Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

25 anni della Porsche 911 della 996a generazione

Insieme alla Boxster, la Porsche 911 con la denominazione di generazione interna 996 ha salvato l’autonomia del marchio esattamente 25 anni fa. I fan sono rimasti sbalorditi quando l’hanno vista per la prima volta nel 1997 all’IAA International Motor Show di Francoforte. 996 rompe con la tradizione. Fatta eccezione per il design iconico e il concetto di guida della 911 pesantemente modificato, tutto è nuovo: raffreddamento ad acqua anziché ad aria e un concetto di parti comuni introdotto per la prima volta con la Boxster della generazione 986. Gli interni della 996 e della Boxster sono completamente identici fino al Montanti B. Il resto è il principio boxer del motore a sei cilindri. Inoltre, sviluppatori e designer sono pronti a esplorare nuove strade.


È tempo di “lasciare andare le vecchie abitudini”, dice oggi August Achleitner. Dal 1989 al 2000 ha lavorato come capo del dipartimento “Pianificazione tecnica del prodotto, concetti di veicoli e pacchetti inclusi progetti speciali”, e quindi come capo strategico della concept car totale 996. “La Porsche aveva bisogno di un’auto nel segmento di prezzo basso, cioè i volumi. Così è nata l’idea della Boxster e della 996 come concetto condiviso di parti”. Era chiaro che la nuova 911 doveva assomigliare alla 911, cioè al motore che avrebbe essere utilizzato nella parte posteriore, all’inizio non lo fece. “Abbiamo provato il motore perché i motori due valvole raffreddati ad aria erano tecnicamente impoveriti in termini di emissioni e prestazioni. I boxer quattro valvole raffreddati ad aria non funzionavano a causa dei vari punti caldi ingestibili. V8 come test, ma è stato fatto”. Ha rifiutato anche quell’idea. Così abbiamo pensato ai motori Boxer raffreddati ad acqua come unità a quattro valvole”.
Fila anteriore: 911 GT3 (996), 911 Turbo S Coupe (996), 911 Carrera 4 Millennium (996), 911 Carrera 4 Cabriolet (996) Fila posteriore: 911 GT1 ’98, 911 Targa (996) 911 GT3 RSR 911 GT1 Edizione Stradale 911 GT3 Cup (996)
© Porsche

READ  Asteroidi vicini alla Terra oggi: 4 incrociatori in orbita attorno alla Terra in avvicinamento!

Negli anni ’90, il capo progettista Harm Lagige è stato responsabile dell’aspetto della 996. Ricorda di essere rimasto stupito dalla strategia, unica nell’ingegneria automobilistica dell’epoca, di progettare una roadster a motore centrale e una coupé a motore posteriore da completamente identici dalla parte anteriore al montante centrale “Il compito è stato una vera sfida. Ma l’abbiamo superato progettando prima molte diverse coppie di Boxster 996. ” A causa dei limiti di tempo, i progettisti devono lavorare direttamente su modelli 1:1. creare il programma, Porsche ha portato a bordo diversi specialisti, in modo che il team Lagaaij a volte raggiunga 80 persone.

Il successo dei due modelli di design scelti è stato infine dovuto alla comparsa dello studio Boxster presentato al Detroit Auto Show del 1993. Lo studio Boxster ha abbagliato il pubblico ed è stato premiato come Best of Show. “Mi è stato subito chiaro: anche il quadrante del display si adatta al 996”, afferma Lagage. “Quello che si dimentica è che abbiamo lavorato su tutte e tre le versioni – 996, 986, show car – contemporaneamente. Altrimenti, sarebbe passato molto tempo prima che il pubblico venisse a conoscenza delle auto”. c’è il rischio di confusione tra le generazioni 996 e 986. Ma: “La pressione e le esigenze per salvare l’azienda sono venute prima”.

