi.

Tuttavia, il telefono aveva anche qualcosa di speciale: poteva aprirsi come un piccolo laptop, rivelando una tastiera e uno schermo in bianco e nero con una diagonale di 4,5 pollici (11,5 cm).

Il Nokia 9000 è stato presentato alla fiera dei computer CeBIT 1996 di Hannover ed è stato lanciato il 15 agosto 1996. Per un decennio, il dispositivo ha dato l’idea di come dovrebbe essere uno smartphone: ha dei pulsanti. Molti pulsanti. Sono solo piccoli computer in movimento. Dopo il Communicator, i telefoni Blackberry con le loro tastiere hanno portato l’idea alla perfezione, fino a quando l’iPhone di Apple con il suo schermo multi-touch nel 2007 ha silurato il concetto e ha gettato le basi per gli smartphone di oggi. Che, tra l’altro, possono effettivamente funzionare come scrivanie tascabili, il che è stato particolarmente evidente nella pandemia di Corona.

Un tempo per sogni e nuovi inizi

Negli anni ’90, si potevano solo sognare le capacità degli smartphone di oggi – come Microsoft nel 1994 nel video visivo “Informazioni a portata di mano”, in cui venivano mostrati dispositivi tascabili con schermi di grandi dimensioni collegati a Internet. Nel video presentato da Bill Gates nel suo discorso al Comdex Computer Show di Las Vegas, da tempo perduto, lo smartphone è stato utilizzato anche per pagare il caffè senza contanti.

Allo stesso tempo, è stato un momento di nuovi inizi poiché molti hanno cercato di implementare almeno alcune delle idee utilizzando la tecnologia di quel tempo nella tecnologia mobile. E più audaci sono le visioni, più dolorose sono le battute d’arresto.

Apple, che era disorientata senza il suo fondatore Steve Jobs, ha fallito con il “portatile” Newton. La particolarità del dispositivo era che avrebbe dovuto riconoscere la scrittura a mano con uno stilo e un grande schermo, ma è proprio qui che il software ha fallito. La startup General Magic ha cercato per anni di mettere in piedi un dispositivo touchscreen che teoricamente si aspettava molte delle funzionalità degli smartphone successivi, ma alla fine era troppo ambizioso per la tecnologia più recente.

L’ufficio è nella tasca grande

La forza dell’approccio di Nokia a Communicator è la sua posizione pragmatica. Il dispositivo non prometteva innovazioni rivoluzionarie, ma di fatto offriva la possibilità di svolgere alcune attività d’ufficio in mobilità. Così puoi inviare e ricevere fax ed e-mail. Il dispositivo fornisce anche l’accesso alla rubrica e al calendario degli appuntamenti. Il prezzo era di 2700 marchi senza SIM (equivalenti a circa 1380 euro senza compensazione del potere d’acquisto).

Una volta piegato, il 9000 Communicator sembrava un semplice telefono cellulare tradizionale con pulsanti di chiamata e un piccolo schermo, solo un po’ più pesante. La risoluzione interna dello schermo è di 640 x 200 pixel. Sembra uno scherzo per gli standard odierni, ma all’epoca 640 x 480 pixel erano lo standard anche per gli schermi di computer di grandi dimensioni. Il primo comunicatore non aveva il tracciamento GPS, una fotocamera o un jack per auricolari, molte cose che fanno oggi uno smartphone. Tuttavia, il dispositivo ha avuto un tale successo che Nokia ha lanciato molti altri modelli nel corso degli anni, che sono stati tecnicamente aggiornati. I finlandesi hanno fatto un ultimo tentativo di trasferire questo concetto nell’era degli smartphone moderni nel 2011 con il Nokia E7, dove lo schermo può essere sollevato e viene rivelata una tastiera.

Se hai ancora un Nokia Communicator 9000 nel vassoio, il dispositivo non deve essere gettato tra i rifiuti pericolosi la prossima volta che pulisci. I primi smartphone sono ancora richiesti su eBay e su altre piattaforme e si vendono a più di 500 euro.

© dpa-infocom, dpa: 210810-99-789285 / 3

READ  We Are Football ha ricevuto il suo primo aggiornamento e il gioco è fatto