Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

23 anni di rapporti dell’OMS: i focolai di malattie sono in aumento

Quando si verificano gravi malattie infettive o addirittura epidemie, è importante reagire rapidamente e adottare misure preventive adeguate. Poiché i virus non rispettano i confini nazionali, la condivisione globale delle informazioni è essenziale: anche i responsabili delle decisioni in altre parti del mondo devono essere consapevoli dei rischi posti dai patogeni emergenti.

Per questo motivo l’Organizzazione Mondiale della Sanità pubblica i suoi dati ufficiali dal 1996 “notizie di spicco” In linea. Oltre alle informazioni sulla diffusione della malattia, i rapporti liberamente accessibili contengono anche informazioni su come i paesi colpiti la stanno affrontando.

Sempre più malattie infettive

Un gruppo di ricerca americano guidato dal Dr Rebecca Katz della Georgetown University di Washington ha esaminato più da vicino i rapporti dell’OMS. Il team ha analizzato circa 2.800 “storie di breakout” dall’inizio della copertura fino all’inizio della pandemia di coronavirus nel dicembre 2019.

In linea di principio, i ricercatori non miravano a identificare e confrontare i focolai. Tuttavia, l’analisi dei rapporti ha mostrato che il numero totale di focolai di malattie a livello globale è aumentato notevolmente negli ultimi decenni.

Katz non è stata sorpresa dalla tendenza osservata, dice in un’intervista a Science.ORF.at: “Sappiamo già da altri studi E anche attraverso i nostri anni di esperienza che c’è un aumento molto significativo delle malattie infettive globali “. Secondo il medico, questa è una tendenza che probabilmente continuerà in futuro.

influenza, ebola e febbre gialla

È stato difficile individuare il numero totale di focolai di malattie in tutto il mondo, secondo Katz, ma l’analisi dei rapporti dell’OMS ha rivelato alcuni dati concreti. Di conseguenza, alcune malattie sono state più spesso al centro dell’attenzione dell’OMS rispetto ad altre. Quasi 800 su 2.800 segnalazioni relative all’epidemia “vera influenza”. Il virus dell’influenza A è stato responsabile della maggior parte dei rapporti dell’OMS negli ultimi 23 anni.

READ  Quali alimenti promuovono l'infiammazione?

Numerose sono state anche le segnalazioni MERS-CoV E Ebola Entrambe le malattie infettive causano poco più di 300 segnalazioni ciascuna. I paesi che hanno particolarmente caratterizzato le “breakout news” sono Cina, Arabia Saudita e Repubblica Democratica del Congo.

Critiche ai rapporti dell’OMS

Tuttavia, secondo il medico, non è del tutto chiaro quanto effettivamente dica il numero di rapporti dell’OMS sulla prevalenza e la frequenza di una malattia infettiva. A suo avviso, i rapporti dell’OMS lasciano ancora molto a desiderare in alcune aree. Il vero obiettivo degli Stati Uniti studiache Katz e il suo team stanno attualmente presentando sulla rivista specializzata PLOS Global Public Health, l’obiettivo era quello di portare maggiore chiarezza ai rapporti dell’OMS.

“C’è una mancanza di coerenza e chiarezza su quali focolai di malattie vale la pena segnalare”, ha detto Cutts. Ad esempio, il dottore parla antrace. Questa è una malattia infettiva che i bovini, tra le altre cose, contraggono frequentemente, ma l’antrace è raramente un problema, come riferisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Dati più accurati da cercare

Secondo Katz, la mancanza di standardizzazione e la mancanza di regolamenti spesso rendevano le “notizie straordinarie” inutilizzabili per la scienza. Sebbene la segnalazione sia migliorata in alcune aree negli ultimi anni, i dati non sono ancora sufficientemente accurati per i confronti scientifici e l’uso negli studi.

Quindi il team guidato da medici ha codificato a mano tutti i 2.800 rapporti e ha trasferito le informazioni pertinenti nel proprio database, che i ricercatori hanno potuto utilizzare nel loro lavoro. “Qui abbiamo creato uno strumento standardizzato e accessibile che speriamo vivamente venga adottato anch’esso”, afferma Katz.

base per domande entusiasmanti

Il database potrebbe, ad esempio, aiutare a saperne di più sulle cause dei crescenti focolai di malattie: “Utilizzando i dati di quasi 25 anni fa, è possibile approfondire domande entusiasmanti, ad esempio come le conseguenze del riscaldamento globale si correlano all’aumento delle infezioni”.

READ  Chi soffre di emicrania: il tuo cervello funziona diversamente!

Katz invita inoltre l’OMS a progettare rapporti formali in futuro in modo che possano essere utilizzati per la ricerca fin dall’inizio. Ciò può aiutare a rispondere più rapidamente a focolai di malattie potenzialmente pericolose e ridurre l’impatto sulla popolazione.