Il nuovo concetto di parti comuni interessa tutte le sezioni del frontale: dal telaio all’impianto elettrico, dalla carrozzeria al packaging. “Il programma è stato pianificato in modo tale da poter vendere almeno 30.000 delle due vetture in totale con un buon ritorno”, afferma Achleitner. Questo è stato anche il motivo per cui la Boxster è arrivata sul mercato nel 1996, un anno prima dell’introduzione della 996 nel 1997. Il piano ha funzionato: ogni anno sono state vendute più di 30.000 unità della generazione 996 della 911, con un numero totale che oscillava tra 50.000 e 60.000 .
911 Carrera 4 Millennio (996)
© Porsche

READ  Spelldust - Uscite in tutto il mondo il 22 giugno per iOS e Android

Internamente, non ci sono critiche al concetto o al design: l’aspetto e la sensazione delle unità di indicatori di direzione integrate sfuggono alla stampa dopo pochi mesi. Ciò che sorprende i produttori, dopotutto, le unità sono state molto apprezzate in uno studio Boxster poco prima. “Il design era assolutamente unico: cinque funzioni in un’unica unità che non era molto costosa e poteva essere installata sulla linea in pochi minuti”, spiega Lagage.

Nell’aprile 1998, la coupé fu affiancata da una decappottabile, con un tetto completamente elettrico che poteva essere alzato o abbassato in 20 secondi. Una volta aperto, scompare sotto una copertura in lamiera, in modo che non sia necessario un telone. Circa sei mesi dopo, Porsche ha equipaggiato il duo con 911 Carrera 4 a trazione integrale come coupé e come cabriolet, ciascuna con il telaio 911 di base. La Carrera 911 Turbo a trazione integrale e 305 km / h, che sarà disponibile da gennaio 2000 con il suo motore biturbo da 420 CV, appartiene fin dall’inizio al layout del prodotto. Achleitner: “Durante la progettazione della 996, abbiamo realizzato il tunnel nel telaio abbastanza grande da contenere la trazione integrale. Ciò ha richiesto dei compromessi: a causa del concetto di parti comuni, anche la Boxster aveva questo dettaglio, sebbene non fosse mai stato disponibile con quattro ruote motrici.”
Coppa 911 GT3 (996)
Coppa 911 GT3 (996)
© Porsche

La 911 GT3, invece, apparsa sul mercato nel maggio 1999, è apparsa un po’ per caso: a causa delle modifiche alle normative del motorsport, Porsche ha costruito una versione da 360 CV della 911 come veicolo con omologazione stradale e come successore alla 911 Carrera RS. . “All’inizio il successo economico ei volumi non furono grandi”, rivela Achleitner. “Tuttavia, la 911 GT3 ha segnato l’inizio della fondazione del nostro marchio, perché con la 911 GT3 della generazione 996 abbiamo fatto una netta differenza tra una 911 adatta all’uso quotidiano e il motorsport su strada”. Nel gennaio 2001 seguì una 911 GT2 basata sulla 911 Turbo con un boxer da 3,6 litri e 462 CV, ritardata per la prima volta con freni in ceramica standard.

READ  Comprare un iPhone 11: Attenzione! Avviso di affare sul bestseller di Apple

Nell’anno modello 2002, verrà modificata la generazione 996. La cilindrata aumenta a 3596 cc, la potenza aumenta a 320 CV. Novità della famiglia sono la 911 Targa e la 911 Carrera 4S Coupé con il widebody della 911 Turbo. Una versione aperta 4S è seguita nel 2003. Per il 2004, Porsche offre anche la Turbo come cabriolet e, come uno dei vari modelli speciali, la 911 Carrera coupé “40 anni della Porsche 911” con 345 cavalli, sospensioni sportive e motore elettrico tetto apribile. Dal 2005, la Turbo S è disponibile in versione coupé e cabriolet da 450 CV. Non c’erano tante varianti della 911 quante ce n’erano nella generazione 996. Porsche ha venduto un totale di circa 175.000 unità.

Interessante anche:
Il campione tedesco GT Raffaele Marciello: “Voglio difendere il mio titolo ADAC GT Masters”
Mercedes-AMG high performance: con la Mercedes-AMG ONE Hypercar in pista
Più puri, più corti, più consistenti: i nuovi anelli ODI

Porsche